lunedì 30 novembre 2009

Colombia: cuoco scomparso su nave Mobilitati l'Fbi e l'Interpol

di Marisa Alagia

MILANO - Dalla nave in crociera nel Canale di Panama, giungono via Internet, i messaggi di solidarietà dei passeggeri ai familiari di Angelo Faliva, il cuoco cremonese di 32 anni scomparso da mercoledì sera dalla Coral Princess, sulla quale lavorava come aiuto chef. Forse un incidente, forse un malore che gli ha fatto perdere l'equilibrio e da un ponte è precipitato in mare. Forse una lite con qualcuno degli oltre 900 membri dell'equipaggio. "Siamo molto preoccupati perché siamo ancora all'oscuro su quanto è successo ad Angelo - ha detto all'ANSA Jorge Cadena, vice capitano della Coral Princess, raggiunto telefonicamente sulla nave da crociera - Il giovane è stato visto per l'ultima volta mercoledì sera, ma l'allarme è stato dato giovedì mattina, noi ovviamente non possiamo interrompere la crociera, anche se siamo davvero preoccupati, ma dobbiamo pensare anche ai nostri passeggeri". Proprio sulla nave (circa 260 metri di lunghezza, oltre 1900 passeggeri,piscine coperte, sauna, sala massaggi, ristoranti aperti 24 ore su 24), sono partite le ricerche di Angelo appena é stata accertata la sua scomparsa. Lo ha reso noto il capitano Mariano Manfuso ai familiari.

...

Fonte

domenica 29 novembre 2009

GOLF, WOODS: MI SERVE UN DIAMANTE PER CALMARE MIA MOGLIE

"Mi servirebbe un Kobe Special per calmare mia moglie". Tiger Woods si sarebbe espresso così poche ore dopo l'incidente che venerdì sera l'ha fatto finire in ospedale e che potrebbe esser stato provocato da una crisi coniugale con la moglie Elin Nordegren. "Devo correre da Zale (un famoso gioielliere) e comprare un Kobe Special', avrebbe detto Tiger a un amico secondo il sito web Tmz. La persona all'altro capo del telefono avrebbe chiesto cos'è un 'Kobe Special'. E Woods: "E' una casa su un anello". Kobe è ovviamente Kobe Bryant. Nel 2003 il campione di basket, accusato di stupro in Colorado, regalò alla moglie Vanessa un diamante da quattro milioni di dollari per farsi perdonare. (29/11/2009) (Spr)

Fonte

sabato 28 novembre 2009

Lega: tetto a Cig per extracomunitari

ROMA - Un tetto alla cassaintegrazione, ovvero a "qualsiasi trattamento di sostegno al reddito", per i cittadini extracomunitari che lavorano in Italia: è quanto prevede un emendamento della Lega alla Finanziaria presentato in commissione Bilancio alla Camera a firma del deputato del Carroccio e capogruppo in commissione Finanze a Montecitorio Maurizio Fugatti.

"Per i lavoratori residenti - si legge nel testo dell'emendamento al secondo articolo della Finanziaria - sul territorio nazionale non cittadini italiani ovvero comunitari destinatari di qualsiasi trattamento di sostegno al reddito, ai sensi della legislazione vigente in materia di ammortizzatori sociali, la durata del beneficio non può essere per l'anno 2010 superiore a sei mesi".

...

Fonte

venerdì 27 novembre 2009

Ex Eutelia, la rabbia dei lavoratori dalle piazze reali a quella virtuale

Ex Eutelia, la rabbia dei lavoratori dalle piazze reali a quella virtuale

Il presidio notturno davanti a Palazzo Chigi

Dossier, documenti e racconti in prima persona. Per conservare e diffondere la memoria di una stagione di lotte e proteste che rischia di vederli sconfitti. E' questo il senso del sito web realizzato dai lavoratori dell'ex Eutelia. Un luogo d'incontro virtuale dove i novemila lavoratori sparsi in tutt'Italia scambiano opinioni sulle vertenze sindacali e organizzano le proprie manifestazioni.

Un sito nato nel 2002 per rendere trasparenti le operazioni dei vertici dell'azienda e le posizioni degli operai. E che nell'ultimo periodo è diventato un diario in presa diretta di quella che viene definita "un altro caso di imprenditoria all'italiana", un "gioco di scatole cinesi" che in nome della speculazione economica "calpesta la dignità dei lavoratori".


...

Fonte

giovedì 26 novembre 2009

Dubai, senza soldi l'isola dei ricchi tremano le Borse di tutto il mondo

Dubai, senza soldi l'isola dei ricchi tremano le Borse di tutto il mondo

Un nuovo fantasma si aggira sui mercati finanziari. Parla arabo, arriva dai paesi del Golfo e sta gettando nel panico le Borse di tutto il mondo. Con l'eccezione di Wall Street, ma soltanto perché la piazza di New York è chiusa fino a lunedì per i festeggiamenti del Thanksgiving Day.

La nuova bolla finanziaria ha il suo epicentro a Dubai, una delle capitali del lusso mondiale, preda di una frenetica corsa all'investimento immobiliare. Lo stesso settore da cui è nata - partendo dagli Stati Uniti - la crisi dell'economia globale soltanto un anno e mezzo fa.

...

Fonte

Juventus - Cori contro Balotelli a Bordeaux: rispunta il razzismo

Tanto tuono che piovve. Non fosse basta la figuraccia rimediata in campo contro i francesi del tecnico Blanc i tifosi della Juventus, o meglio il gruppetto di 300 tifosi organizzati, presenti ieri sera allo stadio di Bordeaux si sono resi nuovamente resi protagonisti di cori contro Mario Balotelli. Stavolta però non c’è da “gridare al lupo al lupo“, non si tratta certamente di “cori da stadio“, ma proprio dello stesso coro che lo scorso anno costò la squalifica del campo con la gara giocata a porte chiuse contro l’Atalanta. La ricostruzione dei fatti parla chiaro: partono i cori, gli stessi già sentiti contro l’Udinese: “se saltelli muore Balotelli“. Odioso, greve, volgare, censurabile, ma non razzista.

...

Fonte

Finanziaria, niente tagli su Irap, Irpef e affitti

ROMA - Niente taglio dell'Irap, neanche in formato mini, niente alleggerimento dell'Irpef e niente cedolare secca sugli affitti: sul tavolo ci sono 'solo' 4 miliardi di euro da spendere e questi serviranno per interventi "strutturali", dal welfare alle piccole e medie imprese, e non per misure "mirate". Alla vigilia dell'esame alla Camera della manovra, il superministro dell'Economia Giulio Tremonti la spunta sui colleghi di governo e sul partito e ribadisce la linea del rigore: disponibilità a ascoltare dunque sì, sarebbe stato il ragionamento del titolare di via XX Settembre, nuovi assalti alla diligenza no.

...

Fonte

mercoledì 25 novembre 2009

Cosentino, la Camera dice no all'arresto

Respinta dalla giunta per le autorizzazioni la richiesta del tribunale di Napoli



ROMA - La giunta per le autorizzazioni di Montecitorio ha detto no alla richiesta di arresto nei confronti del sottosegretario all’Economia, Nicola Cosentino, accusato di concorso esterno in associazione camorristica.

I VOTI - La proposta del relatore Nino Lo Presti di negare l’autorizzazione al Tribunale di Napoli è infatti stata approvata con 11 voti a favore, 6 contrari e un astenuto, il radicale del Pd Maurizio Turco. Il resto dei democratici, compreso il presidente della Giunta Pierluigi Castagnetti, ha respinto la proposta del relatore aderendo quindi alla richiesta di arresto, mentre i due componenti dell’Udc hanno espresso voti diversi fra loro: Domenico Zinzi contrario all’arresto, Pierluigi Mantini favorevole così come l’Idv Federico Palomba. Bruno Cesario, campano, ex Pd, da ieri con il movimento di Francesco Rutelli, era assente.

...

Fonte

Violenza sessuale:fermati 3 ucraini

(ANSA)- MILANO, 24 NOV- Hanno violentato e picchiato una donna ucraina per ore. Poi,l'hanno portata al fiume Po dove l'hanno immersa piu' volte per intimidirla. Dopo le minacce, l'hanno abbandonata vicino al cimitero, a Pavia. Gli stupratori, tre giovani ucraini irregolari, sono stati fermati dalla polizia con l'accusa di violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona e lesioni gravi.

La donna e' ancora ricoverata in ospedale a causa delle numerose lesioni subite.

Fonte

martedì 24 novembre 2009

Cafasso: eroina al posto di coca

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - Fu una dose letale di eroina al posto di cocaina ad uccidere Gianguerino Cafasso, il pusher trovato morto il 12 settembre scorso a Roma. La dose di eroina e' risultata fatale per Cafasso che era un abituale consumatore di cocaina. Per gli esperti che indagano sulla morte del pusher, la dose lo ha ucciso 'in pochi minuti'. Cafasso e' legato a Brenda e fornitore di stupefacenti per altri trans, nonche' colui che tento' di commercializzare il video a luci rosse con Piero Marrazzo e Natalie.

Fonte

lunedì 23 novembre 2009

Cade C-130, 5 morti Chiuso aeroporto Pisa


PISA - Un aereo militare C130 è caduto nei pressi dell'aeroporto di Pisa durante un'attività addestrativa. Morti tutti e cinque i militari a bordo. L'aeroporto civile di Pisa, che è adiacente a quello dell' aereonautica militare e che usa le stesse piste, è chiuso a causa dell' incidente.

Erano tutti in servizio alla 46esima brigata aerea di Pisa i cinque militari morti nell'incidente al C130J: si tratta - rende noto l'Aeronautica Militare - del maggiore pilota Bruno Cavezzana, 40 anni, di Trieste, del tenente pilota Gianluca Minichino, 28 anni, di Napoli, del tenente pilota Salvatore Bidello, 30 anni, di Sorrento (Napoli), del maresciallo Maurizio Ton, 44 anni, di Pisa e del maresciallo Gianluca Larice, 39 anni, di Mestre (Venezia). L'Aeronautica Militare, afferma una nota della forza armata, "esprime il proprio cordoglio ai familiari delle cinque vittime".

...

Fonte

venerdì 20 novembre 2009

Trovata morta la trans Brenda E' la seconda vittima del caso Marrazzo

La transessuale - coinvolta nella vicenda che ha fatto dimettere
il governatore del Lazio - è stata trovata senza vita, asfissiata

La Procura di Roma indaga per omicidio volontario. Forse voleva scappare: aveva le valigie pronte. Il suo computer immerso nell'acqua. Scoperte tracce di liquido
infiammabile

Trovata morta la trans Brenda E' la seconda vittima del caso Marrazzo
ROMA
- Si infittisce il mistero sul caso Marrazzo. E' stata trovata morta asfissiata nella sua casa invasa dal fumo, la trans brasiliana Brenda, 32 anni, coinvolta nella vicenda di sesso, droga e ricatti che ha portato alle dimissioni del presidente della Regione. La Procura di Roma sta indagando sull'ipotesi di omicidio volontario. In questura sono state convocate 15 persone attualmente sottoposte a interrogatorio. tra loro una trans che si chiama Veronica, che sarebbe stata in compagnia di Brenda fino alle 4 di stanotte.

Il computer. I magistrati hanno disposto l'autopsia, gli esami tossicologici e ordinato il sequestro del computer della vittima, trovato immerso nell'acqua in un lavandino. Rispetto a questo particolare si avanzano due ipotesi, una opposta all'altra: il tentativo di renderlo inutilizzabile, da parte di chi non è al corrente che che, comunque, l'hard disk si può salvare; oppure per la ragione opposta, salvare il computer dal fuoco.

Il luogo. Tracce di liquido infiammabile sarebbero state trovate nell'appartamento, non lontano dal cadavere di Brenda. Secondo quanto si apprende, l'incendio avrebbe causato solo qualche danno alla casa. La porta d'ingresso, al momento dell'arrivo dei vigili del fuoco, era chiusa.

Brenda giaceva su un letto collocato in un soppalco di 8 metri quadrati, costruito nella stanza del piccolo appartamento che è di 10 metri quadrati. Secondo quanto accertato le fiamme e il fumo sono scaturite vicino ad un borsone nell'ingresso dell'appartamento. La combustione, lenta, ha provocato fumi che avrebbe soffocato Brenda, che aveva il corpo annerito dalla fuligine. In un primo momento si era inmvece pensato che fosse carbonizzato.

...

Fonte

Si suicida in carcere,ma era libero


Barese condannato a Rimini stava per lasciare la cella a Palmi

(ANSA)- RIMINI, 19 NOV - Era gia' stato formalmente scarcerato, ma nessuno glielo aveva comunicato e l'uomo si e' tolto la vita in carcere a Palmi (Reggio Calabria).E' accaduto martedi' scorso, secondo quanto riporta oggi il Corriere di Rimini:l'uomo infatti, 41 anni, di Bari,era stato condannato nel capoluogo romagnolo nell'agosto 2008 per il furto di uno zaino in spiaggia.Andati a vuoto i tentativi di ottenere i domiciliari in una comunita' di recupero, l'uomo era disperato e si e' suicidato con il fornellino del gas.

Fonte

giovedì 19 novembre 2009

Emanuela Orlandi, c'è il primo indagato La testimone: "E' morta 26 anni fa"

Emanuela Orlandi, c'è il primo indagato La testimone: "E' morta 26 anni fa"

Uno dei manifesti affissi a Roma per la scomparsa di Emanuela Orlandi

ROMA - Dopo oltre 26 anni c'è il primo indagato nella vicenda della scomparsa di Emanuela Orlandi. Sarebbe stato identificato l'uomo che il 28 giugno del 1983, sei giorni dopo il rapimento della 15enne figlia di un funzionario del Vaticano, telefonò alla famiglia qualificandosi come Mario. A riconoscerlo è stata Sabrina Minardi, ex compagna di Enrico De Pedis, il "Renatino" della Banda della Magliana che avrebbe gestito il sequestro della ragazza. La Minardi, convocata in Procura a Roma come riscontro a novità investigative emerse pochi giorni fa, è stata ascoltata ieri dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dal pm Simona Maisto.

L'AUDIO DELLA TELEFONATA

La donna agli inquirenti ha ribadito, con più precisione rispetto alle deposizioni di un anno e mezzo fa, che Emanuela è morta. Nel giugno scorso mise a verbale alcune dichiarazioni. Ora ha ripetuto ai magistrati che la Orlandi fu uccisa qualche mese dopo il sequestro e che il cadavere, in un sacco, fu gettato assieme a un altro in una betoniera. La Minardi non vide il corpo della Orlandi, seppe che si trattava della ragazza da De Pedis, che lei accompagnò appositamente in un cantiere a Torvajanica, sul litorale laziale. Con Renatino c'era un altro uomo che - è stato specificato in Procura - non è il telefonista Mario.

Fonte

Cucchi: trasferiti tre medici ospedale Pertini

ROMA - Sono stati trasferiti i tre medici dell'Ospedale Sandro Pertini coinvolti nelle indagini sulla morte di Stefano Cucchi. Lo ha reso noto Flori Degrassi, direttore generale dell'Asl Roma B, dal quale dipende il reparto penitenziario dell'ospedale romano. I medici trasferiti sono il primario Aldo Fierro, responsabile del reparto penitenziario, e i medici Stefania Corbi e Rosita Caponetti. I tre avevano ricevuto un avviso di garanzia per omicidio colposo, perché accusati di aver omesso le dovute cure sanitarie a Stefano Cucchi, il ragazzo di 31 anni fermato dai carabinieri per droga il 15 ottobre scorso al Parco degli Acquedotti di Roma, e poi morto il 22 mattina al 'Sandro Pertini'. Anche tre guardie carcerarie coinvolte nell'indagine sono state trasferite.

Fonte

Battisti: si' estradizione, 'ma a Lula ultima parola'

ROMA - Spetta a Lula l'ultima parola sull'estradizione di Cesare Battisti. Il Supremo Tribunal Federal, per cinque voti a quattro, ha lasciato l'autorita' sulla decisione al presidente brasiliano.

La Corte si era precedentemente espressa a favore dell'estradizione, grazie al voto del suo presidente Gilmar Mendes: il si' era passato cosi' con cinque voti contro i quattro contrari.

...

Fonte

mercoledì 18 novembre 2009

Cosentino, rinviata la decisione sull'autorizzazione all'arresto

ROMA - La giunta per le Autorizzazioni della Camera ha ascoltato il sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino, per il quale i magistrati campani hanno chiesto l'autorizzazione all'arresto, e ha rinviato la seduta a mercoledì prossimo. "Per noi - avverte il deputato del Pd Donatella Ferranti - si potrebbe anche esprimere un voto già in quella sede". Ma Nicola Cosentino si dice certo che "il provvedimento di custodia cautelare in carcere verrà cassato" e annuncia: "Io rimango al mio posto. L'unico che può decidere sul mio destino e su quello della Campania è Berlusconi".

Fonte

martedì 17 novembre 2009

«Virus A, mio padre morto tre giorni dopo il vaccino»

Paolo Manconi è deceduto sabato, stroncato da encefalite. I familiari: vogliamo sapere se è stato l’antidoto

SALERNO — Paolo Manconi, 64 anni, è morto tre giorni dopo essersi sottoposto alla som­ministrazione del vaccino contro l'influenza A-H1N1 in uno dei cen­tri predisposti dall'Asl di Salerno. Aveva sofferto in passato di asma bronchiale, motivo per il quale il suo medico curante gli aveva con­sigliato il vaccino, ma è deceduto per tutt’altra malattia: menin­go-encefalite. Negli ultimi mesi, l’uomo non aveva mai manifesta­to sintomi che potessero far pen­sare a questo tragico decorso. E al­lora perché tutto questo? Quali so­no le cause di questa morte ina­spettata? Potrebbe esserci un col­legamento tra il decesso e l'antido­to assunto qualche giorno fa? Per queste domande, il figlio della vit­tima, Francesco Manconi, chiede risposte chiare. Che solo una inda­gine medica approfondita, dopo l’autopsia, potrebbe fornire.

...

Fonte

lunedì 16 novembre 2009

Gb: preso stupratore seriale


Preferiva vittime anziane, una aveva 93 anni


(ANSA) - LONDRA, 16 NOV - E' stato arrestato 'the night stalker' - 'il cacciatore della notte' - che per 17 anni avrebbe compiuto stupri su donne anziane. Delroy Grant, 52 anni, e' stato formalmente incriminato dai magistrati di Greenwich che gli contestano cinque stupri, sei aggressioni e 11 furti in appartamenti. La sua 'carriera' inizia nel 1992, ed e' terminata con il suo arresto nelle prima ore di domenica, da parte di Scotland Yard. Una delle donne aggredite aveva 93 anni.

Fonte

domenica 15 novembre 2009

Giovani mammoni? Problema lavoro in Italia

Secondo il bilancio Istat 7 giovani su 10 in un’età compresa tra i 20 e i 34 anni vivono ancora in famiglia. Il dato è certamente preoccupante ma, in Italia i giovani sono davvero cosi “mammoni”?

Che i giovani in Italia siano mammoni non v’è dubbio ma è necessario anche indagare le cause di questa situazione.

Certamente il problema del lavoro, la disoccupazione e il precariato in Italia, non aiuta i giovani a staccarsi dalla famiglia in tempi consoni all’età.

Il precariato spinge i giovani italiani a restare in famiglia perché non possono permettersi un mutuo ad esempio o di poter vivere con la certezza economica di uno stipendio.

Giovani mammoni in Italia dunque si, ma per tanti buoni ragionevoli motivi.

Fonte

venerdì 13 novembre 2009

Tre medici e tre agenti penitenziari indagati per la morte di Cucchi


I sanitari sono accusati di omicidio colposo, gli agenti di omicidio preterintenzionale

Fondamentale il racconto del supertestimone. Nessun riscontro sui carabinieri

di MARINO BISSO e CARLO PICOZZA

ROMA - A tre agenti carcerari che lo hanno avuto in custodia e ad altrettanti medici del reparto di detenzione dell'ospedale Sandro Pertini sono arrivati gli avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi, il trentunenne arrestato in buone condizioni di salute alle 23.30 del 15 ottobre (in possesso di pochi grammi di droga) e deceduto alle 6.45 del 22, denutrito, disidratato, con la schiena rotta e altri traumi.

I sanitari sono accusati di omicidio colposo: destinatari dei provvedimenti sono Aldo Fierro, 60 anni, primario del servizio di Medicina protetta del Pertini e i suoi collaboratori Stefania Corbi, 42, e Rosita Caponetti, 38. Secondo il capo di imputazione, i tre, "omettendo le dovute cure, cagionavano la morte di Cucchi".

In particolare per il contrasto alla denutrizione e alla disidratazione, i sanitari disponevano degli strumenti e avrebbero potuto mettere in campo le azioni necessarie per curarlo anche se il paziente avesse rifiutato le cure. L'avviso di garanzia, spiegano in Procura è dovuto a "un eccesso di garanzia per consentire agli interessati di nominare un consulente in vista della riesumazione della salma".
...

Fonte

giovedì 12 novembre 2009

Eutelia, Fiom: il governo intervenga subito


Conferenza stampa nella fabbrica occupata. I lavoratori sono senza stipendio da mesi

torino
Hanno le facce stanche e tirate, dietro le maschere bianche che indossano per protesta, per dire che si sentono invisibili: sono tanti i lavoratori della Agile che questa mattina hanno incontrato i giornalisti nella sede occupata dell'azienda.
Molti di loro sono ingegneri, tecnici superspecializzati che si occupano da anni di telecomunicazioni ed informatica, rimbalzati per acquisizioni e fusioni successive tra aziende di cui ormai han perso, dicono, il conto: Noicom, Bull, Getronics, poi Eutelia ed infine Agile.
Non vedono lo stipendio da mesi, almeno nella sede di Torino: «Siamo stati spostati nella Agile a giugno, ci hanno dato lo stipendio solo quel mese, anzi la prima metà ce l'ha data la vecchia azienda, Eutelia e gli altri 15 giorni erano della nuova azienda, Agile. Poi più niente». Loro però sono rimasti al lavoro, per paura di perdere le commesse, per paura di non avere più un futuro.
Tra i clienti, ci dicono, abbiamo anche delle istituzioni, dobbiamo dare continuità al servizio, ma non ce la facciamo più.

...

Fonte

Ucciso da rom nel teramano: due arresti, caccia a latitante


di Roberto Almonti

ALBA ADRIATICA (TERAMO) - L'ennesima tragedia provocata dai Rom ha fatto traboccare il pentolone in ebollizione della difficile convivenza ad Alba: quella che doveva essere la fiaccolata in memoria della seconda vittima di un pestaggio di nomadi si è trasformata in una spedizione punitiva. Per gli oltre 200 residenti l'obiettivo sono diventati due dei tre indagati e le abitazioni dei rispettivi parenti. Respinto il tentativo di linciare all'uscita dalla caserma due dei tre giovani zingari accusati dell'omicidio - arrestati in serata con l'accusa di omicidio volontario - la sommossa si è trasferita nella zona nord della cittadina: auto rovesciate e danneggiate, pietre e altri oggetti lanciati contro le abitazioni dei rom. Lui, Emanuele Fadani, commerciante di 37 anni, sposato e padre di una bimba di sei anni, è stato ammazzato di botte, sotto il balcone di casa del fratello. Emanuele Fadani come Antonio De Meo, cameriere di 23 anni: tutti e due morti, tutti e due massacrati da tre zingari ubriachi.

...

Fonte

martedì 10 novembre 2009

Frana ad Ischia, muore una ragazza

ROMA - Una ragazzina di 15 anni morta annegata e undici feriti. E' il bilancio provvisorio della frana che questa mattina si è staccata dal monte Epomeo sopra Casamicciola, ad Ischia. Erano circa le 8.30 quando fango e detriti hanno investito la strada tra Forio ed Ischia, isolando la frazione di Casamicciola che è raggiungibile solo via mare. Almeno una cinquantina, secondo i primi accertamenti dei vigili del fuoco, le autovetture coinvolte, molte delle quali però erano ferme in un parcheggio e vuote.

Diverse le auto che sono finite in mare, così come quelle che sono rimaste sepolte sotto la massa di fango. In una di queste viaggiava Anna De Felice, la 15enne che per il momento è l'unica vittima ufficiale: nei polmoni della ragazza i medici hanno trovato acqua e sabbia. Secondo fonti della protezione civile regionale, in mare sarebbero ancora dispersi un'altra ragazzina e un'altra persona, ma non ci sono conferme. I sommozzatori dei vigili del fuoco e delle Capitanerie di Porto stanno proseguendo le ricerche, rese però difficili dalla grande quantità di terreno e detriti che ha intorbidito l'acqua. Dal fango sono invece state estratte vive una quindicina di persone, tra cui un bambino di 6 anni che in un primo momento era stato dato per disperso, e una bimba, trasportata in ospedale in gravi condizioni. Complessivamente sarebbero una ventina le persone che sono state portate in ospedale, una decina delle quali sono state ricoverate. La frana ad Ischia "mi fa grande rabbia perché significa che tutto il lavoro che è stato fatto fino ad oggi non è stato sufficiente" dice il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso.

...

Fonte

Omicidio di Simonetta Cesaroni l'ex fidanzato rinviato a giudizio

Omicidio di Simonetta Cesaroni l'ex fidanzato rinviato a giudizio

Simonetta Cesaroni


ROMA -
Svolta nell'inchiesta per il delitto di via Poma. Raniero Busco, ex fidanzato di Simonetta Cesaroni, uccisa con 30 coltellate il 7 agosto 1990 a Roma, è stato rinviato a giudizio per omicidio volontario. Il processo comincerà il 3 febbraio prossimo davanti ai giudici della Terza corte d'Assise. A disporre il processo è stato il Gup Maddalena Cipriani.

Il giudice dell'udienza preliminare ha dunque accolto l'impostazione accusatoria e la ricostruzione del pm Ilaria Calò che contestava a Busco il reato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà. Simonetta Cesaroni, all'epoca 21enne, fu uccisa con 29 coltellate: il suo corpo fu trovato nella palazzina di via Poma dove lavorava negli uffici degli ostelli della gioventù. Busco, oggi 44enne e sposato, non si è presentato all'udienza preliminare: difeso dall'avvocato Paolo Loria, si è sempre proclamato innocente.

Il morso sul seno Tra gli elementi decisivi per la decisione del Gup, a quanto sembra, è la perizia sul segno di un morso che fu riscontrato sul seno di Simonetta. Quel segno, secondo i consulenti dell'accusa, corrisponde all'arcata dentaria di Busco. In generale, la svolta nell'inchiesta è arrivata dopo l'applicazione delle nuove tecniche investigative, a partire dai test di rilevazione delle tracce biologiche e le analisi di quelle ematiche.

...

Fonte

lunedì 9 novembre 2009

Giovanardi: "Cucchi? Morto perché drogato" La famiglia: "Vogliamo solo giustizia"

Il sottosegretario liquida così i misteri intorno alla morte del ragazzo romano
"Era uno spacciatore ed era anche anoressico". Idv: "Dimissioni"

Il presidente della Provincia di Roma Zingaretti: "Si scusi o intervenga Berlusconi"


Giovanardi: "Cucchi? Morto perché drogato" La famiglia: "Vogliamo solo giustizia"

Carlo Giovanardi

ROMA - Il sottosegretario Giovanardi ne è sicuro: Stefano Cucchi è morto perché "anoressico, drogato e sieropositivo". Parole pesantissime, che per la sorella del ragazzo morto misteriosamente "si commentano da sole". Fra l'altro, la famiglia ha sempre smentito la sieropositività.

Giovanardi non concede spazio al dubbio: "Era in carcere perché era uno spacciatore abituale. La verità verrà fuori, e si capirà che è morto soprattutto perché era di 42 chili". Così il sottosegretario alla Presidenza alla trasmissione "24 Mattino" su Radio 24.

Giovanardi segue le politiche giovanili del governo e la lotta alla droga. E non ha alcun dubbio. Non ci sono responsabilità umane nella morte di Cucchi. Quel corpo pieno di lividi e fratture di cui è ancora ignota la causa, quelle cartelle cliniche apparentemente manomesse, quella coltre di dubbi che circonda la morte del ragazzo romano, per il sottosegretario, non significano nulla. Se c'è un colpevole, per Giovanardi, è la droga: "Che ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente, poi c'è il fatto che in cinque giorni sia peggiorato, certo bisogna vedere come i medici l'hanno curato. Ma sono migliaia le persone che si riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce così".

...

Fonte

Vent'anni fa cadeva il Muro, festa a Berlino

di Gateano Stellacci

BERLINO - Una nuova barriera si snoda in questi giorni a Berlino su un percorso di 1,5 km davanti alla Porta di Brandeburgo, fra il Bundestag e la Potsdamer Platz, là dove una volta si ergeva il Muro di cemento che ha diviso per 28anni l'attuale capitale della Germania. Ieri per tutto il giorno una folla festosa si è aggirata intorno alla barriera, scattando foto ricordo o bevendo un vino caldo per combattere il freddo.

...

Fonte

domenica 8 novembre 2009

Influenza suina e vaccino

Testimonianza di un medico contro il vaccino

.

sabato 7 novembre 2009

Virus A, oggi nuovi decessi

Pneumologi: "E' meno aggressivo del previsto"

ROMA - Sale a 32 il bilancio delle vittime da influenza A in Italia: oggi, infatti, sono deceduti un anziano affetto da mieloma ricoverato a Torino ed una bambina di 8 mesi a Napoli. Ma, sempre a Napoli, è stata anche disposta l'autopsia su un bimbo di 4 mesi morto oggi, per stabilire se la causa sia il virus A/H1N1, in questo caso sarebbe la 33ma vittima. Un neonato di 25 giorni è stato ricoverato all'ospedale Cardarelli con una polmonite risultando positivo al test del virus A/H1n1. "L'epidemia influenzale e nel pieno della sua azione: almeno 700 mila italiani si sono ammalati, di questi 200mila bambini sotto i 14 anni": è il bilancio dell'epidemiologo Donato Greco dell'Istituto superiore di sanità, indicato dal ministero della Sanità come consulente per l'influenza A in Campania. A Roma, intanto, sono stati ricoverati due medici di base che, non vaccinati, avrebbero contratto il virus dai pazienti.

...

Fonte

giovedì 5 novembre 2009

Scontro fra treni, dieci feriti "Ci hanno detto: tenetevi forte"

BRESCIA - Tanta paura ma per fortuna nessuno è grave tra i dieci passeggeri rimasti feriti in uno scontro fra due treni, un passeggeri delle Ferrovie Nord e una motrice, avvenuto questa mattina nella zona del lago di Iseo, nel Bresciano, fra le stazioni di Vello e Marone. A bordo c'erano circa duecento persone tra studenti e pendolari. Tanti passeggeri sono rimasti coinvolti nell'impatto ma, dai primi accertamenti, nessuno ha riportato lesioni importanti. Circa dieci persone sono state ricoverate negli ospedali di Lovere, Ome e Iseo. Una trentina i contusi.

Erano le 7.44, come riferisce il 118 di Brescia, quando alla sala operativa è arrivata la telefonata di emergenza. Come ha raccontato uno dei passeggeri in un'intervista a Sky Tg24, "i macchinisti si erano resi conto che l'impatto era imminente, allora sono venuti nella prima carrozza e ci hanno detto: tenetevi forte, tenetevi forte".

A destare più preoccupazione, ma si tratta di un codice giallo, è il macchinista del treno passeggeri. Gli altri feriti lievi sono soprattutto studenti. Per i passeggeri del convoglio coinvolto nello scontro, circa 200, è stata messa a disposizione, come punto di assistenza, una sala del Comune di Marone. Ancora da stabilire le cause dell'impatto.

Fonte

mercoledì 4 novembre 2009

Italiani preoccupati dall'influenza A ma sul vaccino prevale lo scetticismo

Italiani preoccupati dall'influenza A ma sul vaccino prevale lo scetticismo
ROMA - Gli italiani sono preoccupati per l'influenza A. Ma sono anche scettici sull'efficacia del vaccino. Un sondaggio realizzato da Ipr Marketing per Repubblica.it rivela soprattutto incertezza e dubbi: più della metà degli interpellati teme per la pericolosità del virus H1N1 e uno su tre si spinge a prevedere che provocherà molte vittime nel nostro Paese, ma al contempo cresce il timore di vaccinarsi.

Oltre la metà degli intervistati, da Nord a Sud, pensa di poter essere colpito dall'influenza A, in particolare i più giovani. Ma in molti ammettono la scarsa conoscenza della malattia: quasi due italiani su tre non saprebbero come comportarsi in caso di contagio. Il 42 per cento delle persone coinvolte nell'indagine accusa le istituzioni responsabili di non dire tutta la verità e addirittura di nascondere qualcosa. Di qui l'allarme, ma anche il diffuso scetticismo sulla vaccinazione. Il ricorso al vaccino è infatti escluso da più della metà degli intervistati: il 56 per cento si dichiara contrario, contro il 33 per cento favorevole e l'11 per cento senza opinione in proposito. La ragione di questa forte opposizione è da cercare nelle controindicazioni: la maggioranza ritiene che sia un vaccino poco sperimentato e dunque potenzialmente in grado di provocare danni alla salute.

...

Fonte

martedì 3 novembre 2009

"Un detenuto non si picchia in sezione" Audio shock dal carcere di Teramo

La Procura abruzzese ha aperto un'inchiesta sulle voci registrate
di due guardie carcerarie che discutono sul pestaggio di un uomo

"Queste cose si fanno sotto... Abbiamo rischiato la rivolta, perché il negro ha visto..."

Il comandante delle Guardie ammette: "Quella voce è la mia"
di GIUSEPPE CAPORALE

"Un detenuto non si picchia in sezione" Audio shock dal carcere di Teramo

TERAMO
- "Abbiamo rischiato una rivolta perché il negro ha visto tutto. Un detenuto non si massacra in sezione, si massacra sotto...". Parole dal carcere di Castrogno a Teramo, parole registrate all'interno di uno degli uffici degli agenti di polizia penitenziaria. Frasi spaventose impresse in un nastro. Ora questo audio è nelle mani della Procura della Repubblica di Teramo che ha aperto un'inchiesta sulla vicenda. Sono parole che raccontano di un "pestaggio" ai danni di un detenuto, quasi come fosse la "prassi", un episodio che rientra nella "normalità" della gestione del penitenziario. Un concitato dialogo tra il comandante delle guardie del penitenziario, Giuseppe Luzi e un agente che svelerebbe un gravissimo retroscena all'interno di un carcere già alle prese con carenze di organico e difficoltà strutturali.

ASCOLTA L'AUDIO

Il nastro è stato recapitato al giornale locale La Città di Teramo, ed è scoppiata la bufera. Il plico era accompagnato da una lettera anonima.

...

Fonte

lunedì 2 novembre 2009

Alda Merini consacrata dalla tv, abile a sfruttarla

MAURIZIO CUCCHI
La scomparsa di un poeta è difficilmente oggetto di un interesse diffuso, nella società d’oggi. Così come lo è in genere, purtroppo, la sua opera. Alda Merini costituisce un’evidente eccezione, perché proprio in questi ultimi vent’anni, in tempi di ben poca presenza pubblica del poeta e della poesia, aveva saputo oltrepassare i confini del semianonimato per imporsi quasi come una star. Lo aveva fatto utilizzando in modo abilissimo il mezzo televisivo (e poi non solo quello, ovviamente), che le aveva consentito di esprimere un personaggio - se stessa - in grado di coincidere quasi perfettamente con l’idea che in genere la gente ha del poeta: bizzarro e maledetto, insolito e sfortunato, estroso ai limiti della follia (e nel suo caso anche dentro la follia), ispirato e estraneo alle convenzioni.

Alda Merini era un poeta già presente da ragazza in quella che era allora una vera società letteraria: era entrata infatti in un’antologia generazionale (Quarta generazione, del ’54) ancora giovanissima. Poi un periodo di oblìo molto lungo, quindi il successo. Che fosse una poetessa vera non c’è dubbio, ma di una specie particolare. E cioè, indisciplinata negli esiti, dove sapeva colpire con improvvise immagini vibranti e forti accensioni suggestive, ma dove anche poteva concedersi, più o meno consapevolmente, soluzioni piuttosto facili e di non meno facile ascolto. La sua scomparsa è dolorosa, come dolorosa e travagliata è stata la sua esistenza. Speriamo che l’attenzione che è stata capace di suscitare si possa ora anche rivolgere a quanto di importante e spesso messo in ombra sa realizzare la nostra poesia contemporanea.

Fonte

domenica 1 novembre 2009

Virus A, morta a Napoli una bambina di undici anni

Dal mese di settembre è la sesta vittima a Napoli Dodicesimo decesso in Italia, primo fra bambini

di Maria Emilia Bonaccorso

ROMA - E' una undicenne di Pompei la dodicesima vittima dell'influenza A in Italia, dal mese di settembre è la sesta morte a Napoli, la prima fra i bambini nel nostro Paese. Preoccupazione per un'altra bimba bolzanina della stessa età in condizioni molto critiche, ricoverata da una settimana alla Clinica universitaria di Innsbruck in Austria. Mentre le regioni si apprestano, fra i ritardi, a far partire nei prossimi giorni, a macchia di leopardo, la "fase 2" della vaccinazione contro la pandemia, aumentano le vittime del virus.

...

Fonte