sabato 31 luglio 2010

Crollo, la bambina è viva ed è in ospedale. Tre i morti

E’ stata estratta viva dalle macerie la piccola Imma, 10 anni, ed è stata trasportata, a bordo di un’ambulanza del 118, in ospedale, fra la commozione e gli applausi della gente. La folla che si è raccolta in via Calvanese e ha seguito il lavoro di scavo ha salutato con un forte applauso i soccorritori. Le operazioni di recupero della piccola Imma si sono svolte con grande cautela, soprattutto perché una gamba era rimasta impigliata nelle macerie. Durante il recupero è stata sentita chiamare a voce alta la nonna. Fonti della protezione civile hanno confermato che le condizioni generali di salute della bambina sono apparse buone. Con le lacrime agli occhi, raggiante, lo zio di Imma Mauriello racconta ai giornalisti le fasi del salvataggio della nipotina. «Aveva il piede bloccato da una grossa e pesante trave, l’hanno sollevata a poco a poco i vigili del fuoco ed i volontari della Protezione civile. Sono stati tutti bravi» dice senza riuscire a trattenere le lacrime. «Ringrazio tutti» aggiunge lo zio mentre l’ambulanza con Imma si allontana a sirene spiegate.

Fonte

La benzina infiamma l'inflazione Istat: 1,7%, ai massimi dal 2008

E' il livello più alto raggiunto dal dicembre del 2008 con gli aumenti maggiori nel settore dei biglietti aerei e delle assicurazioni. Benzina e gasolio, costi boom rispetto a un anno fa. A giugno sono cresciuti (+0,2%) anche i prezzi alla produzione nell'industria

ROMA - A luglio l'inflazione in Italia è cresciuta dell'1,7% su base annua, accelerando rispetto al +1,3% registrato a giugno. Si tratta del tasso più alto da dicembre 2008, un rialzo spinto dai prezzi dei beni energetici. Lo comunica l'Istat nella stima preliminare, precisando che su base mensile, rispetto a giugno, i prezzi sono aumentati dello 0,4%. Secondo queste stime, se si manterranno i livelli di luglio, il tasso di inflazione per il 2010 si attesta al +1,4%.

...

Fonte

Pdl, Fini lancia la sfida a Berlusconi "E' illiberale, da oggi mani libere"

Lo scontro

Durissima replica del presidente della Camera al Cavaliere: "Non darò le dimissioni, il presidente non deve certo garantire la maggioranza che lo ha eletto. Sostenerlo dimostra una logica aziendale". "Sosterremo l'esecutivo, ma non le leggi non pensate per l'interesse generale". "Io difendo la legalità. Si confonde il garantismo con l'impunità" di MATTEO TONELLI

 

ROMA - Contano le parole, ma anche i volti. A partire da quello teso ma determinato di Gianfranco Fini, che in una pagina e mezzo di dichiarazione dichiara finita l'alleanza (ormai logora) con il premier. Quel presidente del Consiglio che ha una "una logica aziendale" e che confonde "garantismo e impunità". Fini punta sui due temi già espressi più volte. Quelli che fanno infuriare il Cavaliere, che vorrebbe che Fini lasciasse la presidenza di Montecitorio. Non accadrà, taglia corto l'ex leader di An. E da oggi il governo dovrà fare i conti con il nuovo gruppo dei finiani alla Camera. 1

...

Fonte

venerdì 30 luglio 2010

Berlusconi: «Non abbiamo più fiducia nel presidente della Camera»

Tre finiani (Bocchino, Briguglio e Granta) deferiti ai probiviri

Censura politica nei confronti del cofondatore del partito e dei suoi seguaci. Il premier: «Governo non a rischio»

ROMA - Rottura totale, o quasi. Manca l'espulsione o il deferimento ai probiviri di Gianfranco Fini, ma la rottura tra i due fondatori del Pdl è stata definitivamente sancita dal documento dell'ufficio di presidenza del Pdl, nel quale vengono deferiti ai probiviri tre deputati: Italo Bocchino, Carmelo Briguglio, Fabio Granata. Favorevoli 33, contrari tre: i finiani Andrea Ronchi, Adolfo Urso e Pasquale Viespoli. Secondo quanto riferiscono alcune fonti, i finiani avrebbero sollecitato 24 ore di tempo prima di arrivare alla rottura.

...

Fonte: Corriere della Sera.it

Berlusconi rompe: "Finiani fuori dal partito" Gli uomini del cofondatore verso nuovi gruppi

La crisi

Documento dell'ufficio di Presidenza:deferimento contro tre fedelissimi dell'ex leader di An: Granata, Bocchino e Briguglio. Il Cavaliere durissimo con l'ex leader di An: "Non abbiamo più fiducia in lui, iniziative perché lasci la presidenza della Camera". La replica: "Non decidi tu". In 34 pronti a nuova formazione parlamentare. Firmano lettera di dimissioni dal gruppo e la affidano al loro leader di MARCO BRACCONI

ROMA - Il Pdl non c'è più. O almeno, non c'è più per come lo abbiamo conosciuto finora. E' durato meno di un'ora l'ufficio di presidenza per decidere l'isolamento e, di fatto, l'espulsione dei dissidenti. Le parole pronunciate da Silvio Berlusconi non lasciano spazio a equivoci: "Facciano pure i gruppi autonomi tanto sono fuori". Non solo. Dal Cavaliere arriva un attacco durissimo alla terza carica dello Stato: "Allo stato viene meno la fiducia nei confronti del ruolo di garanzia del presidente della Camera indicato dalla maggioranza uscita vittoriosa dalle elezioni". E alla domanda se il cofondatore debba lasciare il suo incarico il capo del governo  risponde: "Riteniamo che siano i membri del Parlamento a dover assumere un'iniziativa al riguardo". La replica dell'ex leader di An sul punto è secca: "La presidenza della Camera non è nelle disponibilità del presidente del Consiglio..."

...

Fonte: Repubblica.it

giovedì 29 luglio 2010

Morti due militari italiani a Herat Colpiti da un ordigno rudimentale

AFGHANISTAN

Il sottufficiale e il caporalmaggiore del 32esimo Reggimento Genio sono rimasti uccisi mentre erano impegnati, a piedi, in un'operazione di disinnesco. Lievemente ferita anche una soldatessa. Sono in corso indagini per capire se lo scoppio è stato provocato a distanza con un telecomando o se, al contrario, è stato accidentale. Morti anche due soldati afgani, altri due feriti in modo grave.

 ROMA - Due militari italiani sono morti in Afghanistan, a otto chilometri a sud di Herat, in seguito all'esplosione di un ordigno rudimentale. Lievemente ferita anche una soldatessa, il capitano Federica Luciani. Le vittime sono il primo maresciallo Mauro Gigli e il caporalmaggiore capo Pierdavide De Cillis. Appartenevano al XXXII Reggimento Genio. Nell'esplosione sono morti anche due militari dell'Ana, l'Afghan National Army - l'esercito afgano - e altri due sono rimasti gravemente feriti.

...

Fonte


mercoledì 28 luglio 2010

Il Cavaliere furioso con il cofondatore "Ora basta, con Fini domani chiudo"

Con Giacomo Caliendo siamo al quarto sottosegretario del Pdl finito in un'inchiesta in pochi mesi - Bertolaso, Brancher, Cosentino - , senza contare le dimissioni del ministro Scajola e il coinvolgimento di Marcello Dell'Utri e Denis Verdini nelle indagini.

...

Fonte

Dell'Utri non risponde, indagato Caliendo Bankitalia commissaria il Ccf di Verdini

INCHIESTA P3

L'interrogatorio del senatore è durato meno di un'ora. Avviso di garanzia anche per il sottosegretario alla Giustizia. Berlusconi gli conferma la fiducia. Via Nazionale ravvisa "gravi irregolarita" nella banca del coordinatore Pdl. Il Riesame: interferenza metodica sulle istituzioni. Il Csm approvato trasferimento di Marconi

ROMA - Dopo l'interrogatorio fiume 1 di Denis Verdini, oggi in procura a Roma è stato il turno di Marcello Dell'Utri. L'interrogatorio del senatore del Pdl è stato però molto più breve. Meno di un'ora. Dell'Utri, indagato assieme allo stesso Verdini e a Flavio Carboni nell'inchiesta sulla cosiddetta P3, si è avvalso, infatti, della facoltà di non rispondere.

...

Fonte

 

martedì 27 luglio 2010

"Belen ha usato coca? Non la voglio a Sanremo" Dai verbali spunta anche il nome della Canalis

Zoccarato, il sindaco della città del Festival, pronto a fare "le barricate": "Non c'è diffirenza con la vicenda Morgan, non sarà un bel sedere a convincermi". La showgirl era in cima alla lista delle papabili per la prossima edizione. Ma nell'ordinanza sui locali chiusi per droga a Milano si legge che anche lei ha ammesso di aver assunto cocaina

ROMA - La droga nelle discoteche della movida milanese rischia di far perdere Sanremo a Belen e di creare problemi a Elisabetta Canalis, il cui nome è finito nei verbali. Difficile che Belen Rodriguez possa salire sul palcoscenico del teatro Ariston in occasione del prossimo Festival di Sanremo. Perché a lei dovrebbe, almeno in teoria, essere riservato lo stesso trattamento che fu riservato a Morgan, protagonista di un caso 1 che molti ricorderanno, alla vigilia del Festival 2010. Quando, cioè, ammise in un'intervista a un settimanale di aver fatto uso di stupefacenti, benché a scopi terapeutici e/o antidepressivi, e per questo la sua partecipazione a Sanremo fu cancellata senz'appello, con gran dibattito mediatico e soprattutto con una fortissima indignazione da parte dei vertici di viale Mazzini.

...

Fonte

 

Comitiva travolta da un suv Sale a 3 il numero dei morti

È morta una delle due pensionate rimaste ferite. Secondo quanto riferito dai carabinieri l'uomo che guidava l'auto è risultato negativo all'alcol test. Forse la causa è stata un colpo di sonno

ROMA - È salito a tre, nella notte, il numero delle vittime dell'incidente avvenuto domenica pomeriggio in riva al lago di Misurina 1 in provincia di Belluno: è morta anche una delle due anziane rimaste ferite gravemente, Teresa Godalli Pasqualotto, 76 anni, di Montecchio Precalcino. La donna faceva parte della comitiva dei 4 pensionati in vacanza nella località, travolti da un suv mentre erano su una panchina. Ieri erano morti sul colpo due cugini della provincia di Vicenza, Marilena e Antonio Martini, 64 e 60 anni.

...

Fonte

Wikileaks svela la 'vera' guerra in Afganistan Casa Bianca: "Minacciata sicurezza nazionale"

Il portale Internet ha rivelato alcune informazioni riservate relative al conflitto. Il consigliere Usa per la sicurezza: "Possono mettere a rischio la vita degli americani e dei nostri alleati". Il Pakistan respinge le accuse. Karzai: "Nulla di nuovo"

WASHINGTON - È la più grande fuga di notizie della storia militare americana: notizie che parlano di civili morti e di cui non si è saputo nulla, di un'unità segreta incaricata di 'uccidere o fermare' qualsiasi talebano anche senza processo, delle basi di partenza in Nevada dei droni Reaper (aerei senza piloti), della collaborazione tra i servizi segreti pakistani (Isi) e i talebani. Questo e molto di più, sugli archivi segreti della guerra in Afghanistan, è svelato da Wikileaks - il portale Internet creato per pubblicare documenti riservati - al New York Times, al Guardian e al Der Spiegel. E subito la Casa Bianca ha espresso una 'dura condanna' per la diffusione di informazioni che possono minacciare la sicurezza del Paese e degli alleati. I tre organi di stampa che hanno accettato di pubblicare le informazioni lo hanno fatto, hanno spiegato, perché i dati sarebbero stati diffusi su Internet: "La maggior parte delle relazioni è rappresentata da documenti di routine banali, ma molti hanno un impatto rilevante su una guerra che dura quasi da nove anni", ha detto il New York Times, mentre il britannico Guardian afferma che i documenti, che rivelano il numero crescente di civili uccisi dalle forze della coalizione e dai talebani, "danno un'immagine devastante della guerra e del suo stato di fallimento in Afghanistan".

...

Fonte

lunedì 26 luglio 2010

Fini: "Inopportuno che indagati mantengano gli incarichi politici"

Intervenendo telefonicamente alla convention dei circoli di Generazine Italia, il presidente della Camera non usa giri di parole. "Quando si pone la questione morale non si può essere considerati provocatori ed essere minacciati di espulsione". "Il Pdl è la nostra casa: per rafforzarlo servono meccanismi concordati e discussi"

NAPOLI - "La difesa della legalità deve essere una bandiera dell'azione politica del Pdl. In questo senso occorre distinguere la giusta tutela del garantismo, perché si è innocenti fino al terzo grado, dall'opportunità, in certi casi, di continuare a mantenere incarichi politici quando si è indagati". Così Gianfranco Fini, in collegamento telefonico con la convention campana dei circoli di Generazione Italia. Le parole di Fini giungono un po' disturbate. E' Italo Bocchino, allora, a spiegare che, parlando dell'inopportunità di mantenere incarichi quando si è indagati, il presidente della Camera ha detto di "non aver compreso" la scelta di Nicola Cosentino, dimessosi da sottosegretario ma non da coordinatore campano del Pdl. Dopo questo passaggio disturbato, Fini si concede anche una battuta: "Evidentemente sulla legalità ci sono delle interferenze...".

...


Fonte

Love Parade, sono 19 le vittime della ressa Morta una ragazza italiana, un'altra è ferita

Giulia Minola, 21enne bresciana, è morta nella calca del raduno techno di Duisburg. Era assieme a un'atra ragazza, Irina, già rientrata in Italia, a Torino, che dice: "Ho molto da denunciare". Bertolaso: "In Italia non sarebbe mai successo". L'organizzazione annuncia: "La Love Parade chiude per sempre"

ROMA - C'è una ragazza italiana tra le 19 vittime della strage di ieri a Duisburg 1, provocata dalla ressa scatenatasi nel tunnel che immetteva all'area della "Love Parade 2". Si chiamava Giulia Minola, era di Brescia e aveva 21 anni. Intorno all'una di notte, i carabinieri si sono recati presso la sua famiglia. Quando hanno detto alla madre che il console italiano in Germania doveva parlarle, la donna ha capito subito: era dal pomeriggio che cercava di mettersi in contatto con la figlia, invano. Giulia era alla Love Parade assieme a un'altra ragazza, Irina Di Vincenzo, 21 anni, rientrata nel pomeriggio di domenica a Torino, la sua città. La ragazza è stata curata in ospedale a Duisburg e poi dimessa. Quando è arrivata in ospedale non sapeva della morte dell'amica.

...

Fonte

domenica 25 luglio 2010

Padre e figlio subacquei morti a Portofino

Due sub, padre e figlio della provincia di Piacenza, hanno perso la vita nei fondali di Portofino, intrappolati nella grotta subacquea di San Giorgio, sotto la chiesa che si trova sul crinale tra il borgo e il mare aperto, sul quale è affacciata la cavità sotterranea, a cinque metri di profondità.
A dare l’allarme intorno alle 15 è stato l’istruttore dell’European Diving di Santa Margherita che li accompagnava. Uno dei due cadaveri è stato recuperato dai mezzi della guardia costiera di Santa Margherita Ligure.
Sul posto sono intervenuti sommozzatori dei vigili del fuoco, che hanno cercato di recuperare il secondo cadavere, e i militari della Capitaneria di porto e i volontari del 118 con l’automedica. La zona è sorvolata dall’elicottero dei vigili del fuoco.

Fonte

sabato 24 luglio 2010

Germania, 15 morti alla Love Parade

Schiacciati nella calca in un tunnel

Quindici persone sono rimaste uccise, in un tunnel, schiacciate nella ressa scatenata da un momento di panico al grande evento della Love Parade di Duisburg, nell'ovest della Germania. Secondo la polizia una dozzina di persone sono state rianimate e un centinaio sono i feriti. Love Parade è un popolare festival di musica techno nato nel 1989 a Berlino.

...

Fonte

L’Italia delle case fantasma. Due milioni non denunciate

ROMA—Nell’ordine: Salerno, Roma, Cosenza, Napoli, Avellino, Lecce, Palermo, Catania, Bari, Vicenza, Reggio Calabria, Agrigento, Caserta, Potenza, Cuneo. Bisogna arrivare al decimo posto e poi al 15esimo per trovare due nomi del Nord nella classifica delle province con più «immobili fantasma», le case cioè che per il catasto non esistono, ma sono state scoperte grazie alle foto aeree. Un lavoro che ha fatto l’Agenzia del Territorio (ministero dell’Economia) su quasi tutti i comuni italiani. Nella classifica elaborata dalla stessa Agenzia, su 101 province le prime 13 del Mezzogiorno (quindi senza Vicenza) collezionano da sole ben 703.150 fabbricati fantasma su un totale di 2.077.048 finora scoperti, cioè uno su tre (il 33,8%). Che la casa sia al primo posto nei pensieri degli italiani è risaputo. Non per niente il 75% delle famiglie possiede l’abitazione in cui vive. Poi ci sono le seconde case, per vacanza e investimento. Insomma, un popolo di proprietari. Ma anche di evasori, come noto. Soprattutto nel Sud, in questo caso.

...

Fonte

Uccide due ex datori di lavoro e si suicida Era stato licenziato sei mesi fa

MASSAROSA (Lucca) - Sei mesi fa era stato licenziato dall'azienda per cui lavorava come rappresentante. Oggi pomeriggio è tornato e ha ucciso l'amministratore delegato e il responsabile delle vendite all'estero della ditta, poi si è tolto la vita. L'assassino si chiamava Paolo Iacconi e aveva 51 anni. Le vittime sono Luca Ceragioli, 48 anni, e Jan Frederik Hillerm, 33 anni. Quest'ultimo, tedesco residente ad Altopascio, era da venti giorni padre di una bambina.

...

Fonte

venerdì 23 luglio 2010

Intercettazioni, norma salva P3 più difficile ascoltare i corrotti

E per i blog scatta l'obbligo di rettifica


Il testo approvato in commissione Giustizia con un ultimo blitz del governo. Salta la legge Falcone che consentiva una corsia più rapida per le investigazioni sulle associazioni criminali. Per un gruppo come quello sotto inchiesta in questi giorni i magistrati avranno bisogno di "gravi indizi" di reato per far scattare gli ascolti. Cade il bavaglio alla stampa. Frattini: l'ok prima delle ferie. Pd all'attacco: proporrà il voto segreto di LIANA MILELLA
La centrale del fango di EZIO MAURO

...

Fonte: repubblica.it

giovedì 22 luglio 2010

«Per me è un figlio». Il boa in fuga terrorizza il paese

Battute nei campi alla ricerca del serpente, battezzato Niño. Il padrone, un camionista, è stato denunciato 

GENOVA — Nessuna notizia di Niño. Si chiama «bambino» ed è un boa constrictor lungo un metro e settanta centimetri. «L'ho chiamato così perché è nato in Colombia» dice il padrone, Luigi Bianchi, camionista. Poi spiega come Niño è sfuggito alla sua sorveglianza, proprio come un bambino: «Lo perdi di vista cinque minuti, poi gli lasci un po' più di indipendenza, passano dieci minuti, e l'altra domenica dopo un quarto d'ora non è tornato a casa... e non l'abbiamo trovato più». Niño, come ha raccontato ieri Il Secolo XIX, ha scelto la libertà nei campi di Albarasca, minuscola frazione del Comune di Stazzano, Alessandria. Le pigre giornate di Albarasca sono state scosse da un brivido: dov'è il boa fuggitivo? Cosa fa? Il sindaco di Stazzano, Graziano Montessoro, ha fatto affiggere manifesti con la foto di Niño e i numeri della Forestale e del Comune «da contattare se qualcuno lo vede».

...

Fonte

Mucca pazza, donna livornese in coma Gli esperti: "Oggi la carne è sicura"

Ha 42 anni ed è ricoverata nell'ospedale di Livorno. La prima diagnosi nel 2009 all'Istituto neurologico milanese Carlo Besta. Non è ancora chiaro  in che modo si sia ammalata. E' il secondo caso registrato in Italia

di VALERIA PINI

Una donna di 42 anni è ricoverata nell'Hospice di cure palliative dell'Ospedale di Livorno in coma, per un caso sospetto della sindrome di Creutzfeldt-Jakob, il cosiddetto morbo della 'mucca pazza'.

La donna, originaria di Livorno,  è in condizioni disperate e si trova nel reparto dell'ospedale proprio per effettuare cure che l'aiutino ad affrontare la fase terminale della malattia. Si tratta della seconda persona colpita dal morbo della 'mucca pazza' in Italia. La prima fu una donna siciliana nel 2002.

...

Fonte

mercoledì 21 luglio 2010

"A un passo dalla verità sulle stragi" I pm sull'attentato di via D'Amelio

PALERMO - "Siamo a un passo dalla verità sulla strage di via D'Amelio. E la politica potrebbe non reggerne il peso". A 18 anni dall'assassinio del giudice Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta, i magistrati di Caltanissetta Sergio Lari e Nico Gozzo non hanno dubbi. Nonostante i depistaggi, le "amnesie" istituzionali, le false prove e i falsi pentiti, le indagini sono prossime a una svolta. "Il problema - si chiede l'aggiunto Gozzo, ascoltato a lungo, oggi, dalla commissione nazionale Antimafia a Palermo assieme al procuratore Lari - è capire se c'è una politica in grado di raccogliere tutto questo".

...


Fonte

Marea nera in Cina, salvataggio shock


Queste immagini shock sono state scattate da Jiang He (Reuters-Greenpeace) e documentano la fasi del drammatico salvataggio di due operai impegnati nelle operazioni di pulizia nel porto di Dalian, in Cina, area colpita da un'altra marea nera mentre cercano di fissare una pompa subacquea. Dopo minuti drammatici vengono portati in salvo, e uno è praticamente coperto di petrolio.

Le altre foto



Berlusconi ammette la sconfitta "Non mi hanno lasciato altra scelta"

I finiani cantano vittoria: "Dopo la vicenda Cosentino il premier si è piegato ancora". Alta tensione nel Pdl. C'è chi sconsiglia il voto sul ddl ad agosto per evitare sorprese

di FRANCESCO BEI

ROMA - "Non è la legge che avrei voluto io, ma Napolitano non ci ha lasciato altra scelta. Ora l'importante è andare avanti". Mastica amaro il Cavaliere. Mastica amaro per la bevanda che ha dovuto trangugiare sulle intercettazioni. È stato costretto a firmare una soluzione che è molto distante anche dall'ultima mediazione - che già considerava "un tradimento del programma" - sulla quale peraltro si era astenuto (unico tra tutti i membri) nell'ufficio di presidenza del Pdl del mese scorso. Per comprendere il suo stato d'animo basta riferire la battuta pronunciata una decina di giorni fa durante l'ennesimo "brain storming" con i suoi sherpa: "In Italia si è già intercettato troppo. L'unico emendamento che sono disposto ad accettare è una moratoria delle intercettazioni per i prossimi 5 anni!".

...


Fonte

martedì 20 luglio 2010

Borsellino, applausi a Fini "Mangano non è un eroe"

A Palermo la commemorazione della strage. Il presidente della Camera, prima fischiato dalle agende rosse, si è fermato a parlare con loro: lo stalliere di Arcore "è stato un cittadino condannato per mafia. Eroi sono quelli che si sacrificano per lo Stato". Napolitano: "Fare piena luce". La rabbia di Rita Borsellino

 

PALERMO - Il popolo delle agende rosse, tra memoria, rabbia e speranza, ha ricordato il 18esimo anniversario della morte del giudice Paolo Borsellino e dei cinque agenti della sua scorta. Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, è stato prima contestato e poi applaudito dalla folla di partecipanti alla fiaccolata che ha concluso la lunga giornata. I giovani che inizialmente lo avevano fischiato urlando "vergogna", dopo aver parlato con Fini lo hanno ringraziato per le sue parole. Dichiarazioni fatte faccia a faccia ai contestatori, con cui il presidente della Camera si è intrattenuto a lungo ascoltando le argomentazioni e rispondendo alle domande. Dialogo sfociato in un applauso quando Fini ha detto che "Mangano non è un eroe".

...

Fonte
 

lunedì 19 luglio 2010

Diciotto anni fa la strage di via D'Amelio, Napolitano: "Necessario fare piena luce"

Palermo commemora il giudice Paolo Borsellino e i cinque uomini della sua scorta uccisi il 19 luglio 1992. Messaggio del capo dello Stato alla vedova del magistrato e a Maria Falcone. Rita Borsellino: "C'è chi ha perso il diritto di piangere Paolo". Il procuratore Grasso: "Che non fu solo mafia lo sappiamo da anni". Poca gente alle manifestazioni. Stasera una fiaccolata

"Con animo ancora profondamente scosso, vorrei ribadire che il modo migliore per onorare la memoria di Paolo Borsellino e di quanti hanno sacrificato la loro vita per la difesa dello Stato, della democrazia e della giustizia è per tutti noi - ha detto il presidente del Senato, Renato Schifani - seguire ogni giorno il loro esempio e onorare il loro insegnamento nello svolgimento dei compiti cui siamo chiamati".

...

Fonte

Lecco, due pluripregiudicati evadono scavalcando un muro di cinta

Si tratta di un egiziano detenuto per rapina e lesioni e di un italiano condannato per omicidio e spaccio di droga. La fuga durante l'ora d'aria. Le ricerche estese a tutte le regioni del Nord

LECCO - Sono evasi scavalcando un muro di cinta del carcere di Pescarenico di Lecco. I fuggitivi, entrambi pluripregiudicati, sono El Fadly Aly Amr, egiziano di 29 anni con precedenti per rapina e lesioni personali aggravate, e Romeo Nicodemo, ventiseienne originario di Polistena (Reggio Calabria), condannato per spaccio di sostanze stupefacenti e accusato di omicidio in un procedimento ancora in corso.

...


Fonte

P3, l'inchiesta va avanti probabili nuovi indagati

Dopo le dimissioni di Cosentino e l'interrogatorio dell'ex sottosegretario, settimana cruciale per i magistrati che valutano le posizioni delle persone che compaiono nelle intercettazioni. Previsti nei prossimi giorni gli interrogatori di Caliendo, Formigoni, Miller, Carbone , Marra e Martone. Di Pietro: "Di fronte a questo nuovo scandalo l'Italia non si indigna più"

Fonte

venerdì 16 luglio 2010

Grande caldo, arriva il picco oggi bollino rosso per 18 città

E domani saranno tre in più

Grande caldo, arriva il picco oggi bollino rosso per 18 città

In arrivo il weekend della grande afa. Domani il livello massimo di allerta riguarderà 21 città della penisola. Si suda anche in montagna .
 
Fonte

Piemonte, Cota torna in bilico Il Tar: ricontare 15mila schede

Accolti due ricortsi, escluse le liste, validi solo i voti per Cota. La decisione a notte fonda dopo una lunga camera di consiglio. Esulta la Bresso: "La sentenza ha dimostrato la fondatezza della quasi totalità delle nostre richieste"

di PAOLO GRISERI e VERA SCHIAVAZZI

TORINO - Torna in bilico la presidenza del leghista Roberto Cota alla guida del Piemonte. All'1,05 di questa notte il presidente del Tar piemontese, Franco Bianchi, ha letto il dispositivo di una sentenza che potrebbe rivoluzionare il panorama politico. I giudici hanno accolto parzialmente il ricorso contro due liste di centrodestra ("Consumatori" e "Al centro con Scaderebech") decidendo che si proceda entro 30 giorni al riconteggio dei voti. Respinto invece il ricorso contro la lista "Verdi Verdi" accusata dal "Sole che ride" di aver copiato il simbolo per confondere gli elettori. Infine gli avvocati dei ricorrenti dell'area del centrosinistra hanno 60 giorni di tempo per avviare la querela contro Michele Giovine, eletto a capo della lista "Pensionati per Cota", sotto processo penale con l'accusa di aver presentato firme false.

...

Fonte

La Bp annuncia "Perdita fermata"

British Petroleum fa sapere che per la prima volta dopo tre mesi il greggio non fuoriesce più dalla piattaforma nel golfo del Messico. "Non sappiamo per quanto ma il dato è incoraggiante"

NEW YORK - La perdita di petrolio del pozzo Macondo nel Golfo del Messico è stata fermata per la prima volta da aprile. Lo ha annunciato la Bp, che quest'oggi ha ripreso il test di pressione sull'efficacia del nuovo tappo. Le valvole della nuova struttura di contenimento sono state tutte chiuse e il petrolio non fuoriesce più, ha annunciato il vice-presidente di Bp Kent Wells. Il risultato è il frutto del test sulla pressione del pozzo cominciato da poco.

...

Fonte

P3, si muovono Csm e Cassazione Marra trasferito per incompatibilità

"Cesare? Nelle carte è il premier"

Procedura "per incompatibilità ambientale" sul presidente della Corte d'Appello di Milano finito nelle carte dell'inchiesta sulla struttura segreta. E la procura generale della Suprema Corte apre un'indagine disciplinare su Miller, ex capo degli ispettori del ministero della Giustizia.

giovedì 15 luglio 2010

La rabbia del Cavaliere: "Gianfranco lo distruggo"

ROMA Berlusconi lo vuole morto, dice di Fini cose inenarrabili, che è un killer, un traditore, un ricattatore, un amico delle toghe rosse, «che la pagherà cara», confida uno dei partecipanti al vertice che ha portato alle dimissioni di Cosentino, che però rimane alla guida del Pdl in Campania. Una risposta del premier al presidente della Camera. Il quale voleva liquidare Cosentino da coordinatore regionale ma ha ottenuto l’allontanamento dal governo dopo aver calendarizzato per la prossima settimana la mozione di sfiducia delle opposizioni. «Berlusconi capisce solo questo linguaggio ruvido», ha detto Fini ai suoi, soddisfatto di avere segnato un punto a suo vantaggio.

...

Fonte

Ecco le foto della pantera avvistata di notte dalla forestale

Il felino è stato fotografato ieri sera in via Bronte durante le ricerche condotte dalla forestale

E' stata fotografata dagli agenti del corpo forestale la pantera che dalla metà di giugno è stata più riprese segnalata nel quartiere di Borgo Nuovo, alla periferia Nord di Palermo. Il felino è stato avvistato ieri sera in via Bronte durante le ricerche per la sua cattura, ed è stato fotografato. Si tratterebbe di un esemplare adulto e non di un immaturo.

...

Fonte

Uccise un pedone durante una gara di auto arrestata una ragazza, inchiodata da un video

Ha travolto e ucciso un uomo di 45 anni durante una 'corsa' nel centro del paese assieme ad altri giovani ubriachi. Ad inchiodare la giovane le foto e i video della bravata. Deve rispondere di omicidio colposo, omissione di soccorso e favoreggiamento

di LAURA SPANO'

TRAPANI - Sono pochi frame, ma da questi attimi raccolti da alcune telecamere poste lungo la strada che da Alcamo conduce ad Alcamo Marina, gli investigatori dei carabinieri sono riusciti ad incastrare chi la notte dello scorso 11 giugno ha ucciso e lasciato sull'asfalto senza neppure curarsi di quanto era accaduto un pedone, Vito D'Alcamo 45 anni, operaio sposato e padre di una bambina. In manette con l'accusa di omicidio colposo aggravato e omissione di soccorso è finita Antonietta Rizzo, 24 anni, alcamese. Con lei sono state denunciate altre cinque persone, quattro suoi amici con i quali quella notte dopo avere bevuto abbondantemente aveva improvvisato una gara di automobili lungo quel rettilineo.

...

Fonte

Fiat, tre operai licenziati a Melfi per protesta sulla Porta Venosina

I tre provvedimenti seguono l'analoga decisione assunta ieri dalla Fiat nei confronti di un impiegato delegato della Fiom, Pino Capuzzi, accusato di uso illegittimo della posta aziendale. Venerdì 16 sciopero di tutti gli stabilimenti del gruppo automobilistico

POTENZA - Tre operai del reparto montaggio dello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat - dove si produce la Punto Evo - sono stati licenziati dall'azienda, che li ha sospesi giovedì scorso con l'accusa di aver ostacolato il percorso di un carrello robotizzato durante un corteo interno. Il blocco del carrello robotizzato, secondo l'azienda, impediva di lavorare agli operai che non partecipavano allo sciopero e al corteo interno. Dei tre operai di Melfi, uno ha già ricevuto stamani, attraverso un telegramma, la comunicazione del licenziamento; gli altri due, che sono delegati della Fiom, non hanno ancora ricevuto alcuna comunicazione, ma i dirigenti della loro organizzazione sono sicuri del provvedimento. La Fiom impugnerà i licenziamenti, ha annunciato il segretario Maurizio Landini 1.

...


Fonte

mercoledì 14 luglio 2010

Cosentino si dimette da sottosegretario Anm: i magistrati coinvolti vadano via

"Lascio il governo per concentrarmi sul Pdl in Campania". La decisione dopo un vertice con Berlusconi a palazzo Chigi, presente anche Verdini. Il deputato mantiene il ruolo di coordinatore del Pdl in Campania.

ROMA - Dopo un vertice a Palazzo Chigi con il premier, Nicola Cosentino si è dimesso da sottosegretario all'Economia. "Ho deciso di concerto con il presidente Berlusconi di rassegnare le mie dimissioni da sottosegretario per potermi completamente dedicare alla vita del partito, particolarmente in Campania, anche al fine di contrastare tutte quelle manovre interne ed esterne poste in essere per fermare il cambiamento", ha scritto in una nota e ha aggiunto: "Il presidente della Camera con solerzia degna di miglior causa, dopo che già per due volte proprio alla Camera dei Deputati analoghe mozioni erano state votate e respinte con larga maggioranza, così come anche una al Senato, ha ritenuto di volerle calendarizzare in tempi brevissimi basandosi quindi soltanto su indimostrate e inconsistenti notizie di stampa". E sempre in merito a Fini ha scritto: ''È risibile che l'onorevole Fini voglia far passare le sue decisioni come se derivassero da una sorta di
tensione morale verso la legalità quando si tratta soltanto di un tentativo, anche assai scoperto, di ottenere il potere nel partito tramite Bocchino". E poi l'attacco al 'circo mediatico' che lo perseguita: ''Contro di me - ha detto - è in atto da due anni una persecuzione dal solito circo  mediatico, da 'L'Espresso' a 'la Repubblica', probabilmente perché ho messo fine alle sconfitte del centrodestra in Campania''. Più tardi, ai microfoni del Tg2 Cosentino ha negato che a chiedergli le dimissioni sia stato Berlusconi. ''Assolutamente no - ha risposto -. Sono io che le ho offerte perché è diventata una situazione insostenibile'', ha spiegato.

...

Fonte

Maxi blitz contro la 'ndrangheta: 304 persone arrestate in tutta Italia

Le accuse: traffico di armi e stupefacenti, omicidio, estorsione, usura.

Fermi in Calabria ma anche in alcune località del Nord: diversi anche gli arresti «eccellenti»

MILANO - Un duro colp0 alla mafia più difficile da infiltare da parte degli investigatori. Maxi blitz di carabinieri e polizia contro la 'ndrangheta: 304 sono state arrestate in diverse parti d'Italia per vari reati, tra i quali il tentativo di infiltrarsi negli appalti per l'Expo 2015 a Milano, come d'altronde era già emerso da più di un anno. Si tratta della più imponente operazione di questo tipo degli ultimi anni. 

...

Fonte

Berlusconi: «L'inchiesta P3? Solo polvere Basta con questo clima giacobino»

«Il Paese ha bisogno di responsabilità e di una piena governabilità»

Il premier e il caso eolico: «Sono solo quattro pensionati sfigati che si mettono insieme per cambiare l'Italia»

ROMA - L'inchiesta cosiddetta P3 sull'eolico che coinvolge anche esponenti molto vicini al presidente del Consiglio «è un polverone» e per questo motivo «non succede niente». 

...

Fonte

martedì 13 luglio 2010

Articolo21: "Ora tocca a Mineo sarà cacciato nelle prossime ore"

Rai

Giulietti e Vita lanciano l'allarme: "Gli imbavagliatori cercheranno di mettere le mani anche su RaiNews allontanando il direttore e mettendo al suo posto un esterno gradito alla Lega". Usigrai: "Masi smentisca"

 

ROMA - Il segnale è chiaro ed è solo questione di ore, almeno secondo Articolo21 che lancia l'allarme. "Altro che ricerca del dialogo. Nelle prossime ore gli imbavagliatori, e i loro delegati alla Rai cercheranno di mettere le mani anche su Rainews allontanando il direttore Corradino Mineo, mortificando le richieste della redazione e addirittura mettendo al suo posto un esterno gradito alla Lega". Lo affermano il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti e il senatore Pd Vincenzo Vita rilevando che "se tutto ciò dovesse essere confermato, per la prima volta nella storia della Rai una maggioranza avrebbe il controllo di 10 testate giornalistiche su 11 con l'aggravante di un premier proprietario dell'altrà metà dell'etere e tuttora ministro ad interim delle telecomunicazioni".

...

Fonte

Radio Vaticana, una perizia conferma il nesso tra le onde delle antenne e i tumori nei bimbi

Esiste una correlazione tra l'eposizione alle onde elettromagnetiche e l'aumento di leucemie e linfomi nei bambini fino a 14 anni che abitano a ridosso degli impianti di Cesano. Sono i risultati contenuti nelle 140 pagine della perizia disposta cinque anni fa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo dopo le morti sospette nella zona


C'è stata "un'associazione importante, coerente e significativa, tra esposizione residenziale alle strutture di Radio Vaticana ed eccesso di rischio di malattia per leucemia e linfomi nei bambini". All'incremento di questo rischio potrebbero aver "plausibilmente contribuito" anche le strutture di Maritele, sia pure "in modo limitato e additivo". Sono queste alcune delle conclusioni cui è giunta la perizia firmata dal professor Andrea Micheli e affidata in sede di incidente probatorio dal gip Zaira Secchi cinque anni fa perché si accertasse l'eventuale nesso di causalità tra le onde elettromagnetiche emesse dalle antenne di Radio Vaticana, a Cesano, e quelle del quartier generale della Marina militare, in localià La Storta.

...

Fonte

 

Eolico, sono indagati Dell'Utri e Cosentino

Flavio Carboni provò a manovrare i pm del G8

Altri due esponenti Pdl sotto inchiesta a Roma. Nuove accuse per l'imprenditore: la "P3" voleva avvicinare i magistrati di Firenze che indagavano sui Grandi Eventi. Bondi e Cicchitto contro  Bocchino: "Come ha avuto i verbali?". La replica: "Nessun mistero"

Fonte

Ecco il nuovo volto della 'ndrangheta 300 arresti tra Calabria e Lombardia

Una cupola, come la mafia, e struttura nordica

Operazione senza precedenti, che svela una struttura con tre mandamenti calabresi e un organo di vertice che "ne governa gli assetti, assumendo o ratificando le decisioni più importanti". Poi "La Lombardia", la struttura al nord, con una "Camera di controllo deputata al raccordo tra le strutture lombarde e calabresi"

Fonte

lunedì 12 luglio 2010

Telecom, i lavoratori scioperano e Bernabè annuncia 3.700 licenziamenti

A quasi due anni dall’inizio della crisi economica mondiale irrompono nello scenario italiano i licenziamenti di massa. I vertici di Telecom Italia hanno annunciato ieri pomeriggio ai sindacati di categoria l’avvio della procedura prevista dalla legge 223 del 1991, quella che regola i licenziamenti collettivi. Nei documenti, che giungeranno lunedì mattina sulle scrivanie dei sindacalisti e dei funzionari del ministero del Lavoro, è scritta una cifra impressionante: 3.700 licenziamenti. La procedura prevista dalla legge dà 75 giorni ai sindacati per discutere con l’azienda, e per chiedere una riduzione del numero degli esuberi o il ricorso a misure alternative, come la cassa integrazione o la messa in mobilità. Sarà una battaglia durissima, che l’azienda ha scelto, forse non a caso, di combattere in piena estate.

...

Fonte




Caso Verdini, caos in Campania Via l'assessore che spiava Caldoro

Grasso: "Scambi di favori tra reti criminali"

Appalti eolico, indagato il coordinatore Pdl. Si dimette Sica, accusato di aver complottato contro il governatore. E nel Pdl comincia la resa dei conti. Della Vedova: "Verdini spiegh". Bocchino: "Degenerazione del partito a livelli di guardia". Il procuratore antimafia: "Il reato di associazione segreta difficile da perseguire"

Fonte

sabato 10 luglio 2010

Carboni, cene segrete da Verdini per pilotare nomine e giudici

L'arresto dell'imprenditore sardo. Ai summit partecipava anche Dell'Utri. Il gruppo cercò di influenzare il voto della Consulta sul Lodo Alfano e provò a candidare Cosentino al posto di Caldoro in Campania

ROMA - In carcere l'intramontabile uomo delle trame Flavio Carboni, 78 anni, il giudice tributario Pasquale Lombardi, 77 anni, e l'imprenditore napoletano Arcangelo Martino, lui 63. Avevano costituito, dice la Procura di Roma, un'associazione a delinquere che con la corruzione, l'abuso d'ufficio, la diffamazione e la violenza privata mirava a condizionare "il funzionamento di organi costituzionali e di rilevanza costituzionale" nonché di "apparati della pubblica amministrazione dello Stato e degli enti locali". Come si legge nelle ultime tre righe della lunga ordinanza di custodia cautelare, la loro era "una realtà organizzata del tutto corrispondente alla cosiddetta legge della Loggia P2". La P2 del 2010.

...

Fonte

Regioni, rottura definitiva col governo "Via le deleghe, appello a Napolitano"

Niente accordo nell'incontro con Berlusconi. Bossi: "Volevano tutto o niente". Il provvedimento in Aula. Ok dai Comuni. Sì alla dilazione delle multe per le quote latte. Il premier tenta una mediazione ma Tremonti lo stoppa: "Attento ai mercati".

...

Fonte

venerdì 9 luglio 2010

Intercettazioni. Berlusconi: “Legge sacrosanta”. Il Procuratore Caselli: “Sacrosanta è la protesta”

ROMA – Il ddl intercettazioni «è una legge sacrosanta» e va fatta immediatamente. Parla così il Cavaliere alla vigilia della “giornata del Silenzio” proclamata dalla stampa italiana contro il provvedimento che imbavaglia l’informazione e colpisce duramente le indagini della magistratura. Una legge giusta e che «ricalca un altro disegno di legge che fu approvato con una maggioranza addirittura bulgara nel 2007 quando al governo c'era la sinistra».

...

Fonte

In silenzio per difendere la libertà

Giornalisti in sciopero contro la legge bavaglio

Oggi niente giornali in edicola, tv e radio senza notizie, siti fermi: per tutta la giornata il black-out dell'informazione per l'iniziativa dei giornalisti contro la legge sulle intercettazioni. La Fnsi: "Un gesto simbolico per mostrare i tanti silenzi che la legge imporrebbe". Ieri la difesa di Berlusconi

giovedì 8 luglio 2010

Inchiesta sulle accuse a Sarkozy Trovate le tracce della tangente

La polizia francese avrebbe ritrovato le tracce di un prelievo in contanti di 50.000 euro all'agenzia BNP dove c'era il conto di Liliane Bettencourt, effettuato il 26 marzo 2007. Il ministro del Lavoro Woerth ha annunciato di aver sporto querela per diffamazione. Il presidente: "Manteniamo il sangue freddo"

 PARIGI - Si allarga lo scandalo Bettencourt. La procura di Nantenrre ha deciso l'apertura di una nuova inchiesta sulle affermazioni dell'ex contabile dell'ereditiera, riportate ieri dalla stampa, secondo le quali il presidente Nicholas Sarkozy avrebbe finanziato la campagna elettorale del 2007 con una tangente da 150 mila euro. 

...

Fonte

Si consegna l'assassino dei due italiani Risolto l'omicidio di Hannover

Scappato in Spagna dal patrigno, Holger B. si è presentato durante la notte al magistrato Josè Castro, e ha confessato il duplice omicidio. Si trova nel penitenziario di Palma di Maiorca. Era il principale sospettato.

PALMA - Holger B., il cittadino tedesco di 42 anni già sospettato 1 dalle autorità tedesche di aver sparato e ucciso due cittadini italiani, si è consegnato ai giudici di Palma di Maiorca, in Spagna, confessando di essere l'autore del duplice omicidio avvenuto ad Hannover. Un crimine molto simile a un'esecuzione, motivato da una banale lite sui Mondiali di Calcio. 

...

Fonte

mercoledì 7 luglio 2010

Aquilani in corteo a Roma, scontri e due feriti. I manifestanti assediano il Senato

Arrivano in cinquemila, tafferugli con le forze dell'ordine. Protesta davanti a palazzo Grazioli. Cialente: "Non meritavamo di essere trattati così".  Per Bersani fischi e applausi: "Dico sì ad una tassa di scopo per l'Aquila". Il governo cede e dilaziona il recupero delle tasse

di PIERA MATTEUCCI

ROMA - Non si sono fatti fermare dal grande caldo e dalla paura di un'intera giornata sotto il sole ma, svegli dall'alba, migliaia di aquilani si sono messi in marcia verso Roma per dare vita a una grande manifestazione e lanciare un Sos al governo. Nessuna bandiera di partito, solo quella nero-verde della città, colori scelti dagli aquilani dopo il terremoto che già nel 1703 distrusse il capoluogo abruzzese. Il nero del lutto, il verde della speranza. Aderiscono alla manifestazione 53 dei 59 comuni del cratere, la Provincia dell'Aquila, i sindacati, compreso quello di polizia, tutte le organizzazioni di categoria, ma anche cittadini di Avellino e Palermo, arrivati per dimostrare solidarietà.

...

Fonte

Appalti Trenitalia, cinque arresti Pm: "Gare truccate in modo seriale"

Operazione della Finanza di Napoli su richiesta dei pm Woodcock e Curcio: 5 ordinanze di custodia a carico di due ex dirigenti e tre imprenditori. L'accusa: pilotavano l'affidamento dei lavori di manutenzione di carrozze e locomotori. "Intercettazioni fondamentali". Uno degli arrestati chiama in causa anche l'arcivescovo di Napoli.

NAPOLI - Tangenti per pilotare gare e l'affidamento ad imprese private (per lo più della zona di Napoli) di appalti e commesse relative alla manutenzione, alla rottamazione e, in generale, a tutti i lavori riguardanti carri e locomotive di Trenitalia spa. Questo il sistema di corruzione delineato dai pm partenopei Francesco Curcio e Henry John Woodcock, che hanno coordinato l'inchiesta su una presunta associazione per delinquere che coinvolge ex dirigenti della società e imprenditori. Un'indagine dove, come sottolinea il procuratore aggiunto di Napoli, Francesco Greco, sono state "fondamentali" sia le intercettazioni che la collaborazione di Trenitalia (che si costituirà parte civile).

...

Fonte

martedì 6 luglio 2010

Sui carboni ardenti alla convention Nove agenti immobiliari ustionati

«Motivation day» all'albergo Villa Icidia, in zona Vermicino. Per i ricoverati dieci giorni di prognosi.

 

ROMA - Deve essere diventato una vera giungla, il mercato immobiliare, un’arena infuocata: proprio come camminare sui carboni ardenti. A rischio di bruciarsi i piedi. È quanto è successo domenica pomeriggio a nove agenti immobiliari di uno dei più importanti gruppi italiani, che hanno avuto la ventura di partecipare ad un «motivation day»: uno di quei corsi per manager e venditori in cui, per «sviluppare la propria energia» e «raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi», si viene invitati a partecipare a sfide varie, «prima di tutto con se stessi». Come una passeggiata a piedi nudi sui carboni ardenti. Risultato: ustioni, per fortuna leggere, per nove incauti venditori, fra cui alcune donne, che hanno finito la serata al pronto soccorso, fra l’ospedale di Frascati e il Sant’Eugenio di Roma. Le prognosi sono inferiori ai 10 giorni, con i carabinieri al lavoro per accertare eventuali responsabilità penali. «Ma se non ci saranno denunce la storia per noi si chiude qui», spiegano gli investigatori. 

...

Fonte

Manovra, il governo chiederà la fiducia Fitto: «Nessun incontro con le Regioni»

Il Pd: «totale irresponsabilità». L'idv: «Un provvedimento che non vuole nessuno»

L'orientamento emerso dopo l'incontro Berlusconi-Tremonti. Marcegaglia soddisfatta: «Accolte le nostre richieste»

Berlusconi e Tremonti
Berlusconi e Tremonti
MILANO
- Il governo blinda la manovra e annuncia il proprio orientamento a chiedere la fiducia. La decisione emerge dopo l'incontro tra Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti. Il premier e il ministro dell'Economia «hanno preso atto del buon lavoro finora sviluppato in Parlamento - si legge in una nota ufficiale di Palazzo Chigi - e hanno valutato tutti i miglioramenti proposti e realizzabili, fermo il vincolo dell'invarianza dei saldi».



...

Fonte

Travolta dagli elefanti in Tanzania: tragica morte di una turista italiana

La carica durante il safari a piedi.
Si salva il marito: «Spaventoso»
Doveva essere una vacanza di quelle da ricordare. Riguardando le foto degli animali che popolano la Savana. Ma per S.F., 63enne turista romana in viaggio con il marito in Tanzania, l’attesa emozione di un safari è finita in tragedia: travolta da una carica, anzi due, di elefanti la donna è morta calpestata dai giganteschi pachidermi.

...

Fonte

lunedì 5 luglio 2010

Brancher si dimette da ministro - video Berlusconi: "Condivido la sua scelta" Brancher si dimette da ministro - video Berlusconi: "Condivido la sua scelta"

Si è presentato al processo Antonveneta a Milano in cui è imputato insieme alla moglie. In una dichiarazione spontanea ha annunciato che lascia l'incarico di governo e ha chiesto il rito abbreviato. La maggioranza evita così il rischioso voto di  giovedì sulla mozione di sfiducia presentata da Pd e Idv / LE FOTO

Cani abbandonati, modella in gabbia

Chiusa in una piccola gabbia per 9 ore, sotto il sole cocente. "Sola e abbandonata" come migliaia di animali a quattro zampe che ogni estate trovano rifugio negli angusti spazi dei canili. Nel centro di Palermo la modella e attrice Anita Sorano è stata la protagonista di "Adotta invece di abbandonare", campagna sponsorizzata dal Gruppo cinotecnico Vilardo. Per i cani abbandonati, spiega Anita Sorano, l'unica speranza è l'adozione.
(Foto Mike Palazzotto)

Fonte

Il Belpaese diseguale. Metà ricchezza al 10 per cento degli italiani

L'inchiesta. La crisi ha aumentato le distanze sociali. Classe media frantumata. Peggio di noi, tra le nazioni sviluppate, solo Messico, Turchia, Portogallo, Usa e Polonia. Al Lazio il primato della regione con le maggiori disuguaglianze. Il Friluli quella messa meglio di ROBERTO MANIA

Fonte

domenica 4 luglio 2010

Bruno Vespa condannato in appello per diffamazione della Prof. Isabella De Martini


Ma se cercate la notizia sulle agenzie, o sui giornali online, non ne trovate traccia, salvo che sul "Corriere Mercantile" di Genova, che non è scaricabile se non per gli abbonati. Invano si cercherebbe la notizia sui podcasts dei siti RAI, e crediamo di non sbagliare affermando che certamente Minzolini si sarà dimenticato di dare la notizia... Ma ecco cosa mi scrive Isabella:

...

Fonte

Ragazza sparita, il carabiniere crolla "L'ho uccisa io". Trovato il cadavere

NOVARA Simona Melchionda, la ragazza di Oleggio di cui non si avevano più notizie dal 6 giugno, è stata uccisa. A quasi un mese dalla sua scomparsa Luca Sainaghi, il carabinieri di 28 anni con cui aveva avuto una relazione, ha confessato di averle sparato con la pistola di ordinanza e poi di avere gettato nel Ticino il cadavere. Che, dopo qualche ora, è stato ritrovato in un'ansa del fiume...

Fonte

Fini sfida il premier "Provino a cacciarmi"

Il presidente della Camera e gli ultimatum dei falchi Pdl sulle intercettazioni: "Non sono un eretico, sto dalla parte della legalità. Silvio fa solo propaganda"

ROMA - "Ci provino pure a cacciarmi, in questa vicenda io sono piantato nella Costituzione, nella legalità, nelle linee fondanti del nostro partito e nel sentimento dei nostri elettori. E poi chi lo stabilisce il confine tra l'eresia e l'ortodossia in un partito che si dice liberale ed europeo? Io resto dove sono". Fini si è concesso un sabato di riposo al mare. Agli amici che lo hanno chiamato ha detto d'essere "tranquillo, in pace con la coscienza".

...

Fonte

sabato 3 luglio 2010

Berlusconi: "Rompiamo con Fini A Napolitano darò solo un contentino"

Il Cavaliere apre a Casini, non esclude le elezioni. Non sopporta più la "coabitazione" con il presidente della Camera. Per l'ex leader di An è una trappola.

ROMA - Pianifica, scientificamente, la rottura con Fini. "Perché quel traditore merita solo di essere punito". Una trappola che Berlusconi vuole tendergli sulle intercettazioni in commissione Giustizia. Tutta giocata su modifiche "minime" che i finiani non potranno accettare e su cui, per coerenza, dovranno votare contro. "Un secondo dopo che lo avranno fatto, li buttiamo fuori dal partito". Vede rosso, il Cavaliere. Contro il presidente della Camera e contro il Quirinale.

 ...

Fonte
 

Manovra, per polizia e magistrati ipotesi riduzione delle tredicesime

L'emendamento in Commissione Bilancio al Senato. Casini: "Ipotesi sconcertante". Ma il blocco nella P.A. potrà essere flessibile. Sparisce intanto l'innalzamento dei 40 anni di contributi, corretto il "refuso"

 

ROMA - Per le forze di polizia, i vigili del fuoco, i magistrati, i professori universitari e i diplomatici potrebbe arrivare una riduzione delle tredicesime. E allo stesso tempo sarà data la possiblità di 'esentare' alcune voci delle retribuzioni dal blocco previsto per i dipendenti del pubblico impiego. Lo prevede uno dei tre nuovi emendamenti del relatore, Antonio Azzollini, depositato in commissione Bilancio al Senato. Oltre a magistrati e polizia la riduzione, che dovrà essere decisa attraverso un Dpcm, su iniziativa dei ministri competenti di concerto con il Mef, potrebbe riguardare anche avvocati e procuratori dello Stato e il personale di carriera diplomatica (che compare interamente nella legge 165 del 2001). Mentre per i magistrati potrà essere emanato un decreto su delibera degli organi di autogoverno.

...

Fonte

Berlusconi "occupa" i tg, è scontro "Prendo in mano tutto io"

Cicchitto a Fini: "Meglio la separazione"

Il premier in apertura al Tg1 e al Tg5: "Situazione non tranquilla, ma ghe pensi mi". L'opposizione chiede l'invervento della Vigilanza. Il capogruppo Pdl avverte il presidente della Camera: "Convivenza pacifica o rottura consensuale". Giallo su Brancher: voci di dimissioni, ma lui smentisce

Fonte

venerdì 2 luglio 2010

Pedaggi, la protesta dei sindaci ai caselli

"Più pedaggi autostradali, meno trasporto pubblico". E' uno degli slogan della protesta del Pd contro i rincari dei pedaggi Anas, effetto della manovra del governo. A distribuire i volantini ai caselli di Fiano Romano (Roma Nord) sono stati i sindaci dell'area Tiberina e dei Comuni reatini interessati dal balzello applicato al Grande raccordo anulare. Presente anche il capogruppo del Pd Esterino Montino. Plauso degli automobilisti, che sono stati invitati a firmare la petizione contro il provvedimento definito "illegittimo". Le Province annunciano il ricorso al Tar. L'aumento, scattato il 1 luglio, è di 30 centesimi su circa 19 km di strada percorsa anche da chi entra nella capitale senza poi imboccare il raccordo

 ...

Fonte

Tremonti contro le Regioni del Sud "Fondi Ue non spesi, cialtroni"

ROMA - "Per colpa della cialtroneria di chi prende soldi e non li spende", al Sud sono stati spesi solo 3,6 miliardi di risorse comunitarie a fronte di una cifra pari a 44 miliardi per il periodo 2007-2013. Così il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, intervenendo all'assemblea nazionale di Coldiretti, che ha poi aggiunto: "nei prossimi anni i soldi per il Mezzogiorno saranno di più e non di meno, quindi non si può continuare con questa gente che sa protestare e non sa dare servizi per i cittadini".

...

Fonte

«Berlusconi, festa con sei ballerine» Palazzo Chigi smentisce la notizia

LA STAMPA BRASILIANA

L'"Estado De Sao Paolo": «Una pole dancer pagata mille euro». Da Roma: «Non c'è niente di vero»

MILANO - Un party privato con sei ballerine, tra cui una celebre pole-dancer (una ragazza che si esibisce avvitandosi intorno a un palo), e una cena tipicamente italiana con formaggi, salumi e prosciutto di Parma. Il tutto condito da spumante e vino bianco e rosso. Sono alcuni particolari di una festa (che però Palazzo Chigi smentisce decisamente), cui avrebbe partecipato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in un hotel di lusso, il Tivoli Sao Paulo Mofarrej, lunedì scorso, a San Paolo, nel corso della sua visita ufficiale in Brasile. La notizia è stata pubblicata dall’edizione online del quotidiano «Estado de Sao Paulo», e ripreso dall’agenzia AE (Agencia Estado), che titola: «Festa privata anima la visita di Berlusconi in Brasile». Da Roma invece si risponde: «Non c'è niente di vero».

...

Fonte

 

Spari in strada, ferita una studentessa Colpita da proiettile vagante: è grave

L'obiettivo dei sicari un esponente degli Zuccaro, centrato da almeno tre spari.

La giovane raggiunta accidentalmente da un colpo di arma da fuoco in Piazza Dante 


I rilievi degli inquirenti sulla scena della sparatoria 
(Ansa)
I rilievi degli inquirenti sulla scena della sparatoria (Ansa)
CATANIA
- Una studentessa universitaria, la 34enne Laura Salafia, originaria di Sortino (Siracusa), è rimasta gravemente ferita in una sparatoria avvenuta in piazza Dante a Catania, nei pressi dell'ex monastero dei Benedettini che ospita le facoltà di Lettere italiane e di Lingua e letteratura straniera. La giovane, in base ai primi accertamenti, è stata raggiunta accidentalmente da un proiettile vagante. L'obiettivo della sparatoria era infatti un esponente del clan mafioso Zuccaro: Maurizio Gravino, di 40 anni. L'uomo è rimasto gravemente ferito, centrato da almeno tre colpi di pistola. Ha tentato la fuga su un ciclomotore verso la caserma dei carabinieri ma si è accasciato prima di poterla raggiungere. Soccorso è stato condotto nell'ospedale Vittorio Emanuele dove è stato ricoverato e sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

...

Fonte

 

Arriva la prima ondata di caldo

METEO
Arriva la prima ondata di caldo
Termometro vicino ai 40° gradi. Allerta a Torino, Trieste, Venezia, Milano, Bolzano, Bologna e Brescia.


Arriva la prima, vera, ondata di calore sull'Italia: già a partire da oggi e per tutto il week end sulle regioni centro settentrionali sono previste temperature attorno ai 35-37 gradi, di 2/3 gradi sopra la media stagionale. E in alcuni casi, soprattutto nelle grandi città, il termometro potrebbe sfiorare i quaranta gradi. Il sistema di previsione delle ondate di calore del Dipartimento della Protezione Civile - che monitora la situazione di 27 città italiane dal 15 maggio al 15 settembre - segnala che in sette città (Torino, Trieste, Venezia, Milano, Bolzano, Bologna e Brescia) l'allerta sarà al livello 2, quello in cui si prevedono temperature elevate che possono avere effetti negativi sulla popolazione, mentre Torino e Venezia faranno segnare il livello 3 di allerta, il massimo. Si attendono dunque «condizioni meteorologiche di rischio che persistono per tre o più giorni consecutivi» nei quali «è necessario adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio».

...

Fonte

In piazza contro la legge-bavaglio Napolitano: "Chiari i punti critici"

Fini: "Riflettere, nel Pdl problema legalità"

La non-stop di Piazza Navona. Iniziative in decine di città, ecco Milano. Il presidente: "Non mi hanno ascotato" (video). I dubbi della terza carica dello Stato. Che attacca anche su Brancher. Scontro con Bondi.  Il premier "irritato". Bossi apre a modifiche.   Ezio Mauro a Repubblica Tv di C. MORGOGLIONE

giovedì 1 luglio 2010

Pensioni: non basteranno più 40 anni di contributi



MILANO -Per andare in pensione, dal 2016, non basteranno più i 40 anni di contributi. È quanto prevede l'emendamento del relatore alla manovra, Antonio Azzollini (Pdl), che fra l'altro innalza l'età pensionabile delle statali. Slitta quindi di un anno, dal primo gennaio 2015 al primo gennaio 2016, l'adeguamento triennale dei requisiti anagrafici per l'accesso al pensionamento all'aumento dell'aspettativa di vita, previsto dalla manovra estiva del 2009. In pratica, a partire dal 2016, tutti i requisiti di pensionamento saranno aggiornati ogni tre anni in base alla variazione della speranza di vita calcolata dall'Istat. Ma la norma riguarderà, oltre all'età di pensionamento, anche il requisito dei 40 anni di contribuzione per poter andare in pensione a prescindere dall'età. Non solo: l'adeguamento all'aspettativa di vita scatterà anche per le pensioni sociali. Anche chi dovrebbe percepire l'assegno più basso, quello che il precedente governo Berlusconi portò a circa 500 euro (il vecchio milione di lire) vedrà spostarsi l'età in avanti a seconda dei successivi adeguamenti dell'Istat.

...

Fonte

Bavaglio, in aula il 29 luglio, Fini: "Decisione irragionevole"

Garante: allarme libertà di stampa /Video

Ddl intercettazioni, il presidente si sarebbe adeguato per "dovere istituzionale" alla volontà dei gruppi. Napoli (Pdl): "Degrada le istituzioni". Di Pietro: opposizione unita per il ritiro. Oggi l'informazione in piazza, in diretta su Rep Tv

Uccide due donne nello stesso modo Denunciato sette volte per stalking

Gaetano De Carlo, 55 anni, spara a una sua ex compagna di 36 anni a Riva di Chieri, nel Torinese. I carabinieri lo cercano ma non fanno in tempo a evitare che qualche ora dopo uccida un'altra ex di 42 anni in provincia di Cremona. Alla fine si è tolto la vita.

 ROMA - Si è conclusa tragicamente, come era iniziata, la giornata di Gaetano De Carlo, 55 anni, carrozziere di origini pugliesi. Lavorava in provincia di Bergamo e abitava a Vailate (Cremona), divorziato e con una figlia, precedenti per minacce. Una giornata di follia omicida, conclusa con il suicidio. Nel giro di poche ore, De Carlo ha assassinato due ex. La prima a Riva di Chieri, nel Torinese, con tre colpi di pistola, una calibro 7,65. La seconda a Rivolta d'Adda, in provincia di Cremona, sparandole un colpo alla testa. Infine si è suicidato a Corneliano di Truccazzano (Milano). L'uomo era sotto inchiesta per stalking. E' stata proprio la prima vittima, Maria Montanaro, a fare il nome dell'uomo pochi istanti prima di morire: "E' stato lui - ha detto ai soccorritori - è stato Gaetano".

...

Fonte