martedì 31 gennaio 2012

L'Italia sfida il grande freddo

Da oggi l’ondata che nel fine settimana raggiungerà il picco. Da Nord a Sud i Comuni  si attrezzano per affrontare l’emergenza. E a Torino è già polemica: era proprio necessario chiudere le scuole per neve?

ANDREA ROSSI
Torino
Stavolta le Alpi non hanno fatto da muro. E l’ondata di freddo siberiano che sta flagellando l’Europa dell’Est oggi si abbatterà sull’Italia, insieme con la perturbazione in arrivo dalla Gran Bretagna e dalla valle del Rodano. Nei Balcani il termometro è sceso a meno 25, in Polonia a meno 27. Si contano i morti: almeno cinque in Serbia, altrettanti in Polonia e Bulgaria, una ventina in Ucraina. Il gelo farà crollare le temperature anche in Italia: minime sotto i dieci gradi, non solo in montagna, ma anche in molte città. Già ieri in Veneto i valori sono crollati: meno 16 a Marcesina, meno 14 ad Asiago. Secondo gli esperti si toccheranno i livelli più bassi degli ultimi ventisette anni.

Continua qui

 

2011, un anno record per furti, rapine e borseggi

Boom di assalti alle abitazioni: +28%. Reati contro il patrimonio aumentati del 15%. La quota degli stranieri irregolari denunciati in Italia per reati di droga ha raggiunto il 34,5% del totale. Tra il 2004 e il 2007 l'incremento era stato più graduale e legato agli scippi e ai borseggi di FABIO TONACCI 

 

UN DILAGARE di rapine a mano armata negli appartamenti. E un esercito di scippatori e borseggiatori in strada a minacciare la sicurezza pubblica. La criminalità in Italia sta vivendo una svolta. Nel 2011, dopo anni di calo costante, c'è stata un'impennata a sorpresa dei reati contro il patrimonio, aumentati del 15 per cento rispetto al 2010.


Continua qui

"Un piano anti-evasione di primavera maxi controlli sulle dichiarazioni"

"Dopo Cortina e Milano, scandaglieremo ancora il Nord. Poi toccherà al Centro-Sud". Il direttore dell'Agenzia delle entrate Befera illustra la nuova strategia di recupero fiscale: "Grazie all'ultima manovra,abbiamo accesso diretto ai conti correnti bancari". E dice: "C'è una fuga di massa dei capitali verso la Svizzera" di MASSIMO GIANNINI

 

"LA LOTTA all'evasione è uno sforzo titanico, ma comincia a dare i suoi frutti. Nel 2011 abbiamo recuperato 11,6 miliardi. Ora, con il controllo dei conti bancari, può partire la grande svolta di primavera". Lo annuncia Attilio Befera, che guida Equitalia e Agenzia delle Entrate.

"Per noi è un risultato eccellente, se si considera che avevamo recuperato 9 miliardi nel 2009 e 10,5 miliardi nel 2010". L'uomo più blandito, temuto e contestato del momento tira dunque le prime somme. Nella guerra delle tasse, ciclica in un Paese che "produce" ogni anno 120 miliardi di evasione e 250 miliardi di sommerso, guida una sorta di pool anti-evasione. Un esercito di circa 30 mila uomini, che ogni giorno combatte un nemico temibile, e spesso invisibile.

Dal suo quartier generale, all'ottavo piano della sede di Via Cristoforo Colombo, Befera annuncia: "Ormai siamo in grado di verificare la posizione di tutti i contribuenti. Dopo le dichiarazioni dei redditi di giugno scatterà un'operazione di controlli "massivi". La vera lotta agli evasori può cominciare davvero". 


Continua qui

lunedì 30 gennaio 2012

I deputati si tagliano lo stipendio

Via libera alla sforbiciata. Ogni mese 1300 euro lordi in meno. Dal governo un tetto per i compensi dei manager. Il parametro sarà la retribuzione del primo Presidente della Cassazione.

Continua qui 

Ma l'indennità netta mensile rimarrà invariata grazie al diverso regime fiscale dei contributi

 

Tragico incidente in Puglia: 3 morti e 10 feriti. Ferrari si schianta contro altre tre macchine

Il conducente del bolide avrebbe perso il controllo della vettura finendo contro le altre auto

Tragico schianto in Puglia. Tre persone sono morte e altre dieci sono rimaste ferite in un incidente stradale verificatosi sulla statale 172 dei Trulli che collega Taranto a Martina Franca. Quattro le vetture coinvolte, tra cui anche una Ferrari. Secondo la ricostruzione dei fatti, la tragica carambola sarebbe stata innescata proprio dal concudente del bolide, che ha perso il controllo del mezzo finendo contro le altre macchine.L'incidente è avvenuto in contrada "San Paolo", a Martina Franca. A causa dell'incidente, è stato provvisoriamente chiuso il tratto della strada statale 172 "dei Trulli", dal km 52,000 al km 54,000, in entrambe le direzioni.

Il conducente della Ferrari è una delle tre vittime del violento impatto. Non è escluso che il conducente del bolide possa aver perso il controllo della vettura a causa dell'asfalto reso scivoloso dalla pioggia. Tra i 10 feriti ci sono anche quattro bambini, le cui ferite sarebbero però di lieve entità. I detriti delle quattro auto coinvolte sono sparsi in un raggio di circa cinquanta metri. Una delle vittime, il conducente della Ferrari, un imprenditore di Crispiano di 57 anni, è stato sbalzato ad una trentina di metri dal luogo in cui si trova la sua vettura. Le altre due persone decedute sono marito e moglie.

Continua qui

Maltempo, arriva il freddo siberiano

Neve in tutta l'Emilia Romagna, poi a Genova e Firenze

ROMA - E' allerta neve e ghiaccio in tutto il centro-nord con l'arrivo, domani, di una perturbazione proveniente dalla Gran Bretagna che, alimentata da aria fredda, porterà temperature polari e nevicate anche in pianura. E così, mentre da sabato non ha praticamente smesso di nevicare sul nord ovest - 20 centimetri a Torino, oltre mezzo metro nel cuneese, e precipitazioni abbondanti anche sulle altre province del Piemonte, in Valle d'Aosta, Liguria e parte della Lombardia - il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un nuovo allerta meteo valido dalla mattinata di domani e per le successive 24-36 ore: gli esperti prevedono nevicate fino a quote di pianura ancora su Piemonte, Lombardia e Liguria, ma dal pomeriggio i fenomeni si estenderanno su Emilia-Romagna, Toscana, Marche ed Umbria e dalla serata interesseranno anche Lazio, Abruzzo e Molise, dapprima a quote superiori ai 400-600 metri e successivamente fino a 100-300 metri.

Continua qui

Maltempo:Piemonte, gelo record fin -13°

 

La strage degli innocenti 400 bimbi uccisi in Siria

La stima-choc dell'Unicef. Anche oggi decine di morti, è stallo Onu

Nel mattatoio siriano in cui i morti si contano a decine ogni giorno con una recrudescenza particolare proprio questa settimana, è stato aggiornato anche il bilancio dei bambini vittime della repressione: quasi 400 uccisi dall’inizio della rivolta dieci mesi fa.

Il dato è stato diffuso nell’ennesimo venerdì di protesta e alla vigilia di una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu che potrebbe chiedere le dimissioni del presidente siriano Bashar Al Assad: una svolta che però sarà bloccata da un veto russo. Sono almeno 384 i bambini uccisi, ha stimato l’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia che parla anche di altri 380 ragazzini arrestati, in gran parte sotto i 14 anni. Il dato è riferito al 7 gennaio ed è quindi sicuramente incompleto visti gli almeno sei piccoli uccisi solo ieri e due oggi.

Continua qui

Nuovi assunti senza articolo 18 ma in cambio addio al precariato

Il governo sposa la linea Bce. Dimezzata la norma anti-licenziamenti. Non cambia nulla per gli attuali occupati. Passera: "Affronteremo anche il problema della flessibilità in uscita e vi sorprenderemo" di ROBERTO MANIA 

 

ROMA - "Affronteremo tutti i problemi. Anche quello della flessibilità in uscita. E vi sorprenderemo". Corrado Passera, ministro dello Sviluppo economico, parla nella freddissima Davos, davanti ai potenti dell'economia globale. E' lo scorso giovedì, il tema della tavola rotonda è "Future of Italy". Il ministro, ex banchiere, sa benissimo che sull'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori non saranno ammessi bizantinismi. Servono soluzioni chiare, non necessariamente traumatiche. Comunque comprensibili in Europa.


Continua qui

domenica 29 gennaio 2012

E' morto Oscar Luigi Scalfaro

È stato il nono presidente della. Repubblica (dal 1992 al 1999)

Roma
 
All'età di 93 anni è morto nella notte a Roma Oscar Luigi Scalfaro, nono presidente della Repubblica. La notizia della scomparsa del presidente emerito è stata diffusa stamattina su Twitter. Nato nel 1928 a Novara da famiglia di origine calabrese, oltre a ricoprire la massima carica dello Stato (dal 1992 al '99) Scalfaro è stato anche presidente del Senato e della Camera. Era stato anche ministro dell'Interno nel primo governo Craxi.

Continua qui

 

Freddo e neve in Liguria nei “giorni della Merla”

Genova - In arrivo in Italia neve e gelo siberiano. Per i tre giorni della Merla, secondo la leggenda i più rigidi dell’anno, che cominciano proprio oggi, sul nostro Paese è in arrivo un’ondata aria fredda, proveniente dalla Francia, che raggiungerà le regioni settentrionali, portando nevicate anche in pianura e un abbassamento delle temperature a partire da lunedì con valori minimi inferiori a -5° C. Secondo Autostrade per l’Italia sul nord-ovest del Paese nevica da circa 12 ore senza però disagi per la circolazione.

Continua qui 

Maltempo: il Nord Italia sotto la neve. Basse temperature anche al Sud, al Centro e sulle Isole

Fisco, blitz nelle strade della movida caccia ai furbetti della Milano da bere

Duecento uomini dell'Agenzia delle entrate e un centinaio di agenti della polizia locale nei locali
fra i Navigli e corso Como. In campo la task force di Pisapia. Salvini (Lega): "E' una buffonata"

di ORIANA LISO e FRANCO VANNI

I Navigli, il quartiere Isola, Vittor Pisani, Garibaldi, corso Como, piazza Wagner. Il blitz di verifiche fiscali a tappeto ha colpito ristoranti, bar e discoteche. Come a Cortina erano stati gli albergatori e i possessori di auto di lusso a essere controllati e a Roma i negozianti delle vie dello shopping, a Milano l'Agenzia delle entrate ha deciso di battere i distretti simbolo della movida, con l'aiuto dei vigili che, contemporaneamente, fermavano in strada auto di grossa cilindrata per verificare che fossero intestate ai reali utilizzatori e non, magari, a società. Duecento i locali controllati in quei quartieri dove ogni sera si ammucchiano le auto in seconda fila, dove i cocktail costano 10 euro e non sempre lo scontrino è certo. L'operazione, scattata in simultanea alle 20,30 in tutte le zone più frequentate dai giovani, ha coinvolto più di 200 accertatori dell'Agenzia delle entrate, aiutati da decine di vigili urbani e vigili del fuoco.

Continua qui

sabato 28 gennaio 2012

Il sito promette programmi gratuiti, ma ogni giorno truffa 5 genovesi

Genova - Ogni santo giorno cinque genovesi chiamano la polizia postale per dire di essere stati truffati. Nella cassetta delle lettere hanno trovato una raccomandata che li invita a pagare 96 euro a una società delle Seychelles, la Estesa Limited, per aver scaricato dal suo sito Italia-programmi.net software gratuiti da utilizzare sul computer. Freeware , programmi reperibili in rete a costo zero su moltissimi siti. Ma se sono gratuiti, perché Italia-programmi.net li fa pagare? E perché in tanti sono caduti nella trappola? Stanno cercando di capirlo gli agenti della Postale, che hanno avviato accertamenti sulle centinaia di casi già segnalati. Ma se ne occupano anche gli esperti di Assoutenti, l’associazione di consumatori che, attraverso la vicepresidente, l’avvocato Federica Lugli, sta avviando un’azione legale collettiva per tutelare i 121 genovesi che sinora si sono rivolti all’associazione.

Continua qui

Schiaffi e botte all'asilo: arrestata una maestra

Bambini maltrattati e costretti a mangiare con la forza

Scattava se solo i bimbi non rimettevano a posto i giocattoli dopo averli usati. E nella stessa posizione. Li tirava per i capelli e per le orecchie. Li obbligava a mangiare a suon di schiaffi e strattoni anche quando dicevano di non avere fame: uno di loro sarebbe stato costretto a ingerire persino il proprio vomito. Per maltrattamento sui fanciulli è finita in manette una maestra di 52 anni che dal settembre scorso lavorava nell'asilo comunale di Anfo. La segnalazione ai carabinieri sarebbe partita da una persona a lei vicina, all'interno della scuola. Nessuna denuncia, invece risulta partita dai genitori.


Continua qui

Femministe a seno nudo anche a Davos

Le femministe ucraine del movimento «Femen» colpiscono ancora. Questa volta la loro ormai nota protesta a seno nudo è arrivata a Davos dove è in corso il World Economic Forum: sul corpo le scritte "Crisis made in Davos" e "Gangstar party in Davos".

Super riflessi del raccattapalle: è boom sul Web

È diventato uno dei video sportivi più visti dell’anno la prodigiosa «parata» di un raccattapalle nella semifinale degli Open d’Australia Nadal-Federer. Sono oltre quattro milioni le visualizzazioni del filmato del 14enne Dylan Colaci che allunga il braccio destro e blocca con freddezza la pallina scagliata fuori campo dallo svizzero. «Non ho avuto molto tempo per pensarci», ha raccontato il ragazzo, «ho messo la mano e la pallina è rimasta lì».

Il video

Setterosa campione d'Europa Grecia travolta in finale

Le azzurre di Fabio Conti vincono 13-10 contro le campionesse del mondo e conquistano il quinto titolo continentale. Domani il Settebello contenderà il bronzo all'Ungheria

Lezione di pallanuoto alle campionesse del mondo. Nella finale degli Europei di Eindhoven, il Setterosa sbriciola le ambizioni della Grecia (13-10) e sale sul trono. Un risultato straordinario per la squadra di Fabio Conti, un c.t. di poche parole e molti fatti, giunta qui essenzialmente per fare esperienza. Ora dal 15 al 22 aprile, le azzurre si metteranno a caccia della qualificazione olimpica nella vasca di Trieste.  

 

Continua qui

Carolina Kostner, arriva l'oro


 

Concordia, trovato un altro corpo

Grosseto - In mattinata, un altro cadavere è stato trovato nel relitto della nave Costa arenata al largo dell’isola del Giglio: si tratterebbe della 17esima vittima del naufragio, e secondo le prime informazioni sarebbe una donna che non aveva addosso il giubbotto di salvataggio. Il corpo è stato trovato dai sommozzatori della Finanza nella zona del Ponte 6. Il corpo è stato recuperato e, secondo quanto si apprende è di una donna.

Continua qui

Prima neve in Valbormida

Savona - Primi fiocchi di neve, a fine mattinata, nel Savonese: intorno alle 12.30, in tutta la val Bormida, è incominciata a cadere neve mista a pioggia, che al momento non si “attacca” al terreno e non sta provocando alcun disagio alla circolazione. Anche in alta valle la situazione è ancora gestibile, tanto che i mezzi spazzaneve sono rimasti ancora fermi, in attesa di un eventuale peggioramento.

Continua qui (video)

Investito e ucciso mentre cammina sull’A21

Torino - Giacomo Porzia, un autotrasportatore di 41 anni di Spinetta Marengo (in provincia di Alessandria), è stato travolto e ucciso da un tir nella notte mentre, per motivi in corso di accertamento, camminava su una corsia dell’autostrada A21 nei pressi del casello di Alessandria Est.
L’autista del mezzo pesante si è fermato per soccorrere l’uomo che, però, è morto praticamente sul colpo; lo stesso investitore ha chiamato la polizia Stradale che, a circa 500 metri di distanza dal luogo dell’incidente, sulla corsia opposta dell’A21, ha trovato il furgone con il quale Porzia lavorava come corriere espresso, parzialmente bruciato.
Sono in corso indagini e accertamenti per ricostruire l’accaduto.

Fonte

Famiglie, atenei e carte d'identità L'Italia più facile

Un «voto» per i manager pubblici. Il libretto universitario solo online

Il decreto-legge «semplifica Italia» è stato approvato ieri dal Consiglio dei ministri dopo una riunione durata sei ore. È il terzo «pacchetto» di interventi legislativi urgenti adottato in due mesi, per rimettere in moto l'Italia. Si tratta di una riforma strutturale che introduce semplificazioni per i cittadini e per il mondo dell'economia nei loro rapporti con la Pubblica Amministrazione, in linea con le raccomandazioni della Commissione Europea e di altre istituzioni internazionali. Il Paese nel suo complesso risparmierà molto tempo e molto denaro. 

Continua qui

Monti promosso su Radio Padania E il sondaggio sparisce dal sito web

Il gradimento per il capo del governo era arrivato all'80%

La spaccatura fra la base leghista e i vertici del partito esiste oppure o è un'invenzione mediatica? I fischi che sabato piazza Duomo ha riservato a Bossi erano proprio per il Senatur, oppure (come dice Renzo) c'è stato un problema di sincronizzazione fra audio e video ed erano rivolti a Monti? E' tempo di dilemmi, in casa Lega. Nelle ultime ore a chiarire qualche dubbio ci aveva pensato Radio Padania Libera. O meglio, gli ascoltatori delle frequenze leghiste. Subito dopo la manifestazione di sabato, infatti, la radio aveva deciso di lanciare un sondaggio on line sul proprio sito. Domanda secca: «Cosa ne pensi dei primi mesi di attività del governo Monti?». Un quesito che, seguendo quello che è il pensiero del partito, non avrebbe dovuto lasciare scampo all'attuale premier. Del resto la Lega è, ad oggi, il più grande partito d'opposizione. E Bossi non nasconde, un giorno sì e l'altro pure, il malcontento verso questo esecutivo. 

Continua qui

Arrivano gelo siberiano e neve

Perturbazione atlantica colpisce in Nordovest

(ANSA) - ROMA, 28 GEN - Arrivano gelo e neve. Prima in Italia, poi in tutta Europa. Un nucleo di aria fredda proveniente dalla Francia raggiunge le nostre regioni settentrionali nel fine settimana, portando neve e temperature in calo. Il Dipartimento della Protezione civile ha emesso una allerta meteo che prevede a partire da oggi nevicate diffuse anche in pianura.

Fonte

Piogge e nevicate pronte al nord-ovest, ma grande attenzione per la severa ondata di freddo che presto colpirà l'Europa e l'Italia

 

 

 

venerdì 27 gennaio 2012

Shoah, la giornata della memoria "Stroncare rigurgiti di antisemitismo"

Il presidente della Repubblica: "Ricordare, miglior antidoto contro negazionismo, intolleranza e violenza". La cerimonia istituzionale aperta dal messaggio di Monti: "Momento molto delicato per Italia ed Europa, xenofobia e intolleranza non intacchino i nostri valori fondanti"

 

ROMA - Ricordare. Una "scuola di memoria" come antidoto a "quei rigurgiti di negazionismo e antisemitismo, di intolleranza e di violenza che per quanto marginali sono da stroncare sul nascere": è netto il messaggio di Giorgio Napolitano al Quirinale in occasione della giornata della memoria dell'Olocausto, che si celebra in Italia e in tutto il mondo a 67 anni dal giorno in cui le truppe sovietiche arrivarono ad Auschwitz.

LA STORIA 1

Di fronte ad una platea folta di studenti, il presidente della Repubblica ha inquadrato il tema in prospettiva europea, invitando a non dimenticare i valori della Ue: il rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti alle minoranze. "L'Europa è questo", ha detto il capo dello Stato. E non bisogna dimenticarsene perché distratti dalla crisi finanziaria ed economica: "dobbiamo fare i conti con queste assillanti realtà, ma non perdiamo di vista il senso e i valori della costruzione europea". Per il capo dello Stato le ragioni del nostro stare insieme "sono lì" in quel fondamento di pace e di civiltà su cui l'Europa ha trovato la sua unità ed è chiamata a far leva per il suo futuro".


Continua qui

Cittadinanza ai figli degli immigrati. Ecco perché l'Italia è indietro

Sono circa un milione i minorenni residenti in Italia, figli di genitori stranieri. Di questi circa 650 mila sono nati nelle strutture sanitarie del nostro Paese. Una legge (la n° 91 del 1992) ormai inadeguata. L'appello del Presidente della Repubblica e la Campagna "l'Italia sono anch'io" promossa da 19 associazioni di CARLO CIAVONI

 

ROMA - "Mi auguro che in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un'autentica follia, una assurdità". Era mercoledì 26 novembre 1 e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, pronunciava queste parole in una sala del Quirinale, davanti ad una delegazione della Federazione delle chiese evangeliche. E' stato quello il momento di sintesi più alto di un dibattito ormai lungo, richiamato recentemente anche nelle prime dichiarazioni dall'attuale ministro per la Cooperazione e l'Integrazione, Andrea Riccardi.

ADERITE ALLA CAMPAGNA, MANDATE LE VOSTRE IMMAGINI 2


Continua qui

Trema ancora il Nord, scossa di magnitudo 5.4

E' di magnitudo 5,4 ed è avvenuto a circa 60 chilometri di profondità, secondo le prime stime dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) il terremoto registrato nella provincia di Parma, nella zona di Corniglio e Berceto. ll sisma è avvenuto in una zona nella quale i terremoti molto profondi, fino a 70 chilometri, sono avvenuti anche in passato. Secondo gli esperti dell'Ingv un terremoto avvenuto così in profondità viene facilmente avvertito in un'area molto estesa.
E' stato avvertito distintamente in tutto il nord Italia.

A MILANO EVACUATI ALCUNI UFFICI - Evacuati alcuni uffici a Milano, dove è scattato automaticamente il piano di sicurezza messo a punto dalle ditte, dopo la scossa di terremoto. Ai vigili del fuoco non risultano evacuazioni delle scuole ancora aperte nel pomeriggio (in particolare gli asili), ma non escludono che gli istituti abbiano deciso autonomamente. In provincia a Garbagnate Milanese è stata evacuata una scuola materna per le crepe in un muro. Molte le telefonate ai pompieri per informazioni sull'entità della scossa.
LIGURIA: TANTA PAURA, MA NESSUN DANNO SEGNALATO - Tanta paura, in Liguria, dove poco dopo le 15.50 è stata avvertita una violenta scossa di terremoto. Centinaia le telefonate a vigili del fuoco e vigili urbani di cittadini allarmati. Al momento, però, non sono segnalati danni a persone o cose.

Continua qui

E' stato il sisma più violento dopo quello dell'Aquila, scuole chiuse nel Parmense

 

Sciopero generale, 24 ore di stop nei trasporti i maggiori disagi

Si fermano i lavoratori del pubblico e del privato. Lo stato di agitazione proclamato da sette sigle sindacali "contro il governo Monti". In programma un corteo nella mattinata a Roma

 

 Rischio disagi domani (oggi) per lo sciopero generale indetto dai sindacati di base per tutti i lavoratori del pubblico impiego e delle aziende private italiane. Uno sciopero di 24 ore che riguarderà tutte le categorie. Si fermano i trasporti - ferroviari, aerei, marittimi e pubblico locale - con il rispetto delle fasce di garanzia, dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21 - ma anche uffici pubblici, sanità, scuola, poste, telecomunicazioni. Per i cittadini, però, la difficoltà maggiore potrebbe essere quella degli spostamenti. 

 

Continua qui

giovedì 26 gennaio 2012

Muore in auto l’eroe di via Isonzo

Genova - Il 4 novembre aveva salvato un uomo che stava annegando, a pochi metri dal suo ristorante. Quel giorno Fabio Schiaretti, 41 anni, titolare della trattoria De Marino in via Isonzo, a Sturla, era diventato un eroe. Come tanti altri aveva rischiato la propria vita per soccorrere le vittime dell’alluvione. Nel quartiere lo conoscevano tutti, anche perché il filmato di quel salvataggio, girato da un abitante della zona, Stefano Zanforlin, aveva fatto il giro del mondo, diventando l’emblema del coraggio e della forza dei genovesi in quei tragici giorni. Adesso non c’è più. È morto ieri mattina in un incidente stradale sull’A7, tra Isola del Cantone e Vignole.

Continua qui

Milano, imprenditrice in coma dopo lo scippo in pieno centro

La donna percorreva in bicicletta piazza Repubblica poco prima delle 19: due persone
su uno scooter l'hanno affiancata per prenderle la borsa dal cestino, facendola cadere.

 

Una nota imprenditrice è stata scippata in centro a Milano ed è ora ricoverata in gravi condizioni al Policlinico in via Sforza. Si tratta di Alessandra Galdabini, 54 anni, vicepresidente della Microsys, società di consulenza informatica che progetta e realizza reti. La donna è nel reparto di neurorianimazione, al padiglione Monteggia, assistita dal marito, dalle sue tre figlie e dalla sorella, accorsi in ospedale.


Continua qui

La scure di Equitalia su Luca Laurenti pignorati sei appartamenti da 5 milioni

Nel mirino le proprietà della storica spalla di Paolo Bonolis in corso Buenos Aires a Milano
L'Agenzia delle entrate contesta il mancato pagamento di imposte Irap per 2 milioni di euro

di DAVIDE CARLUCCI

La scure di Equitalia su Luca Laurenti pignorati sei appartamenti da 5 milioni
Luca Laurenti

Proprio ora che sta per decadere da “angelo” del paradiso — gli spot con Paolo Bonolis andranno in onda fino a fine mese perché il contratto con la Lavazza è stato rescisso — Luca Laurenti rischia di perdere anche le sue case terrene. Sei appartamenti in zona corso Buenos Aires, a Milano, per un valore totale di cinque milioni di euro, presto potrebbero non essere più suoi. Il pignoramento lo ha disposto Equitalia: l’Agenzia delle entrate contesta al comico il mancato pagamento di imposte Irap per 2 milioni di euro fra il 2000 e il 2005. Si tratta di tasse dichiarate, ma non versate dal popolare protagonista di trasmissioni e pubblicità televisive. Non versate per un contenzioso avviato da lui e dalla moglie, Raffaella Ferrari, fin dal 2007, che trascinandosi fino a oggi ha fatto lievitare in modo iperbolico la somma.

Entrambi sul caso preferiscono tacere. La tesi sostenuta dai legali della coppia, risultata perdente nel primo grado di giudizio, è che l’imposta regionale per le attività produttive prevista per i liberi professionisti non riguardi la sua attività perché non dispone di un’organizzazione professionale — composta da segretarie, uffici e tutto il resto — come quelle su cui si reggono gli studi degli avvocati o dei commercialisti. Nel giro di un paio di settimane ci sarà la decisione d’appello sulla causa. Dopodiché, se la sentenza dovesse diventare definitiva, gli appartamenti potrebbero essere messi all’asta dall’ufficio delle esecuzioni del tribunale di Milano. 


Continua qui

Blitz all'alba contro l'ala antagonista Ventisei arresti in mezza Italia

La polizia ha avviato l'operazione nei confronti dei duri del movimento. Le manette sono scattate a Torino, in Valsusa, a Milano e in altre zona d'Italia. Una decina le denunce

di MEO PONTE

La polizia ha avviato all'alba un'imponente operazione contro l'ala antagonista del movimento No Tav preparata a lungo. Sono 26 gli arresti (uno dei quali ai domiciliari) e undici le persone appartenenti al mondo antagonista e anarchico denunciate in relazione agli incidenti avvenuti lo scorso 3 luglio a  Chiomonte, in Val Susa, contro la linea ferroviaria Tav Torino-Lione. Negli scontri rimasero feriti duecento agenti delle forze dell'ordine che presidiavano il cantiere. Le manette, nell'aria da giorni, sono scattate non solo a Torino e in Val Susa ma anche Asti, Milano, Trento, Palermo, Roma, Padova, Genova, Pistoia, Cremona, Macerata,Biella, Bergamo, Parma e Modena. Un arresto è stato fatto in Francia. Sono stati notificate anche 15 misure di obbligo di dimora e una misura di divieto di dimora nella provincia di Torino.

Continua qui

Scontri tra le forze dell'ordine e i pescatori a Montecitorio: tre feriti

Roma - (Adnkronos) - Gruppi di pescatori, provenienti da diverse parti d'Italia, si sono dati appuntamento davanti alla Camera dei deputati per protestare contro il caro gasolio e alcuni adempimenti comunitari considerati penalizzanti per la categoria. Tre manifestanti sono rimasti leggermente feriti dopo una carica. Tir e 'forconi', migliaia in piazza a Palermo. Coldiretti, da buttare 50mila tonnellate di cibo al giorno (VIDEO)
 
Continua qui 

mercoledì 25 gennaio 2012

Autostrade, in 10 anni rincari del 36% ma risparmiare sulla benzina si può

L'associazione Altroconsumo lancia l'iniziativa "Car Wars", con la partecipazione nel ruolo di inviati della band Elio e le storie tese: un reportage partecipativo sulle strade e autostrade italiane. Il dossier: aumenti ai caselli più alti dell'inflazione.

 

ROMA - "Autostrada sì, autostrada no". È il restyling del motivetto de "La terra dei cachi" di Elio e le storie tese che nel 1996 li portò alla ribalta nazionale conquistando il secondo posto al Festival di Sanremo. Perché questa nuova versione? Semplice. Da venerdì, Elio e le Storie Tese si trasformeranno in inviati speciali di Altroconsumo 1sulle strade italiane.

Partiranno da Roma, prima tappa del loro tour che si concluderà ad aprile, per un reportage irriverente sui piccoli e grandi problemi incontrati tra una tappa e l'altra del viaggio.

"Car Wars", reportage collettivo.
Disservizi, punti ristoro, caselli lenti, strade dissestate, aree di sosta ma soprattutto caro benzina e pedaggi. Tutta la narrazione 'step by step' firmata dal gruppo rock "demenziale" - così come amano definirsi - troverà spazio sulla pagina del sito ufficiale 2 dell'associazione dei consumatori.


Continua qui

Non si buca, non esplode ed è riciclabile. Ecco la gomma secondo Bridgestone

Roma - (Ign) - Lo pneumatico è un prototipo della casa giapponese, ma potrebbe diventare realtà. E' costruito in una resina resistente "amica dell'ambiente", non si più sgonfiare ed evita noie e pericolosi incidenti (FOTO)

Continua qui

Morire a dieci mesi. All’asilo

Succede a Roma


Una bimba di 10 mesi e’ morta all’asilo nido di via Cesare Giulio Viola, nel quartiere Corviale, a Roma, probabilmente a causa di un rigurgito.

LA RICOSTRUZIONE – Il 118 e’ stato chiamato dal personale dell’asilo perche’ la bimba non respirava piu’. Dopo cinque minuti sono arrivate sul posto due ambulanze ma i sanitari hanno solo potuto constatare il decesso della piccola che, da una prima analisi, sarebbe morta circa 30 minuti prima. Della morte e’ stata avvisata l’autorita’ giudiziaria. Da una prima ricostruzione sembra che il personale dell’asilo nido abbia fatto mangiare la piccola e l’abbia poi messa a dormire. Nell’ispezione sul corpo il medico legale ha rintracciato la presenza di latte nelle vie respiratorie. Sul posto e’ intervenuta anche una volante della Polizia. (AdnKronos)

Fonte

Scosse di terremoto nel nord Italia Nella notte a Verona, poi Milano e Genova

Sciame sismico, l'episodio più rilevante si è verificato intorno all'una di notte con una scossa magnnitudo 4.2. Centinaia di chiamate al 118, ma non risultano danni. Poco dopo le 9 un'altra ondata avvertita distintamente dalla Lombardia alla Liguria

VERONA - Sciame sismico nella notte e fino a questa mattina nel nord Italia. Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata a 00:54 in provincia di Verona. Poco dopo le 9 un forte scossa è stata avvertita a Milano e a Genova.

Secondo i rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma nel Veronese ha avuto ipocentro a 10,3 km di profondità e epicentro in prossimità dei comuni di Bosco Chiesanuova, Cerro Veronese, Fumane, Grezzana, Marano di Valpolicella, Negrar, San Pietro in Cariano e Sant'Anna d'Alfaedo. Non risultano al momento danni a persone o cose, ma la scossa è stata avvertita distintamente in molte zone del nord Italia, scatenando immediatamente il tam-tam sui social network. Molti si sono rivolti a internet per avere notizie. Sempre in rete sono stati pubblicati video e foto dell'evento. Telefonate al 118 sono arrivate anche da Milano, dove poi al mattino il sisma si è avvertito più distintamente.

Continua qui

 

Monitoraggio terremoti

 

Bertolaso indagato Per i pm è colpa sua il terremoto del 2009

 

Residenze fantasma e niente telefoni ecco l'identikit degli evasori totali

Nelle indagini delle Fiamme Gialle lo spaccato di quella parte del Paese che si eclissa per evadere. Dieci casi emblematici che raccontano le tecniche usate per scomparire dai radar del fisco. La Finanza li scova grazie a yacht e spese di lusso

 

SI CHIAMANO evasori totali. Lo scorso anno la Guardia di Finanza ne ha individuati 7.500, che hanno sottratto all'Erario circa 21 miliardi di tasse. Ma quanti siano in realtà nessuno lo sa. Quello che è certo è che si tratta della categoria più spregiudicata degli evasori fiscali. Invece di gonfiare i costi di produzione, di emettere qualche scontrino in meno, di giocare sul magazzino, scelgono la via più radicale: si calano il passamontagna e scelgono la clandestinità totale. Non esistono, spesso non hanno neppure il numero di telefono, aprono e chiudono aziende. Hanno residenze fittizie. Oppure fanno il doppio gioco: di giorno rispettano le regole, fatturano ed emettono gli scontrini fiscali. Poi, la notte distruggono tutto e manipolano i registratori di cassa. Quello che più conta: sono completamente refrattari ad ogni dichiarazione dei redditi, versamento Iva, Irap o Ires. Semplicemente non lo fanno. Ma anche loro spesso commettono un errore: spesso si godono i guadagni con macchine di lusso, yacht e ville. E lì scattano i sospetti, i controlli e gli incroci delle banche dati. La loro impronta digitale è il lusso. Ecco il profilo dei clandestini del fisco scovati dalle Fiamme Gialle.


Continua qui

Facebook, il mondo social crea lavoro in Italia vale 2,5 miliardi e 35 mila posti

Rapporto sul valore economico delle attività legate al sito di Mark Zuckerberg. In Europa garantisce occupazione a 232mila persone. Colloquio con sir Richard Allan, dirigente europeo del network: "L'Italia sa innovare e utilizza molto bene i nuovi strumenti digitali" di TIZIANO TONIUTTI

 

ROMA - La forza dei numeri è evidente. Con 800 milioni di utenti attivi 1, Facebook è il social network più frequentato del mondo, con gli altri che seguono alla lontana. E tra condivisioni di contenuti, "mi piace", sondaggi, domande, giochi multiutente, check-in e soprattutto annunci mirati, Facebook produce denaro.

Un flusso di ricavi e guadagni che si traducono in posti di lavoro, anche in Italia. Una situazione fotografata dal rapporto commissionato da Facebook a Deloitte, un'istantanea dell'economia e dell'indotto del social network in Europa.  

La forza dei numeri è palese: un giro d'affari di 15,3 miliardi di euro e un totale di 232mila posti di lavoro interessati dalle attività della grande F nel Vecchio Continente. L'Italia da sola occupa il 16% del grafico. Nelle cifre del rapporto Deloitte sono comprese la spesa per la pubblicità, il valore del marchio, la costruzione e il mantenimento dell'infrastruttura tecnologica, lo sviluppo di applicazioni, la pubblicità. Con un risultato chiaro: il social web, oltre a connettere le persone, crea un circuito economico di entità rilevante.

Facebook in Italia. Secondo i dati di Deloitte, solo in Italia le attività di Facebook arrivano a contribuire al Pil per 2,5 miliardi di euro. I posti di lavoro che l'attività di Facebook procura, direttamente e nell'indotto, sono stimabili attorno ai 35mila. "Facebook è un enabler - dice sir Richard Allen, direttore della policy in Europa per il social network - uno strumento in grado di dare impulso alle aziende". 

E in Italia, Facebook sembra svolgere questa funzione a modo: "L'Italia arriva pochissimo dopo Germania e Francia nella nostra classifica europea del business", spiega ancora Allan. "È un Paese molto reattivo e veloce, mostra grande partecipazione nell'uso degli strumenti del social marketing. Il modello economico di Facebook in Italia non si basa solo sull'utilizzo del sito, anche se la business participation ne è in effetti la voce principale (1,6 milardi di euro, circa 21mila posti di lavoro interessaiti). C'è comunque un indotto, essenzialmente di infrastruttura tecnologica, che permette al network di sorreggere ed espandere le attività, valutato circa 800 milioni di euro e tocca circa 10mila lavoratori. I restanti 2mila arrivano dal cosiddetto platform effect, le attività e le applicazioni rese possibili dalla piattaforma Facebook".


Continua qui

La versione del Trota: ''I fischi a papà? Erano per Monti ma l'audio era fuori sincrono''

I fischi a papà Umberto? "Erano per Monti, ma l'audio e il video sono stati montati fuori sincrono per farla sembrare una contestazione". Il cerchio magico? "Non esiste, i militanti sono stati traviati dai giornalisti". I soldi in Tanzania? "Siamo coerenti, investiamo fuori dall'Europa perché non crediamo nell'Euro". A margine del Consiglio Regionale della Lombardia, Renzo Bossi dice la sua sulle polemiche che in questi giorni scuotono la Lega

Il video

«Sesso col minore che accudiva». Nei guai babysitter americana

A processo Loni Bouchard, ventenne dal viso acqua e sapone. «Come può la legge decidere di chi ci dobbiamo innamorare?»


Loni Bouchard 









Loni Bouchard
 
MILANO - Ha il classico viso acqua e sapone, ma sulla sua testa pende un’accusa davvero infamante. La babysitter Loni Bouchard, ventenne originaria di Clinton, Connecticut, avrebbe fatto più volte sesso con il ragazzo quattordicenne che doveva accudire e lunedì scorso si è celebrata la prima udienza del processo presso l'Alta Corte di Middletown nel quale la ragazza è accusata di violenza carnale di secondo grado. A incastrarla sono stati un messaggio postato privatamente al minorenne su Facebook e le pagine del suo diario segreto, adesso in mano degli inquirenti, nelle quali ha raccontato dettagliatamente la sua travagliata "storia d'amore".

Continua qui

 

Schettino intercettato: «Quando la nave si è inclinata ho preso e sono sceso»

Il capitano parla con un amico: «Per dar retta al manager sono passato di lì, gli strumenti non indicavano la secca»

MILANO - È loquace Francesco Schettino all'indomani del naufragio della Costa Concordia. Il capitano della nave naufragata davanti all'isola del Giglio viene intercettato dagli inquirenti mentre si trova in procura, ed è al telefono con un amico racconta: «Per dar retta al manager, passa da lì, passa da lì... Qualcun altro al posto mio non sarebbe stato così benevolo a passare lì sotto, perchè mi hanno rotto il c..., passa di là, passa di là. La secca c'era, ma non era segnalata dagli strumenti che avevo e ci sono passato».  

«SONO SCESO» - Il comandante spiega all'interlocutore che probabilmente riceverà un fermo, intanto ammette: «Quando ho capito che la nave si stava inclinando ho preso e sono sceso». Più precisamente, aggiunge di essere tornato indietro a prendere la radio, di aver controllato che la nave si assestasse in mezzo agli scogli. Schettino, comunque, si sente con la coscienza a posto: «Ho fatto tra virgolette non so se definirla un'imprudenza, ma comunque nei limiti della mia consapevolezza. Lo squarcio è stato immenso - racconta -, ci stava uno spuntone di roccia, poi tutto quello che è successo da quel momento l'ho fatto nel massimo della mia professionalità e questo potrebbe alleviare o quantomeno dare l'illusione di stare in pace con la coscienza». Ora, però, «mi trovo con la testa sotto e con le gambe all'aria senza sapere nulla».

Continua qui

Concordia, trovato un altro corpo. Partito il recupero carburante

Prima udienza incidente probatorio il 3 marzo

 

Gabrielli: "Diffida a Costa per rifiuti". L'azienda: "Inchino non autorizzato"

 

martedì 24 gennaio 2012

Facebook, quasi 34 mila posti di lavoro in Italia

Social network contribuisce alla nostra crescita economica con indotto di 2,5 miliardi

ROMA  - Facebook contribuisce alla crescita dell'economia italiana con un indotto di circa 2,5 miliardi di euro e 33.800 posti di lavoro. E' questo il valore del social network di Mark Zuckerberg per l'economia del nostro Paese, secondo una ricerca Deloitte presentata oggi da Sheryl Sandberg, Chief Operating Officer di Facebook, durante la DLD conference a Monaco di Baviera. Rivela per la prima volta il valore della piattaforma sociale nel mondo business nei Paesi dell'Europa a 27.
Secondo lo studio, pubblicità, fan page, applicazioni, eventi organizzati su Facebook e l'utilizzo da parte degli utenti di linee fissa o mobile per collegarsi incrementano di 15.3 miliardi di euro il giro d'affari delle aziende europee e contribuiscono a generare circa 232.000 posti di lavoro. La quota dell'Italia è del 16%.

Fonte

 

Nel fine settimana, tentativo di precipitazioni al nord

Breve sfuriata fredda lungo il versante adriatico ed al sud tra martedì e mercoledì, con neve a quote molto basse. Nel fine settimana si tenterà di fare precipitare qualcosa al nord, ma l'attendibilità della previsione, al momento, non è elevata. 

Gli addetti ai lavori e tutti gli appassionati del settore stanno assistendo in questi giorni ad una estenuante battaglia. Da una parte vi sono gli equilibri della natura, ormai collaudati da mesi, dall'altra le forzanti stratosferiche che cercano in tutti i modi di far cambiare la situazione.

Continua qui

Anziano ubriaco uccide il figlio con un coltello da cucina

Enzo Caretto, 71 anni, era tornato a casa in stato di ebrezza ed aveva iniziato ad insultare moglie e figlia. All'intervento del figlio maschio la ha accoltellato ad un fianco

 

LECCE - Un uomo di 71 anni, tornato a casa in stato di ebbrezza, ha ucciso durante un violento litigio il figlio con una coltellata inferta con un coltello da cucina. La vittima si chiamava Giovanni Caretto, aveva 33 anni e lavorava in una multisala cinematografica salentina. Il padre, Enzo, è ora ricoverato in ospedale - dove viene sottoposto a cure a causa del suo stato di ubriachezza - ed è in stato di arresto. Delle indagini si occupano i carabinieri.

 

Continua qui

Si aggrava la posizione della Costa "Norme di sicurezza trascurate"


La memoria della difesa chiama in causa la compagnia: le pompe non funzionavano. Il comandante è disposto ad assumersi la responsabilità dell'incidente ma non quanto avvenuto dopo. La procura Schettino inadeguato, ma chi lo ha scelto?"


GROSSETO - La Costa Crociere entra ufficialmente nell'inchiesta. E dalla porta principale. Per risalire ai veri responsabili del naufragio di venerdì 13 gennaio "occorre infatti spingere lo sguardo" oltre la testa dello sciagurato comandante Francesco Schettino e puntarlo "sulle scelte fatte dal datore di lavoro, e cioè dall'armatore". A parlare in questi termini è Beniamino Deidda, il procuratore generale della Toscana, l'uomo a cui fa riferimento  gerarchico il pool di magistrati che sta indagando sui fatti tragici di quella notte.


Continua qui

Macchia d'olio al largo del Giglio. Recuperati altri due cadaveri

Tir, la protesta dilaga in tutta Italia Viminale e Garante pronti a intervenire

Assemblee e presidi si estendono dalla Sicilia alle altre regioni e andranno avanti per 5 giorni. Chiusi due caselli sulla A1 nel Lazio, blocchi in Campania, Puglia, Piemonte e Lombardia. Fiat verso stop alla produzione in molte fabbriche. Il ministro Cancellieri preoccupato per le possibili degenerazioni delle iniziative di lotta, probabile provvedimento dell'Autorità sugli scioperi. Sindacati divisi

 

ROMA - Dilaga la protesta dei Tir contro gli aumenti del gasolio, dei pedaggi autostradali e dell'Irpef e lo Stato cerca finalmente di correre ai ripari. Dopo aver messo in ginocchio la Sicilia, i blocchi degli autotrasportatori si sono estesi nelle ultime ore a molte strade e autostrade, in particolare al Sud, rendendo critica sia la circolazione del traffico sia il rifornimento di beni di prima necessità come il carburante e i generi alimentari, rischiando di paralizzare anche l'industria, come sta accadendo alla Fiat che ha annunciato di dover interrompere, a partire da domani, la produzione negli stabilimenti di Cassino, Pomigliano, Mirafiori e Sevel Val di Sangro. Per Viabilità Italia, il Centro di coordinamento istituito presso il Viminale e riunito no stop per monitorare la situazione, l'iniziativa riguarda i soli mezzi pesanti ma "gli incolonnamenti provocano code e rallentamenti anche alle autovetture".


Continua qui

 

Asti, manifestante ucciso da Tir un'autista in stato di fermo

lunedì 23 gennaio 2012

La campionessa e il canguro, la Wozniaki adotta il cucciolo orfano

La campionessa e il canguro, la Wozniaki adotta il cucciolo orfano

A margine del torneo di tennis degli Australian Open, a Melbourne, la giocatrice danese Caroline Wozniaki ha visitato il centro Australian Society for Kangaroos. La numero uno della classifica femminile si è fatta fotografare con un canguro di nome Birri Li che ha simbolicamente adottato: il cucciolo, di nove mesi, è orfano da quando la madre è stata investita da un'automobile

Fonte

Frontale in A15, tre morti

Genova - Alba tragica sul raccordo dell’autostrada A15, teatro intorno alle 6.30 di uno spaventoso incidente stradale a poca distanza dalla Spezia, in direzione di Lerici, dove due auto, un’Audi e una Mercedes, si sono scontrate frontalmente.
Nell’impatto sono morte tre persone, tutte residenti nella provincia della Spezia e di età compresa fra i 40 e i 50 anni, mentre una quarta è rimasta ferita in modo grave, ed è stata portata in “codice giallo” all’ospedale Sant’Andrea.

Continua qui

Arsenico nell'acqua, risarcimento di 100 euro

Tar condanna ministeri Ambiente e Salute

I ministeri dell'Ambiente e della Salute sono stati condannati dal Tar del Lazio a risarcire con 100 euro ciascuno circa 2.000 utenti di varie regioni (Lazio, Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia, Umbria) che lamentano la presenza di arsenico nell'acqua. Lo annuncia il Codacons, che aveva presentato ricorso.

Continua qui

Cappuccini e brioche 25 euro, bar multato

Episodio a Pisa. Sanzione da mille euro

(ANSA) - PISA, 22 GEN - Ha ordinato tre cappuccini e tre brioche ed ha dovuto pagare 25,80 euro. Ma subito dopo ha consegnato lo scontrino ad una pattuglia di vigili urbani. I 25,80 euro appena incassati sono costati al barista 'furbetto' una multa da 1000 euro. E' accaduto in un bar vicino alla stazione di Pisa gia' sanzionato per condotte simili. Il bar non ha la tabella dei prezzi esposta e per questo e' stato multato. La 'vittima' era uno spagnolo in vacanza con moglie e figlio; straniere anche le precedenti.

Fonte

Monti in tv: 'Ora riforma mercato lavoro. L'art. 18 non sia un tabù'

'Fiducia sul dl liberalizzazioni? Non lo so, ma ne abbiamo molta su apprezzamento Parlamento'

di Milena Di Mauro

Il governo va avanti ed il premier Mario Monti spiega ancora in tv che tutto si tiene: liberalizzazioni (senza escludere la fiducia in Parlamento sul decreto), riforma del lavoro (senza "tabù" sull'art.18), semplificazione (con nuove misure da avviare in settimana), evasione fiscale (con serietà ma senza "caccia alle streghe"). "Nessuna dilazione" sulla deregulation, nessuna timidezza e neppure timori per la reazione non incoraggiante dei partiti, che comunque per il premier "é nel complesso positiva". Ora - spiega Monti a 'In 1/2 ora' - avanti con la riforma del mercato del lavoro "a vantaggio dei giovani" e con il pacchetto semplificazione, perché "l'Italia sta o non sta nel mercato internazionale per la sua capacità di collocare i suoi prodotti, nel cui costo entrano tante cose, il lavoro in modo importante". Un capitolo spinoso, questo, sul quale il premier annuncia di voler procedere nel negoziato con le parti sociali "senza tabù sull'art.18, con apertura mentale totale da parte di tutti", governo incluso. "Non so ancora se vorremo porre la fiducia sulle liberalizzazioni - dice comunque Monti dopo il varo del decreto - Logico che ogni partito ritenga che si sia andati troppo avanti su certi fronti e non abbastanza su altri. Vedremo se sarà necessaria la fiducia. Per ora ne abbiamo molta di fiducia sul fatto che il Parlamento sappia apprezzare questo provvedimento".

Continua qui

domenica 22 gennaio 2012

Costa Concordia, interrotte e poi riprese le ricerche Gabrielli: "A bordo forse clandestini"

Per il capo della Protezione civile sulla Costa Concordia  potrebbero esserci state persone non registrate. Ma Giampiedroni: "Impossibile". Le operazioni per trovare i dispersi solo all'esterno dello scafo, che si è mosso fino a un centimetro l'ora. Identificata la donna a cui Schettino ha consegnato il computer

 

ISOLA DEL GIGLIO (Grosseto) - Un'altra interruzione nella notte, a causa dei movimenti dello scafo. Poi le ricerche dei dispersi sul relitto della Costa Concordia sono riprese, ma limitate alla parte emersa per motivi di sicurezza. I tecnici hanno calcolato che lo spostamento della nave, iniziato intorno all'una (Video 1), è stato di un massimo di un centimetro l'ora. All'isola del Giglio l'amministratore delegato di Costa Crociere Pierluigi Foschi, ha incontrato i parenti di alcuni dispersi. L'ad era accompagnato da tecnici di Fincantieri, che hanno valutato le possibilità di ancoraggio o rimozione del relitto. 


Continua qui

 

"Inchini al Giglio nelle ultime 3 crociere" gli ufficiali incastrano Schettino e Costa

 

Bossi: Berlusconi faccia cadere questo governo infame

Tensione alla manifestazione della Lega. Senatur: 'Mai stati divisi. Monti fuori dai c...' Niente stretta di mano tra l'ex ministro dell'Interno e Reguzzoni

MILANO -  "A Berlusconi do un suggerimento, la Lega ti chiede di far cadere questo governo infame o non riuscirà a tenere in piedi il governo della Lombardia, dove ne stanno arrestando uno al giorno". Lo ha detto Umberto Bossi dal palco di Milano, dove la Lega e' scesa in piazza contro il governo. Il leader della Lega ha aggiunto: "Monti fuori dai coglioni. Ci vuole una tobin tax per mettere sulla retta via le banche ma uno che viene da una grande banca che ha fatto fallire il mondo le banche non le tocca, tocca la povera gente". Poi, dicendo "Padania libera. E Roma? Fanculo...", il Senatur ha chiuso il suo intervento.


Continua qui

Nella Palermo dei "forconi" in coda per fare benzina

La città bloccata dalla rivolta  e dalla crisi, nei negozi scarseggiano latte e altri alimentari

MICHELE BRAMBILLA
inviato a Palermo
 
Arrivato a Palermo per descrivere in diretta il caos, la rivolta, i blocchi stradali e gli assalti ai supermercati, ho avuto il sospetto di avere sbagliato aereo e di essere atterrato a Lugano: poco traffico, niente chiasso, direi quasi un po’ d'ordine. Se non proprio la Svizzera, ieri Palermo sembrava l’area C della Milano di Pisapia.

Continua qui

 

sabato 21 gennaio 2012

Schettino: "Chiesi subito a Costa un rimorchiatore ed elicotteri"

Il comandante all'attacco coinvolge anche la compagnia. Ma il presidente ribatte:
"Quanto ci ha raccontato nel suo primo contatto non corrispondeva a verità"

Paolo Colonnello Grazia Longo
inviati a Grosseto
Poco dopo l’impatto, una volta verificati i danni in sala macchine, telefonai subito alla Costa. Parlai con Roberto Ferrarino e gli riferii immediatamente cosa era successo. Chiesi che mi mandassero un rimorchiatore e poi degli elicotteri. C'è stato un urto, abbiamo fatto un guaio, gli dissi...». È il giorno delle due verità: quelle di Francesco Schettino, rilasciate nel lungo verbale del suo interrogatorio davanti al gip Montevarchi e quelle della società Costa che invece racconta, per bocca del presidente Pierluigi Foschi, come il comandante «ha mentito alla Compagnia e ai suoi stessi marinai». «Di solito valutiamo la situazione - dice Foschi - e in caso di necessità possiamo dare dei consigli. Questa volta non siamo arrivati a dare dei consigli perché virando manualmente la nave, rimase fuori dalla plancia, sulla soglia». E aggiunge il dettaglio della richiesta di aiuto alla Costa.

Continua qui

 

Tassisti divisi fra blocchi e tregua i farmacisti annunciano la serrata

Auto bianche, proteste per tutta la giornata da Roma a Genova, poi il varo del decreto spiazza la categoria. Federfarma: "Ci vogliono distruggere". Avvocati e benzinai verso lo sciopero. Mediaset pronta a ricorrere contro la sospensione del beauty contest

 

ROMA - Hanno vinto o perso? A giudicare dalle reazioni dei sindacati, il braccio di ferro dei tassisti con il governo è finito in parità, ma la categoria è divisa e solo alcuni sindacati lo considerano un pareggio in trasferta, che dunque vale di più. Poco dopo la conferenza stampa di Monti sul varo del decreto liberalizzazioni 1, ad esempio, i tassisti napoletani hanno lasciato il presidio di piazza del Plebiscito e hanno ripreso il lavoro. La stessa scelta, di tornare regolarmente in servizio domani, è stata fatta da una delle sigle principali dei tassisti di Roma, Uritaxi, che ritiene accolte "molte delle richieste contenute nella controproposta presentata al governo", a cominciare dal cumulo delle licenze.


Continua qui

venerdì 20 gennaio 2012

Fatturato e ordini al palo Si torna ai livelli del 2009

L'Istat ha reso noti i numeri di novembre. Sulla performance negativa pesa soprattutto l'andamento del mercato interno. Il settore per il quale si registra l'incremento tendenziale maggiore è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+11,5%), mentre la diminuzione più marcata riguarda la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica

 

ROMA - A novembre il fatturato dell'industria registra una variazione nulla rispetto a ottobre (-0,6% sul mercato interno e +1,0% su quello estero). Nella media degli ultimi tre mesi (settembre-novembre), l'indice diminuisce del 2,9% rispetto ai tre mesi precedenti (giugno-agosto). Lo comunica l'Istat. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 21, come a novembre 2010) il fatturato totale cresce in termini tendenziali dello 0,2%, con una diminuzione dell'1,8% sul mercato interno e un aumento del 4,8% su quello estero. È il rialzo tendenziale più basso da dicembre del 2009. 


Continua qui

Crotone, muore a 19 anni dopo il parto cesareo

La Procura apre un'inchiesta. I medici: il bambino sta bene

Una ragazza di 19 anni, Rita Spina, è morta nell’ospedale di Crotone dopo aver partorito con il taglio cesareo. Spina, originaria di San Giovanni in Fiore (Cosenza) ma residente a Crotone, mercoledì scorso è giunta nell’ospedale ed è stata sottoposta all’intervento per il parto cesareo dando alla luce un bambino. Ieri però la ragazza ha avvertito dei malori ed è stata successivamente trasferita in rianimazione dove stamane è morta. Il neonato è in buone condizioni.

Continua qui

Costa Concordia, ricerche sospese. Altri dubbi sul ruolo della Cemortan

Concordia, il personale tranquillizza tutti

In un nuovo video amatoriale, girato 40 minuti dopo l’impatto con gli scogli e trasmesso in esclusiva da Rai News, si sentono e si vedono dipendenti della Costa tranquillizzare i passeggeri: «È tutto a posto, tornate nelle vostre cabine»

Il video

Grosseto - Emergono versioni discordanti sulla presenza di Domnica Cemortan a bordo della Costa Concordia , con differenze importanti fra quello che lei ha detto al Secolo XIX e quello che il comandante Schettino ha raccontato al giudice: soprattutto, è da chiarire se la donna, salita a bordo con un biglietto diverso da quello della maggior parte degli altri passeggeri, fosse o no in plancia dopo l’impatto con gli scogli.


Continua qui

Schettino: "Nessuna donna in plancia"

La verità di Domnica e la corsa contro il tempo

Schettino a cena con la ballerina  "Quella sera lui aveva bevuto tanto"

Domnica Cemortan, la 'bionda' in plancia sulla Concordia

La Costa Concordia si è mossa ricerche dei dispersi affidate a un robot

 

 

Bancarotta Kodak: il colosso della fotografia dopo 131 anni chiede la bancarotta assistita

Opererà in amministrazione controllata. L'azienda si è assicurata un maxiprestito da Citigroup

11:59 - Eastman Kodak, l'icona della fotografia, è in bancarotta. La storica società, da anni in crisi finanziaria e incapace di lanciare prodotti adeguati alle nuove tecnologie, ha presentato la richiesta per il "Chapter 11", la legge americana che gestisce i fallimenti delle aziende. Eastman Kodak si è assicurata un prestito da 950 milioni di dollari da Citigroup per superare il processo di bancarotta.Il colosso della fotografia è stata costretta a cedere di fronte all'avanzare delle nuove tecnologie, alla mancanza di liquidità e all'incapacità di vendere i suoi brevetti. Nel periodo in cui sarà in amministrazione controllata, Kodak continuerà a operare proprio grazie al finanziamento ricevuto da Citigroup.

"La riorganizzazione punta a rafforzare la liquidità, a monetizzare la proprietà intellettuale non strategica e a far concentrare la società sulle attività di maggior valore", si legge in una nota di Kodak. La richiesta per il Chapter 11 è stata presentata a un tribunale di Manhattan: nella documentazione l'azienda dichiara asset per 5,1 miliardi di dollari e 6,75 miliardi di dollari di debito. Dominic Di Napoli è stato scelta per guidare il processo di ristrutturazione. Il Chapter 11 rappresenta un duro colpo per l'amministratore delegato Antonio Perez: durante la sua gestione Kodak ha bruciato 7 miliardi di dollari di valore di mercato. Eastman Kodak si augura di emergere dalla bancarotta il prossimo anno dopo aver tagliato i costi e venduto parte del portafoglio brevetti.

Continua qui

 

Megaupload, il destino degli account premium

Tutto da chiarire cosa accadrà alle persone che hanno pagato per il servizio del sito chiuso dall’Fbi



“Uno schema di Ponzi”: questa è una delle accuse che vengono rivolte ai gestori di Megaupload e Megavideo, i siti di file e videosharing chiusi dall’Fbi che ha arrestato al contempo i titolari del servizio con accuse che, se confermate, potrebbero valere anche 50 anni di galera. La situazione, in questi minuti, è particolarmente delicata, soprattutto per un aspetto: il destino delle persone che avevano creduto in Megaupload, e che quindi avevano acquistato un account premium. E, a secondo di come sarà gestita proprio la questione dell’utenza pagante, il caso Megaupload diventerà un precedente storico per la comunità online.

Continua qui

giovedì 19 gennaio 2012

"Cinquecentomila euro in contanti nei tubi in casa dell'ex assessore"

C'erano 500mila euro nascosti in contanti nei tubi di casa. Anche di questo si trova traccia nell'ordinanza firmata dal gip monzese Maria Rosaria Correra, che ha disposto l'arresto dell'ex assessore regionale lombardo pdl Massimo Ponzoni e di altre persone appartenenti a quella che è stata definita la "squadra" di Ponzoni, tra cui l'ex assessore provinciale (e tecnico del Comune di Desio) Rosario Perri. E proprio nelle tubature dell'abitazione di Perri sarebbero stati nascosti 500 mila euro in contanti.

Continua qui

Le neve chimica imbianca la pianura padana


Nevica in Val Padana, ma i fiocchi non provengono dalle nuvole. E' lo strano e raro fenomeno della neve chimica che si crea quando si verificano due condizioni: il grande freddo e l’inquinamento.  Succede nelle aree industriali padane. Si tratta di una precipitazione nevosa originata dalla nebbia in condizioni di basse temperature in presenza di sali e polveri e altre sostanze prodotte dalle industrie e dalle città. Le immagini si riferiscono a varie zone del Mantovano dove il fenomeno si protrae da qualche giorno. Per gli esperti, la neve chimica è la dimostrazione di come lo smog influisca sul clima. (Foto Saccani)

Continua qui

Esplode metanodotto, dieci feriti

Scoppio a Tresana. Poi un incendio con fiamme alte 200 metri. Quattro persone gravi, tre abitazioni distrutte 

MILANO - Dieci persone sono rimaste ferite , tra le quali quattro in modo grave, nell'esplosione di una conduttura del metanodotto La Spezia-Parma, avvenuta poco dopo le 14 a Barbarasco, frazione di Tresana (Massa Carrara), a nove chilometri da Aulla. L'esplosione, le cui cause sono ancora da appurare, ha provocato poi un incendio (guarda il video). Sulla linea, che fa parte della rete Snam, secondo alcune fonti erano in corso dei lavori di manutenzione.

Continua qui

L'ultimo appello della mamma di Dayana ai superstiti: «Chi ha visto dove è scomparsa?»

L'angoscia in tv. L'appello ai superstiti: «Ricordate dove è scivolata con il suo papà?». E implora i sommozzatori: «Non fermatevi»


Dayana con il suo papa, Williams: entrambi sono dispersiDayana con il suo papa, Williams: entrambi sono dispersi
MILANO - La domanda è tragica. Drammatiche le parole. Disperato l'appello. «Potete dirci dove avete visto la bambina con il suo papà? Potete dirci un luogo preciso da dove poi è scomparsa?». È l'ultimo appello di una mamma. Susy Albertini la rivolge alle persone che erano a bordo della Costa Concordia. Susy è la mamma di Dayana, la bambina di cinque anni dispersa nel naufragio. L'ultimo filo di speranza lo ha portato a Chi l'ha visto?. Dai microfoni della trasmissione di Rai 3 ha chiesto ai soccorritori di non fermare le ricerche: «Continuate a cercare la mia bambina, portatemela a casa il prima possibile. Non fermatevi».

Continua qui

 

mercoledì 18 gennaio 2012

Il vizio "inchino": così Schettino sfiorava Procida

L'inchino fatale all'isola del Giglio non è stato l'unico omaggio di Francesco Schettino nei confronti di un'isola. Il comandante aveva già mostrato un pericoloso debole, in passato, per Procida. Ecco il filmato che documenta il passaggio della nave Concordia guidata proprio dal comandante vicino all'isola campana il 30 agosto 2010.

Il video 

Costa Concordia e la sfilata al Giglio



Il post eliminato (e poi ripubblicato) che mette in imbarazzo la Costa



Polemica sui domiciliari a Schettino. Pm pronti al ricorso: "Può scappare"

 

La tragedia minuto per minuto | Guarda


''De Falco, troppo facile chiamarlo eroe''

 

 

Costa Concordia, disperso il batterista. Lasciò il posto sulla scialuppa a un bambino

La famiglia appende le foto in vari luoghi all'isola del Giglio: «Se sapete qualcosa, se l'avete visto, chiamateci»

Giuseppe Girolamo (Facebook) 









Giuseppe Girolamo (Facebook)
 
MILANO- Apprensione e angoscia. E quel filo di speranza che non si spezza. Nemmeno con il passare delle ore che inesorabilmente sono diventati giorni. Continuano le ricerche dei dispersi della Costa Concordia. Tra le decine di persone che non si trovano più, c'è anche Giuseppe Girolamo. La famiglia è arrivata al Giglio e ha appeso in vari luoghi dell'isola una sua foto e la richiesta: «Se sapete qualcosa, chiamateci». L'ultima volta che è stato visto era venerdì notte. Sul ponte con i migliaia di passeggeri. Testimoni raccontano che «aveva un posto sulla scialuppa di salvataggio, ma l'ha lasciato a un bambino».

Continua qui 

Fotosequenza, la nave prima di inclinarsi "Abbiamo raccolto la gente dal mare"

De Falco, il capitano modello «Ho intuito dal tono che Schettino mentiva»

Parla il commissario di bordo Manrico Giampedroni, "eroe" della Concordia 

Costa Concordia: un altro nuovo eroe è il vice sindaco del Giglio Marco Pellegrini

 

 

 

Tassisti, oltre mille in corteo a Roma Fumata nera all'incontro col governo

Niente di fatto nell'incontro tra le delegazioni delle auto pubbliche e l'esecutivo, domani si riprende. Minacce e danni ai taxi in servizio, esplosi petardi, risse tra colleghi. Scioperi in programma per farmacisti ed edicolanti, agitazioni anche per notai, avvocati, gestori dei distributori di benzina. Quattro giorni di stop per medici di famiglia, guardia medica e 118. Parafarmacisti incatenati a Montecitorio

 

ROMA - Sono partiti verso Roma a centinaia, e al Circo Massimo sono diventati migliaia. I tassisti di Napoli arrivano nella Capitale per manifestare in coincidenza con l'incontro  con il governo. Le auto bianche, parcheggiate per cinque giorni e cinque notti 1 in piazza Plebiscito hanno lasciato ieri sera Napoli per dirigersi a Roma. Ai tassisti partenopei si sono aggiunti colleghi della Capitale. Ma l'incontro col governo si è tradotto in un nulla di fatto, secondo i tassisti per la mancanza di volontà dell'esecutivo a trattare. Il governo avrebbe presentato un testo modificato in leggerissima parte rispetto all'originale, che i conducenti delle auto pubbliche respingono in toto. L'incontro è aggiornato a domani.


Continua qui

Tragedia sul Raccordo, cinque morti tir travolge auto e pattuglia polizia

I due mezzi erano sulla corsia di emergenza: la Citroen C1 era in panne e gli agenti si erano fermati per soccorrerli. Sono stati travolti da un camion frigo, all'altezza dell'uscita Ardeatina. Morte tutte le persone a bordo. Ferito un agente, un altro è in stato di choc

ROMA - Grave incidente sul raccordo anulare di Roma. Un camion frigo pesante ha travolto due veicoli, una Citroen C1 e un'auto della Polizia Stradale, fermi sulla corsia d'emergenza. Tutti morti i passeggeri dell'auto, che è stata schiacciata dal tir. Almeno un agente è stato ferito e un altro è in stato di choc.

Dalle prime informazioni, la Citroen C1 era in panne intorno al chilometro 51 del Gra - tra le uscite Laurentina ed Ardeatina, in carreggiata esterna - e la Stradale si era appena fermata per portargli soccorso. Proprio in quel momento il camion sarebbe uscito di strada, travolgendo i due mezzi fermi. Gli agenti sono state trasportate all'ospedale Sant'Eugenio. Sul posto sono state anche inviate delle volanti.


Fonte

martedì 17 gennaio 2012

Ammutinati in difesa dei passeggeri

L'evacuazione iniziata prima dell'ordine. A casa dal maître: soli 90 metri dalla nave

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
ISOLA DEL GIGLIO (Grosseto) - La finestra della sala da pranzo si affaccia sul mare. Quando c'è sole, la casa è inondata di luce. In tutto quell'azzurro bisogna sporgersi e guardare di sotto per vedere le uniche tre macchie scure. Sono gli scogli delle Scole. La Costa Concordia ha urtato l'ultimo, il più piccolo, ed è stato come l'iceberg per il Titanic.
A guardare da questa terrazza sembra tutto più chiaro, e non solo per l'orizzonte limpido. Appena un passo indietro e dalla mensola sopra la televisione un uomo in divisa dai capelli brizzolati sorride da una foto. «Eccolo il mio figliolo» dice la signora Mamigliana. Il sorriso in cornice è di Antonello Tievoli, il maitre della nave crociera. Questa è casa sua, della sua famiglia, un piccolo edificio in cima alla strada che porta alla spiaggia delle Cannelle, e i due anziani seduti a un tavolo apparecchiato in modo spartano, tovaglioli di carta e bicchieri di plastica, sono i suoi genitori. Spaventati, smarriti.
Non è un caso, non può esserlo. La casa del capo cameriere della Costa Concordia, l'unico gigliese a bordo, il destinatario dell'inchino, l'omaggio dell'avvicinamento della nave ai suoi cari per un saluto, è la più vicina a quegli scogli. Con la deviazione dalla rotta, la nave guidata del comandante Francesco Schettino era quasi sotto a quelle finestre. E anche il 6 gennaio, data del penultimo passaggio, non doveva essere poi così distante. «Sto facendo i segnali luminosi, chissà se mi vede» scrive su Facebook la sorella Patrizia, insegnante alla scuola elementare del Giglio.

Adesso anche lei è vittima di una reazione a catena che da un inchino non richiesto, non in quel modo, ha causato un disastro di proporzioni colossali. Poche parole, tanta rabbia. «Non è che se il comandante decide di fare una cosa per una persona la colpa è dell'altro. Lui non ha chiesto nulla, è solo un marittimo, mica uno dei capi della nave. Non si azzarderebbe mai».
La maestra Patrizia ha ragione, niente e nessuno potrà togliere al comandante Schettino la paternità di quella decisione che definire scellerata è poco, non solo perché dalla finestra sembra quasi che basti allungare una mano per toccare quelle rocce.

Continua qui

Le telefonate della Capitaneria a Schettino «Comandante che fa, vuole tornare a casa?»

Naufragio Giglio, trovati 5 cadaveri. Il comandante Schettino rischia 15 anni

"Da anni diciamo via da lì le grandi navi"

La tragedia del Concordia, prima il black out poi il boato

Dispersi, la lista segreta: sono 40

Il comandante Schettino ai domiciliari, il paese diviso tra biasimo e rispetto