venerdì 30 novembre 2012

Ilva, recuperato il corpo dell’operaio

Era all’interno della cabina della gru finita in mare. 
 
A Genova operai in corteo sulla rampa dell’aeroporto.
Il corpo dell’operaio dell’Ilva disperso in seguito alla tromba d’aria che ha colpito lo stabilimento mercoledì scorso, è stato appena recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco. Il corpo era all’interno della cabina della gru finita in mare e individuata ieri a circa 30 metri di profondità.
Francesco Zaccaria, di 29 anni - nato a Taranto e residente nella frazione di Talsano - era scomparso nelle acque di mar Grande, all’altezza del quinto sporgente del porto industriale, nell’area demaniale concessa all’Ilva.

Continua qui

Massimo storico di disoccupati: 11,1%

Il numero dei senza lavoro a ottobre è salito a 2 milioni e 870 mila: mai così tanti nei conteggi Istat Record anche di precari e di giovani a spasso
 
Record di italiani disoccupati a ottobre: sono 2 milioni e 870 mila. È il livello più alto sia dall’inizio delle serie storiche mensili, gennaio 2004, sia dall’inizio delle serie trimestrali, IV trimestre 1992. Lo rileva l’Istat in base a dati provvisori e destagionalizzati. È insomma un record assoluto. E non è il solo dato negativo. Sono a livelli mai visti i senza lavoro tra i giovani e quanti un lavoro ce l’hanno, ma è precario.

Continua qui

L'intensa nevicata di Sestriere in occasione dell'ultima depressione: 72 ore concentrate in tre minuti

(...)

Mentre scorrono le ore il manto nevoso cresce visibilmente di spessore, gli alberi divengono sempre più carichi di neve, il paesaggio fiabesco ed incantato.

L'accumulo finale risulterà di circa 60-70cm di neve fresca

Il video

Terremoti, notte di scosse in Romagna

La terra trema anche su Pollino e Sila

ROMA - Notte di scosse in Romagna: sull'Appennino forlivese dalla mezzanotte scorsa se ne sono registrate 9, tre delle quali di magnitudo 3.1.

La terra è tornata a tremare anche sul Pollino, con un sisma di 3.2 gradi.

Due lievi scosse anche sulla Sila. In nessun caso si registrano danni a persone o cose.

Fonte: Ansa

 

Storico voto sulla Palestina all'Onu

Con 138 si'. Abu Mazen: 'Crediamo nella pace'. Netanyahu: 'Discorso ostile e velenoso'

di Ugo Caltagirone
In una giornata che sarà ricordata nei libri di storia, la Palestina diventa "Stato osservatore" dell'Onu. Esattamente 65 anni dopo il voto sulla spartizione della Terra Santa in due Stati (era il 29 novembre del 1947, e persino un giovedì), l'Assemblea generale delle Nazioni Unite si rende protagonista di un'altra giornata memorabile, approvando con 138 voti su 193 una risoluzione che il presidente dell'Anp Abu Mazen ha voluto con forza. E che i vertici dell'Autorità nazionale palestinese considerano solo un primo passo verso la nascita di un vero e proprio Stato e verso il riconoscimento della Palestina come Paese membro a pieno titolo delle Nazioni Unite.

Continua qui

 

giovedì 29 novembre 2012

Ilva: Anche Genova a rischio. Decreto domani in Cdm

Monti: 'conciliare rispetto pm e occupazione' Operai in piazza a politici: siete solo parassiti

ROMA - Incontro a Palazzo Chigi tra il governo, le parti sociali e gli amministratori locali e l'azienda sul caso Ilva. Sono presenti il premier Mario Monti, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà ed i ministri dello Sviluppo economico Corrado Passera, dell'Ambiente Corrado Clini, del Lavoro Elsa Fornero, i sottosegretari allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti e al Lavoro Michel Martone. Partecipa il presidente dell'Ilva, Bruno Ferrante. Per la regione Puglia il presidente Nichi Vendola, insieme al sindaco di Taranto Ippazio Stefano. Per le parti sociali, sono presenti il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi ed i segretari generali della Cgil Susanna Camusso, della Cisl Raffaele Bonanni e della Uil Luigi Angeletti; il segretario confederale dell'Ugl Paolo Varesi. Con loro i segretari generali dei sindacati metalmeccanici, Maurizio Landini (Fiom-Cgil), Giuseppe Farina (Fim-Cisl) e Rocco Palombella (Uilm).

Continua qui

 

Autoblu sindaco multata 85 volte

E' il primo cittadino di Brescia. Equitalia ora batte cassa: 21 mila euro

MILANO - Le auto blu sulle quali ha viaggiato il sindaco di Brescia Adriano Paroli (Pdl) tra il 2009 e 2010 sono state sanzionate per eccesso di velocità 47 volte. Altre 38 volte sono state sanzionate nel 2011. Ora Equitalia chiede 21 mila euro in cartelle esattoriali. A riportare la notizia alcuni giornali bresciani.

Continua qui

Vettel, Mondiale a rischio

Non si placano le polemiche sul Gp del Brasile che ha consegnato a Vettel il titolo Mondiale di F.1: anzi, la Ferrari ha chiesto ufficialmente alla Federazione internazionale dell’Automobilismo un chiarimento sul sorpasso da parte di Sebastian Vettel con la sua RedBull a discapito della Toro Rosso di Jean-Eric Vergne.

Il sorpasso incriminato (video)

Berlusconi “cancella” le primarie del Pdl

Il 16 dicembre forse una convention. Cicchitto: rammarico per l’occasione persa
 
Alessandro Barbera
Roma
Le primarie del Pdl non si fanno più. È questo l’esito quasi certo all’interno del centrodestra per evitare una scissione fra Berlusconi, i suoi fedelissimi e la parte del partito che fa riferimento al segretario Alfano. La decisione viene data per certa oggi da «Il Giornale» («Berlusconi ha convinto Alfano») e confermata da Maurizio Lupi - «Il 16 dicembre non si possono fare più» - e dal vicecapogruppo alla Camera Osvaldo Napoli: «Ormai non ci sono nemmeno i tempi tecnici». 

Continua qui

Primarie: Renzi e Bersani al "confronto finale" Matteo stoppa Casini. Il leader: siamo più forti

Faccia a faccia su RaiUno tra i due candati prima del ballottaggio. Il sindaco di Firenze attacca sulle alleanze, sui vuoti dei governi di centrosinistra e sul conflitto d'interessi. Bersani rivendica alcune delle sue leggi sul lavoro, stoppa il Monti-bis e avverte: "Quando abbiamo corso da soli ha vinto Berlusconi"

di MONICA RUBINO

Il video 

Instant poll Quorum-LaStampa.it. Renzi vince il confronto televisivo

 

Lo sciopero dei chierichetti

mercoledì 28 novembre 2012

Stangata su Google: deve 96 mln all'Italia

Il logo di Google









Il logo di Google
 
La Guardia di Finanza ha avviato una verifica fiscale "extraprogramma" nei confronti di Google Italia "finalizzata al riscontro del corretto adempimento degli obblighi fiscali in Italia". E' quanto afferma il Tesoro in risposta a un interrogazione del Pd, sottolineando che le verifiche riguardano Iva e redditi non dichiarati.
Risultano "elementi positivi di reddito non dichiarati per un importo di oltre 240 milioni di euro" da parte di Google Italia, nonché una Iva "relativa e dovuta per un importo pari ad oltre 96 milioni di euro": è quanto afferma la risposta del Ministero dell'Economia ad una interrogazione del deputato del Pd Stefano Graziano, citando gli accertamenti svolti dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Milano.

Continua qui

Slitta il termine per la dichiarazione Imu

A 90 giorni da pubblicazione del modello

Scadenza prorogata al 4 febbraio
Slitta al 4 febbraio il termine per la presentazione della dichiarazione Imu relativa al 2012. L’iniziale termine era fissato al 30 novembre. Lo rende noto il ministero dell’Economia in un comunicato. «L’articolo 9 del Dl 174 del 2012, come modificato durante l’iter parlamentare di conversione -si legge nella nota- ha fissato il termine per la presentazione della dichiarazione Imu relativa all’anno 2012 a 90 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto che ha approvato il modello di dichiarazione Imu, avvenuta lo scorso 5 novembre. Pertanto, l’attuale termine del 30 novembre per la presentazione della dichiarazione Imu relativa all’anno 2012, stabilito dall’articolo 13 del Dl 201 del 2011, è posticipato al 4 febbraio 2013, poiché il 3 febbraio cade di domenica». 

Fonte: La Stampa

Squinzi all'attacco sulla delega fiscale. Le norme a rischio: dall'Imu agli scontrini

Per il presidente di Confindustria il varo della norma è "civiltà giuridica". Ma lo stop del Senato mette a rischio diversi provvedimenti a cominciare dal contrasto d'interessi agli aiuti per le imprese

MILANO - La delega fiscale rischia di essere affossata al Senato dopo il rinvio in commissione Finanze deciso dalla riunione dei capigruppo proprio nel giorno in cui avrebbe dovuto essere approvato dall'Aula di Palazzo Madama. Se anche il disegno di legge fosse approvato in extremis prima della fine della legislatura, il Governo non avrebbe comunque il tempo per esercitare le deleghe contenute. La delega dovrà essere sottoposta anche a una terza lettura alla Camera. Duro il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi che non vuole alcun rinvio: "Il varo della delega è civiltà giuridica. I principi sono improntati a semplificazione, trasparenza e civiltà giuridica, sono i capisaldi di un cambiamento che il mondo delle imprese aspetta da anni e che sembrava finalmente vicino alla realizzazione".

Ecco le norme a rischio.

Scontrini. Rischia di saltare il contrasto di interessi tra contribuenti. Il governo proponeva di rendere deducibili scontrini e ricevute per incentivarne la richiesta da parte dei cittadini. Soprattutto in quei settori dove l'evasione è più alta. Si tratta, quindi, di un criterio per fare emergere la base imponibile attraverso l'emanazione di disposizioni per l'attuazione di misure selettive e indirizzate alle aree maggiormente esposte al mancato rispetto dell'obbligazione tributaria.

Catasto. La riforma del catasto prevede l'invarianza del gettito e quindi non porta aggravi per l'Imu. Prevista la determinazione di nuovi valori degli immobili insieme con le nuove aliquote e le eventuali deduzioni, detrazioni o franchigie. Contemplata anche la considerazione dei vincoli e degli oneri di conservazione per gli immobili storici e artistici nella riformulazione delle rendite.

 

Continua qui

Guarda dove sta piovendo...

Radar Italia

Camion in bilico su viadotto A26

Il rimorchio carico di pesticidi, a poca distanza scorre l'Orba. Parti del Tir sono fine sull'Ovada-Novi. Chiuse sia la corsia per Genova che l'ex statale.

Daniele Prato

Traffico in tilt, stamattina, sulla A26, per il ribaltamento di un camion in localita' Lercaro di Ovada. Secondo una prima ricostruzione, il mezzo pesante, che trasportava pesticidi, avrebbe impattato contro il new jersey in cemento per poi rimanere in bilico tra le due campate del cavalcavia sotto cui scorre la trafficata provinciale Ovada - Novi. Altre due auto sarebbero rimaste coinvolte nell'incidente. Alcuni parti del camion sono precipitate sulla strada sottostante, che e' stata chiusa. L'autista del camion, estratto dall'abitacolo dai vigili del fuoco, e' stato trasportato in ospedale. Anche uno degli automobilisti coinvolti sarebbe rimasto ferito.

Continua qui

Non va in carcere perché obeso

Pesa 200 chili, nessuna cella adatta
 
La condanna lo vuole in carcere per 4 anni e 8 mesi per aver rapinato un settantenne disabile e la sua badante. Ma con tutta probabilità Claudio Frison, 45enne di Mira (Venezia) in cella non ci andrà mai, perché obeso: pesa 200 chili. Frison aveva già accumulato vari anni per altre condanne, come riferisce in un articolo il Gazzettino del Nordest; ma in carcere non ci metterà piede, oltre che a causa del peso, anche per altre patologie giudicate più volte incompatibili con la detenzione, e che rendono la sua salute precaria. In questi anni infatti non è mai stato trovato un carcere in grado di accogliere l’uomo, le cui condizioni sono peggiorate. Non solo: il suo avvocato ha già annunciato che per lui chiederà la grazia.

Continua qui

Tromba d'aria e fulmine: crolli, 20 feriti e un disperso all'Ilva

Un autista racconta: 'Era come un tornado e sono fuggito'

Una tromba d'aria e un fulmine si sono abbattuti questa mattina sull'Ilva di Taranto, provocando crolli e una ventina di feriti. Il fulmine ha colpito il camino delle batterie 1 e 2 e sono caduti diversi quintali di cemento. Sono 20 i feriti lievi portati nell'infermeria dell'Ilva, due persone sono state condotte in ospedale dal molo. Lo rende noto l'Ilva che sottolinea che nello stabilimento "non c'è stato alcun incendio". "Le fiamme visibili dall'esterno sono relative agli sfoghi di sicurezza provocati dalle candele di sicurezza degli impianti".
Un operaio risulta disperso dopo la tromba d'aria. Secondo quanto si apprende dai vigili del fuoco, l'uomo era al lavoro nella cabina di una gru finita in mare dopo la tromba d'aria. A Taranto stanno arrivando le squadre dei sommozzatori per le ricerche. La direzione ha disposto immediatamente l'evacuazione dello stabilimento. Sul posto ci sono diverse ambulanze, mezzi dei vigili del fuoco, carabinieri e polizia.

Il fulmine caduto su una delle ciminiere ha toccato due tralicci dell'alta tensione. Attualmente è bloccata la linea ferroviaria Bari-Taranto e i passeggeri di un treno sono in attesa di trasbordo su autobus per raggiungere Taranto. I feriti provocati dalla tromba d'aria sarebbero una ventina. La tromba d'aria che si è abbattuta sull'Ilva ha provocato il crollo di un capannone all'imbarco prodotti e della torre faro, è crollato anche il camino delle batterie uno e tre. Lo rende noto l'Ilva in una nota nella quale afferma che "al momento non si hanno notizie di infortuni" e che "non c'é evacuazione".

Continua qui 

La tromba d’aria si abbatte su Taranto (il video)

Grandine ad Alcamo, ricoveri per ematomi

Borghetto Vara (Sp), nuova allerta, ennesima evacuazione 

Ecco la prima neve in pianura al nord

 


 

Il mondo in un minuto - 27 novembre 2012

Le foto

La Sanità è in codice rosso. Spesa delle Regioni fuori controllo

di Marlowe 

La Sanità è in codice rosso. Ecco le ragioni. E non sono solo di bilancio. Il costo di una siringa sterile varia da 2 a 65 centesimi. Una protesi d'anca da 284 a 2.575 euro. I pasti giornalieri di un paziente da 9,40 a 50 euro. Quelli di un dipendente da 4,62 al quadruplo. Eppure l'intero paniere di beni e servizi vale, da solo, oltre un terzo della spesa nazionale, la seconda voce dietro ai costi del personale.

 

Perché Mario Monti punta l'indice sul sistema sanitario nazionale, dopo aver sottoposto l'Italia ad un elettroshock di tasse, tagli e altri sacrifici? Non pensiamo che il presidente del Consiglio, benché tecnico, sia politicamente sprovveduto. Il timore che il tutto fosse da collegarsi ad un buco di bilancio, circolata dopo le nuove stime al ribasso del Pil, che secondo l'Ocse renderebbero necessaria una nuova manovra nell'arco di due anni, è stato smentito dalla precisazione di palazzo Chigi: il nostro sistema sanitario di tipo universale è e può restare sostenibile, a condizione però che si arrivi a una sua profonda riorganizzazione. Non poteva mancare la levata di scudi di Rosy Bindi: «Non accetteremo un sistema di tipo assicurativo, proprio mentre negli Usa Obama cerca di introdurre principi simili a quelli del welfare europeo». Purtroppo per l'ex ministro della Salute e tra poco anche ex presidente del Pd, Monti ha ragione. E vi spieghiamo perché. Il capo del governo ha sul tavolo due documenti: uno della Ragioneria dello Stato, l'altro della Direzione generale della programmazione sanitaria del ministero della Salute. Quest'ultimo fotografa la situazione attuale: «Nel 2011 - vi si legge - la spesa sanitaria complessiva è stata di 113 miliardi di euro, per la quasi totalità (112,2 miliardi) riferita alle regioni».

 

Continua qui

L'Ocse taglia le previsioni del Pil. E avverte: serve una nuova manovra

L'Italia potrebbe avere bisogno di una nuova manovra e si trova a fare i conti con il maggior calo dei consumi dalla seconda guerra mondiale. A lanciare l'allarme è l'Ocse che ha tagliato l'outlook per il nostro Paese. Le previsioni dell'Organizzazione di Parigi sono più pessimiste di quelle del governo. Secondo l'Ocse, il Pil nel 2013 calerà dell'1%, contro la flessione dello 0,4% stimata in precedenza. Per il prossimo anno l'esecutivo ha previsto invece una contrazione pari ad appena lo 0,2%.

L'Italia potrebbe avere bisogno di una nuova manovra e si trova a fare i conti con il maggior calo dei consumi dalla seconda guerra mondiale. A lanciare l'allarme è l'Ocse che ha tagliato l'outlook per il nostro Paese. Le previsioni dell'Organizzazione di Parigi sono più pessimiste di quelle del governo. Secondo l'Ocse, il Pil nel 2013 calerà dell'1%, contro la flessione dello 0,4% stimata in precedenza. Per il prossimo anno l'esecutivo ha previsto invece una contrazione pari ad appena lo 0,2%. L'Organizzazione parigina ha inoltre rivisto al ribasso le stime per il 2012, con il Pil che e' ora previsto in calo del 2,2%, contro la flessione dell'1,7% stimata lo scorso maggio. Il deficit dovrebbe scendere al 3% del Pil quest'anno e al 2,9% nel 2013. L'esecutivo nella Nota di aggiornamento al Def aveva invece stimato un indebitamento netto pari al 2,6% quest'anno e all'1,6 il prossimo. Alla luce della nuova previsione l'Italia, sottolinea l'Ocse, potrebbe avere bisogno di una nuova stretta fiscale nel 2014 per rispettare l'obiettivo di una riduzione del debito al 119,9% del Pil nel 2015.

 

Continua qui 

martedì 27 novembre 2012

Rapina con la maschera dei Soliti idioti: terzo arresto

Arrestato dalla Squadra Mobile di Torino il terzo componente della banda di rapinatori specializzati in colpi in banca che utilizzavano per travisarsi una maschera in lattice con le sembianze di Ruggero De Ceglie, personaggio dei Soliti Idioti. Si tratta di Angelo Mottin, 47 anni di Nichelino (Torino), arrestato su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Loretta Bianco al termine delle indagini coordinate dal pm Giancarlo Avenati Bassi.

Le foto

Pavia, diciottenne ucciso: c'è un fermo Il 25enne confessa: "Mi sono difeso"

Il giovane, molto vicino alla famiglia, è il fidanzato della cugina della vittima

C'è un fermo per l'omocidio di Gianluca Serpa, il diciottenne morto dissanguato dopo essere stato accoltellato al cuore a Chignolo Po (Pavia), città dove viveva con la famiglia. Gli inquirenti hanno fermato Angelo Siciliano, il 25enne fidanzato della cugina. Il giovane ha confessato il delitto e si è giustificato così: "Mi sono difeso da un'aggressione".Gianluca, 18 anni, secondo di 5 fratelli, lavorava con il padre Giacomo, 46 anni, piccolo imprenditore edile, e nel tempo libero giocava a calcio nella "Atletica del Po 2000".

Continua qui

Maltempo, tornano piogge e freddo. Protezione civile: "Allerta in tutta Italia"

Piogge su buona parte del centro-nord con possibili disagi nel genovese e nello spezzino, dove la Protezione civile ha dichiarato l'allerta 1; scuole chiuse domani a Genova e allerta esondazione per un torrente a Firenze. Da giovedì temperature in picchiata

TORNA IL MALTEMPO sull'Italia con notevoli piogge e abbondanti nevicate. Tra oggi e giovedì le situazioni critiche saranno più probabili al nord-ovest, nelle Venezie e in Toscana, Lazio e Campania, dove in 48 ore potrebbero cadere dai 100 ai 200 millimetri di pioggia con conseguente rischio di esondazioni.

LE PREVISIONI METEO

Il Dipartimento della Protezione civile ha esteso a tutta Italia l'allerta per rischio meteo-idrogeologico a causa dell'intensa perturbazione che già da diverse ore sta portando precipitazioni diffuse e persistenti.  

 

Continua qui 

 

Ancora disagi nel Grossetano. Problemi a sottopassi, traffico in tilt a Pisa e Firenze

Si complica la situazione tra Corsica, Costa Azzurra e nord-ovest

 

Ocse: consumi crollati come in guerra "Italia a rischio manovra anche nel 2014"

Secondo l'organizzazione internazionale il rapporto debito/PIl è destinato a crescere anche nei prossimi due anni, mentre i consumi hanno registrato il calo più massiccio dal secondo conflitto mondiale. Negativi gli scenari globali: Europa vicina alla recessione per tutto il 2013; Stati Uniti in crescita, ma meno del previsto ed economie emergenti in frenata

 

MILANO - Secondo l'Ocse l'Italia potrebbe essere costretta nel 2014 a varare una nuova manovra per risanare i propri conti pubblici. Per il 2013 e il 2014, l'organizzazione internazionale con sede a Parigi "presuppone che il governo italiano riuscirà a centrare il suo obiettivo di equilibrio strutturale. Tuttavia, date le previsioni di macroeconomiche dell'organizzazione, sia il deficit, sia il debito pubblico continueranno ad aumentare" in questo periodo a livello nominale, rendendo forse necessaria "un'ulteriore stretta dei conti pubblici per intraprendere il cammino di riduzione del debito come previsto". Il debito pubblico è stimato al 127% nel 2012, al 129,6% nel 2013 e al 131,4% nel 2014.

 

Continua qui

Fase DINAMICA: prima la PIOGGIA, poi il FREDDO

Ci aspetta una settimana movimentata dal punto di vista atmosferico. La prima protagonista sarà la pioggia; successivamente è atteso anche un calo delle temperature, specie al centro-nord. 

 

Pioggia, vento forte e neve sulle Alpi. L'autunno meteorologico lascerà un ricordo bagnato sulla nostra Penisola, muovendo le fila di un'intensa depressione che si piazzerà all'altezza del Mar Ligure nei prossimi giorni.

 

Continua qui 

 

Maltempo anche per l'Immacolata?

 

Un anno nero per l'edilizia persi 4mila posti di lavoro

Il grido di dolore dell'Assimpredil: nel corso del 2012 ha chiuso il 12 per cento delle aziende del settore
L'assessore De Cesaris agli imprenditori milanesi: "In questo momento dovete puntare su case low cost"

di ILARIA CARRA


Imprese che chiudono, il dodici per cento del totale solo quest’anno e quattromila posti di lavoro di operai persi — più quelli di impiegati, quadri e l’indotto — in soli dieci mesi del 2012, ancora anno nero per il settore delle costruzioni. E che, si aspettano gli addetti ai lavori, non sarà l’ultimo. Un quadro negativo in cui anche Milano e provincia non fanno eccezione. «L’imprenditoria milanese si sta depauperando», è il grido d’allarme lanciato a nome dei costruttori milanesi da Claudio De Albertis, presidente di Assimpredil-Ance, l’associazione di categoria che li rappresenta. La prima richiesta: più tutela per le imprese del territorio che qui generano sviluppo e occupazione.

Continua qui

lunedì 26 novembre 2012

L'Ilva annuncia chiusura stabilimenti ma la Fiom agli operai: "Restate al lavoro"

Dopo gli arresti e il sequestro della produzione: "Chiusura ineluttabile". Bloccate le attività, a Taranto subito 5mila operai in ferie forzate

di MARIO DILIBERTO

L'Ilva chiude Taranto e tutti gli stabilimenti che Taranto rifornisce d'acciaio. Lo ha annunciato l'azienda dopo aver comunicato ai sindacati lo stop immediato di mezzo stabilimento pugliese, nel giorno in cui sono scattati altri sette arresti per la vicenda dell'Ilva e il sequestro dei prodotti della fabbrica tarantina. Un provvedimento che per il gruppo rende "ineluttabile" la chiusura dell'Ilva a Taranto, ma anche quella di tutti gli stabilimenti del gruppo in Italia: Genova, Novi Ligure, Racconigi, Marghera e Patrica". Immediata si è fatta sentire la voce della Fiom che ha invitato gli operai a non lasciare il proprio posto di lavoro. "L'azienda sta comunicando in questo momento che da stasera fermano gli impianti di tutta l'area a freddo - dice il segretario della Fiom Cgil di Taranto Donato Stefanelli - noi invitiamo invece i lavoratori che devono finire il turno a rimanere al loro posto e a quelli che montando domani mattina di presentarsi regolarmente". Le sigle sindacali e il mondo della politica chiedono un incontro ugente al governo. Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini parla apertamente di "conflitto" tra il risanamento disposto con l'autorizzazione Aia rilasciata dal ministero e la decisione della magistratura.  


Continua qui

Ilva, lavoratori in sciopero a Taranto sit-in e tensioni agli ingressi

Ilva annuncia la chiusura mille posti a rischio in Piemonte

 

A fine novembre pioggia, freddo e neve abbondante

Da martedi' forti temporali, poi arrivano temperature invernali 

ROMA - Con la fine di novembre tornerà il maltempo su tutta Italia e le temperature scenderanno a livelli invernali con neve su Alpi e Appennini anche a basse quote. E' quanto prevedono i metereologi, secondo cui dopo questo weekend "in parte nuvoloso, mite e con poca pioggia" e che vede il ritorno delle nebbie sulla Pianura Padana, da martedì prossimo, a causa dell'arrivo di un vasto fronte di aria fredda dal nord Europa, si avrà un generale peggioramento meteo. "Un'intensa perturbazione atlantica ci interesserà soprattutto da martedì - spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara - portando piogge che al nord potranno risultare molto abbondanti mentre nel resto d'Italia saranno più irregolari". Alla pioggia si aggiungeranno forti venti sia di Scirocco che di Libeccio, con mari agitati e mareggiate sulle coste esposte, specie tirreniche e joniche. La discesa di aria fredda da latitudini artiche, secondo Antonio Sanò, direttore di iLMeteo.it ,"sconvolgerà lo scenario metereologico europeo e innescherà la formazione dell'ultimo ciclone mediterraneo dell'autunno", battezzato 'Medusa'.

Continua qui

Fiducia consumatori peggio dal '96

Istat,indice giu' a 84,8,e' minimo storico

(ANSA) - ROMA, 26 NOV - A novembre l'indice del clima di fiducia dei consumatori scende a 84,8 da 86,2. E' quanto fa sapere l'Istat, spiegando che si tratta del dato piu' basso dal gennaio 1996, ovvero dall'inizio delle serie storiche. Sul peggioramento pesano anche il deteriorarsi delle aspettative su futuro e disoccupazione.

 Fonte

Ilva: 7 arresti e sequestri a Taranto

C'è anche Fabio Riva, vicepresidente di Riva Group, tra i destinatari delle sette ordinanze di custodia cautelare emesse nell'ambito delle inchieste sull'Ilva di Taranto. Il provvedimento nei confronti di Fabio Riva, figlio del patron dell'Ilva Emilio ai domiciliari dal 26 luglio, non è stato ancora eseguito.

I destinatari delle ordinanze sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere, disastro ambientale e concussione.

Continua qui

Siria: bomba su campo calcio, strage bambini

Ordigno a grappolo lanciato mentre ragazzini giocavano

Una bomba a grappolo lanciata su un campo di calcio in un sobborgo di Damasco ha fatto strage di bambini: dieci i morti, riferiscono gli attivisti anti-regime citati dalla Bbc. Gli attivisti hanno pubblicato un video, in cui si vedono i cadaveri dei bambini con accanto le madri disperate

Fonte

La gravidanza in stop motion: 9 mesi in oltre 1.000 foto

Quando Tomer Grencel ha scoperto che sarebbe diventato padre, ha deciso di documentare giorno per giorno la gravidanza di sua moglie Osher. E così il ragazzo l'ha fotografata nella stessa stanza della loro casa per nove mesi. Fino alla nascita della loro bambina, anche lei immortalata dalla fotocamera. Più di 1000 scatti, alla fine, sono stati uniti per creare questo stop motion che ha già totalizzato, su YouTube, 315mila visualizzazioni.

Il video

Primarie, Bersani e Renzi al ballottaggio. Boom votanti, oltre 3,5 milioni

ll segretario Pd fra i primi a votare. Alla fine dice: "Giornata straordinaria. L'ho voluta io così". Ressa per Matteo in coda: "Al secondo turno voglio più seggi". Emilia a Bersani, Toscana a Renzi. Anche Tabacci in fila a Milano di MONICA RUBINO

ROMA -E' ballottaggio tra Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, che concludono la prima tornata elettorale di queste primarie di coalizione rispettivamente al 44% e al 36%. Nichi Vendola incassa il 15%. Laura Puppato ottiene circa il 3% mentre Bruno Tabacci si attesta all'1,2%. Questi i risultati a metà dei voti scrutinati che concludono una giornata che per il centrosinistra è stata di per sé un successo. L'affluenza al primo turno delle primarie di coalizione è andata oltre ogni aspettativa e ha fatto registrare una partecipazione record. Almeno 3,7 milioni i votanti secondo il comitato Renzi. I bersaniani limano leggermente i risultati e parlano di 3,5 milioni. Ma, aldilà di questa piccola guerra di cifre, il risultato finale non cambia: oggi l'antipolitica e la tendenza all'astensionismo hanno perso, battute da una partecipazione corale del popolo di centrosinistra. E non solo.

 

Continua qui

domenica 25 novembre 2012

Uomini che odiano le donne

Viaggio nei centri che salvano le donne tutta la verità sull'Italia delle violenze

Uomini del sud, senza cultura e pazzi: di cose false, quando si parla di violenza di genere, se ne dicono tante. I luoghi comuni si sprecano. Il fenomeno riguarda tutte le classi sociali: impiegati, professionisti, ricchi e poveri. L'ignoranza non c'entra, così come i fattori economici. Una situazione che, anzi, si riscontra più frequentemente nelle famiglie in cui la donna è emancipata o cerca di emanciparsi

 

Continua qui 

 

Violenza donne, giornata mondiale contro la barbarie

Sul contrasto delle violenze siamo tra i peggiori d'Europa

"La mia vita da serva isolata e umiliata"

'Dopo l'ennesima violenza chiesi a mia moglie di denunciarmi'

Yara: a due anni dalla morte ancora caccia all'assassino

Liguria, la strage delle innocenti

 

 

sabato 24 novembre 2012

"Parolisi non sembrava un uomo triste"

A "Quarto Grado" la testimonianza di una soldatessa della caserma dove operava il militare condannato per l'omicidio della moglie Melania Rea

"Di Salvatore ci ha stupito il fatto che scherzasse parecchio, cosa che una persona comune non farebbe mai avendo appena perso la moglie o qualsiasi altro parente. Inizia così l’intervista esclusiva ad una soldatessa della Caserma Clementi, di Ascoli Piceno, andata in onda nel corso di “Quarto Grado”, su Retequattro. "Non riuscivamo a capire quale fosse il suo stato d’animo - ha continuato la militare - . In televisione vedevamo una persona afflitta e addolorata per la scomparsa della moglie, mentre in Caserma era una persona sorridente". Parolisi, afferma la donna, "Non dava molta confidenza. Stava molto lontano. Con i colleghi dava l’impressione di essere una persona abbastanza serena. E noi pensavamo: “Perché avere questo atteggiamento, se ti è appena morta la moglie e dici di averla amata tanto?” Insomma, un po’ Dottor Jekyll e Mister Hyde". "Ricordo - conclude la soldatessa - Parolisi in atteggiamenti affettuosi con un’altra recluta: una volta, in una Compagnia, mi sono trovata ad entrare per consegnare delle cose e ho visto il caporale maggiore in atteggiamenti affettuosi verso questa ragazza…  


Continua qui

Trapani, padre uccide per errore il figlio. Stava pulendo il fucile quando è partito colpo

E' accaduto a Pantelleria. I cc stanno valutando la responsabilità del padre

Manuel Belvisi, il bambino di 5 anni morto in casa a Pantelleria, è stato colpito mortalmente da una pallottola sparata accidentalmente dall'arma che il padre stava pulendo. E' la ricostruzione accertata dei carabinieri. L'uomo, dipendente della centrale elettrica che alimenta l'isola, era convinto che il fucile fosse scarico. Invece aveva un colpo in canna che è esploso proprio mentre a pochi passi c'era il piccolo.I carabinieri, che conducono le indagini coordinate dalla Procura di Marsala, stanno adesso valutando se a carico dell'uomo possano esserci responsabilità, anche se non nutrono alcun dubbio sulla matrice accidentale della tragedia.  


Continua qui

Crisi peserà sul Natale di 7 italiani su dieci

Indagine Confcommercio: quasi il 14% non farà acquisti. Adusbef: tredicesime mangiate da tasse e mutui

ROMA  - A un mese dalle festività natalizie, a prevalere tra le famiglie è la preoccupazione: per quasi 7 italiani su 10 il Natale 2012 risentirà fortemente della crisi. Emerge da un'indagine Confcommercio-Format. In aumento la quota di chi non farà acquisti per regali (dall'11,8% del 2011 al 13,7%), anche se oltre 8 italiani su 10 (86,3%) i regali continueranno a farli. Al primo posto tra i destinatari ci sono i familiari (50,2%), ma subito dopo, prima di amici e colleghi di lavoro, il 41,4% il regalo lo farà a se stesso.

 

Continua qui

 

Treno travolge auto, sei morti

La tragedia in Calabria nella zona di Rossano

ROSSANO (COSENZA) - Una monovolume e' stata travolto stasera da un treno nella zona di Rossano. Secondo le prima notizie, ci sono sei morti.

Secondo una prima ricostruzione, l'auto - una Fiat multipla - è passata sui binari in un punto dove c'é un attraversamento privato. A bordo ci sarebbero stati alcuni lavoratori di nazionalità romena impiegati nella raccolta di clementine. Due di loro si sono salvati perché sono scesi dal mezzo per aprire il cancello del terreno che dà l'accesso al passaggio sui binari. Secondo una prima ricostruzione di carabinieri e polizia, a bordo del mezzo c'erano altri sei lavoratori romeni che sono rimasti uccisi. I corpi sono incastrati in un groviglio di lamiere e per estrarli occorreranno ore.

Continua qui

 

Berlusconi: Forse torno. Alfano: Cosi' no primarie

Segretario Pdl: 'Se davvero dovesse tornare in campo mi chiedo significato di queste primarie'

ROMA - Berlusconi ''mi ha detto: 'a 75 anni torno in politica e formo un partito nuovo'. Era felice di annunciarlo, perche' era felice di tornare a fare un partito nuovo''. Cosi' il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, intervenuto ai microfoni di ''Radio Radio'', parla di quanto gli ha raccontato il Cavaliere ieri durante un incontro casuale a Ciampino col Cavaliere.

Continua qui

X-Factor, Dipollina: ''Ha vinto il trash''

Cala il sospetto di brogli sul talent show e se l'immediato risultato è un boom di ascolti si tratta di un pietra pesante sulla trasmissione. Il commento di Antonio Dipollina

Il video

X-Factor, Arisa contro tutti: insulti alla Ventura

X Factor, Arisa accusa di brogli la Ventura

 

Falso cieco, sorpreso a guidare il trattore

Percepiva una pensione di invalidità del 100% per cecità pressochè totale, ma guidava il trattore e svolgeva lavori agricoli nell'azienda della figlia. Protagonista un uomo di 65 anni residente nel Mugello (Firenze), denunciato per truffa aggravata e falso ideologico dalla finanza. Dal 1999 ad oggi ha riscosso oltre 100.000 euro di pensione 

Il video

Il mondo in un minuto - 23 novembre 2012

Le 10 foto top della giornata

Brunetta a Vendola: ''Io mi eccito normalmente'', bufera su Twitter

Una frase di Renato Brunetta in risposta a Nichi Vendola ha fatto scatenare il putiferio su Twitter. ''Io almeno mi eccito in maniere normali'' ha detto l'ex ministro della Funzione Pubblica dopo aver male interpretato un'affermazione di Vendola: "Non volevo incendiarti'' 

Il video 

Scuola, Roma blindata aspetta i cortei di studenti e professori

Giornata difficile per la capitale con i ragazzi delle scuole e delle università che avvisano: "Vogliamo arrivare sotto i Palazzi del potere". Mille gli uomini delle forze dell'ordine in piazza. Manifestano anche i Cobas e la Cgil organizza un sit in. Allarme per CasaPound

 

ROMA - Studenti, professori ed anche i neofascisti di CasaPound in piazza oggi a Roma con mille uomini e donne delle forze dell'ordine a vigilare sui palazzi delle istituzioni. "Una giornata calda", l'ha definita il ministro degli Interni Annamaria Cancellieri che inizierà intorno ale 10 del mattino dalla Piramide dove si sono dati appuntamento gli studenti medi e universitari in lotta per la difesa della scuola pubblica e contro i tagli mentre più o meno allo stesso orario la Cgil ha chiamato i professori ad un sit in a Piazza Farnese ed i Cobas hanno organizzato un corteo in partenza da piazza Esedra fino a Santi Apostoli.

 

Continua qui

venerdì 23 novembre 2012

Spedizione degli ultrà: 'Roma non meno pericolosa di Tel Aviv'

Il ministro della Cooperazione Riccardi all'indomani del raid contro i tifosi inglesi in un pub

ROMA - "Roma non è Tel Aviv. Chiedo rispetto per le forze dell'ordine da parte di tutti, a cominciare dalla comunità ebraica". Così il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, sulle parole del presidente della comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici dopo il raid antisemita. "Tel Aviv non è meno pericolosa di Roma. Nella comunità c'è rabbia. Questore e prefetto dovrebbero vietare manifestazioni di chi si definisce 'i fascisti del nuovo millennio'", è la convinzione di Riccardo Pacifici.

"Se è possibile aggredire 50 tifosi del Tottenham a Campo de' Fiori, vuol dire che Roma non è meno pericolosa di Tel Aviv", afferma Pacifici, dal palco della 'maratona oratoria per Israele' davanti a Montecitorio, paragonando l'aggressione di ieri sera nella capitale ai razzi che da Gaza colpiscono Israele. Pacifici ha annunciato la volontà di "andare in Israele a portare la nostra solidarietà. "Ce li vogliamo prendere noi quei missili, insieme ai nostri fratelli", ha aggiunto.

Continua qui

 

Recluso per 86 giorni. La droga? Di un altro

Al manager recapitato un pacco dal Perù

 

MILANO - Gli hanno fatto un bel «pacco», non c'è che dire: 86 giorni di arresti (3 in carcere e il resto ai domiciliari) solo per essere stato chiamato dalla portineria della sua azienda a ritirare appunto un pacco a Malpensa proveniente dal Perù, inviato al suo nome come destinatario e contenente però - come constatano i due poliziotti finti-fattorini in agguato quando l'arrestano appena firma la bolla di consegna - 366 grammi di purissima cocaina.  


Continua qui

La rivoluzione in bolletta Gas Pronto un taglio del 7%

L'Autorità prepara la riforma del calcolo dei prezzi

 

MILANO - A suo modo sarà una mezza rivoluzione, che avrà l'effetto di ridurre del 6-7% le bollette del gas pagate dalle famiglie e dalle piccole imprese a partire da aprile del prossimo anno. A «cura» dell'Autorità per l'energia sta maturando infatti un cambiamento del modo di calcolare il prezzo del metro cubo di metano che interesserà all'incirca un terzo dei consumi nazionali (75 miliardi di metri cubi la stima 2012). Cioè la maggior parte di quelli «domestici», con la sola esclusione delle grandi aziende (che comunque si difendono già bene da sole) e dei produttori termoelettrici (i proprietari delle centrali a gas).  


Continua qui

«La mia Francia sfida Google e Amazon»

Aurélie Filippetti: senza un accordo con gli editori, obbligheremo i siti a pagare

PARIGI - Signora Filippetti, suo nonno Tommaso lasciò l'Italia tra le due guerre mondiali per lavorare nelle miniere del Lussemburgo e poi della Lorena, lei torna a Gualdo Tadino da ministra della Cultura della Repubblica francese. È orgogliosa del salto sociale?
«È una soddisfazione doppia, sia per le mie origini sociali sia perché vengo dall'immigrazione. Mio nonno era un minatore italiano ed è morto nei campi di concentramento perché era entrato nella Resistenza ai nazisti, si è battuto per la libertà in Europa. A Gualdo Tadino riceverò una medaglia in suo onore. E il fatto stesso che io sia riuscita a diventare ministro lo sento come un riconoscimento per lui».

Continua qui

giovedì 22 novembre 2012

Deriso su Facebook: sei gay. Un quindicenne si impicca

Il corpo è stato trovato dal padre. Il portavoce del Gay center: potrebbe essere stato vittima di stalking.

 

ROMA - Indossava i jeans rosa, aveva la frangetta, si truccava e, martedì mattina, si era messo anche lo smalto. Eccentrico e simpatico. Un modo di essere che non andava bene a qualche suo compagno di scuola che, come accadeva da qualche mese, lo prendeva continuamente in giro. Battute dure, anche sgradevoli, che hanno purtroppo lasciato il segno. È nascosta in quegli insulti una delle ipotesi per comprendere le ragioni del suicidio di un ragazzino romano di 15 anni. Giulio, nome di fantasia, l'ha fatta finita poche ore dopo essere uscito di scuola. È tornato a casa - dove forse c'era anche il fratello più piccolo - ha annodato una sciarpa al corrimano della scala interna e si è stretto l'altro capo al collo, lasciandosi cadere di schianto. La morte è stata istantanea. A trovare il corpo è stato il padre.  


Continua qui

 

Studente suicida,la mamma:lo hanno crocefisso. E Napolitano accusa: "Omofobia intollerabile"

 

Facebook: video shock mostra come il social potrebbe essere usato contro di voi

Si sa su Facebook c’è tutta la nostra vita, amici, luoghi che visitiamo, preferenze, gusti, foto, ma anche indirizzo, telefono… ma la nostra privacy sulla piattaforma sociale è davvero al sicuro come crediamo?
Sul social network di Mark Zuckerberg ogni cosa ha un livello di privacy che si può gestire in perfetta sicurezza, ma non tutti ne sono a conoscenza, non tutti la sanno gestire correttamente e qualcuno addirittura sembra non importarsene. Così un gruppo di belga ha voluto spiegare attraverso uno spot cos’è la privacy e come viene utilizzata su Facebook.

Di seguito trovate il video tradotto (anche se con qualche imprecisione) nel quale emerge quanto ingenuamente si inseriscono dati sensibili e come vengono trattati i dati inseriti, a volte ingenuamente dagli utenti.

Continua qui 

Ottanta milioni di falsi profili Facebook

Il Fisco accetterà gli scontrini

Primo sì del Senato al “contrasto d’interesse”, il cittadino è invogliato a esigerli  per poter avere le detrazioni

Roberto Giovannini
ROMA
Va avanti con qualche sorpresa l’esame parlamentare della delega fiscale, che ieri ha avuto il via libera dalla Commissione Finanze del Senato. Tra le novità quella forse più significativa è l’approvazione di un emendamento presentato dal Pd che introduce il contrasto d’interesse fra contribuenti.

Per molti il contrasto d’interessi è la panacea risolutiva per limitare l’evasione fiscale. A parte pochi casi in cui la documentazione fiscale è necessaria per altre ragioni, oggi non c’è un vantaggio nel chiedere scontrino o ricevuta fiscale quando si paga un bene o un servizio. Soprattutto se il venditore propone uno sconto. Con il nuovo principio si cambia: gli scontrini diventano merce preziosa che, presentata allo Stato, si trasforma in sconti sulle tasse da pagare. A quel punto gli italiani, c’è da giurarci, diventeranno esattori inflessibili delle ricevute. Il sistema funziona già in molti paesi del mondo - ad esempio negli Usa -, dove i consumatori chiedono senza eccezioni le ricevute: grazie a quelle, infatti, hanno la possibilità di scaricare dalle tasse una parte delle spese regolarmente fatturate. Nello Stato di San Paolo, in Brasile, si è andati oltre: sugli scontrini fiscali c’è una specie di «gratta e vinci» che offre premi ai consumatori, finanziati con il maggior gettito Iva. 

Continua qui

Fiumicino, cocaina dentro il reggiseno: arrestati

Lingerie imbottita con 8 chili di cocaina. I due corrieri, un ragazzo e una ragazza, hanno volato dalla capitale del Brasile all'aeroporto di Fiumicino, a Roma, dove sono stati bloccati e arrestati per traffico internazionale di stupefacenti. 

Le immagini della Guardia di Finanza 

Italia, fanalino di coda in tutto… anche per l’export di ‘monnezza’

ROMA – Non solo esportiamo malavita e debiti, ora abbiamo il triste primato di esportare ‘monnezza. Non solo la portiamo fuori confine per farla smaltire ma, ovviamente, paghiamo il tutto a prezzo d’oro.
Come ricorda Sergio Rizzo ancora oggi sul Corriere della Sera, siamo “ultimi per crescita economica, occupazione e produttività, ci presentiamo in Europa con un avvilente primato: quello dell’export dei rifiuti. Da anni Napoli e la Campania spediscono la spazzatura ai termovalorizzatori sparsi per il continente. La più recente destinazione conosciuta è l’Olanda, che si offre di bruciarla al modico prezzo di 150 euro la tonnellata. E adesso tocca persino all’immondizia di Roma finire sul mercato. L’azienda municipalizzata del Comune ha indetto una gara europea per lo smaltimento di 1.200 tonnellate al giorno: andranno a chi pretenderà la cifra più bassa per trasformarle in energia elettrica”.

Continua qui

Produttività, firmato l’accordo. No della Cgil

ROMA – Detassazione del salario di produttività, riduzione del cuneo fiscale. E’ stato firmato l’accordo di produttività con le parti sociali, il governo afferma che ci sono “le condizioni per confermare le risorse” per questi due obiettivi. L’accordo non è stato firmato dalla Cgil.

Prima della firma il premier Mario Monti ha invitato la Cgil a essere della partita ma Susanna Camusso ha confermato le sue perplessità. Prendendo la parola a Palazzo Chigi, il segretario ha detto: “Questa è una strada sbagliata. Una strada con cui non si tutelerebbe più il potere d’acquisto”.

Continua qui

Dal Pdl ultima legge ad personam per bloccare la sentenza Mondadori

Con un emendamento al decreto Sviluppo i senatori del Popolo delle libertà provano ad inserire nell'ordinamento il quarto grado di giudizio con effetto retroattivo. Il governo si schiera contro, il Pd insorge


di ALBERTO D'ARGENIO

ROMA - Il Pdl cerca di forzare i codici di procedura, di stravolgere il principio secondo il quale dopo il pronunciamento della Corte di Cassazione una sentenza civile o penale passa in giudicato. Lo fa con un emendamento al decreto Sviluppo presentato ieri a Palazzo Madama da drappello di senatori berlusconiani. La norma - retroattiva - vuole introdurre "un quarto grado di giudizio". Il Partito democratico insorge. Il governo si schiera contro. Ma il sospetto che emerge, non solo tra i partiti ma anche in ambienti governativi, è che l'emendamento rappresenti solo l'ultima legge "ad personam" per tutelare gli interessi di Silvio Berlusconi. Ancora una volta un tentativo di cambiare il diritto per salvare il Cavaliere da processi e condanne. Passate e future. A partire dalla sospensione del pagamento di 560 milioni alla Cir di Carlo De Benedetti per il Lodo Mondadori (attesa a breve la pronuncia della Cassazione). "A tutti è venuto il sospetto che l'ex premier l'abbia fatto proprio per questo", è la denuncia che dei democratici in Senato.  


Continua qui

mercoledì 21 novembre 2012

Sla, svolta dopo la protesta al ministero "I fondi per l'assistenza raddoppieranno"

A decine in strada davanti al dicastero dell'Economia per sollecitare il governo a rifinanziare adeguatamente il fondo per la non autosufficienza e il sostegno domiciliare. Dopo l'incontro con il sottosegretario la decisione di sospendere lo sciopero della fame. Verifica fra 5 giorni.

ROMA - "Non molleremo". Questo il messaggio che Salvatore Usala, malato di Sla e segretario del comitato "16 novembre" aveva rilanciato all'inizio della protesta sotto la sede del ministero dell'Economia per sollecitare il governo a rifinanziare adeguatamente il fondo per la non autosufficienza, indispensabile per le famiglie dei malati. A fine mattinata, dopo l'incontro con il sottosegretario Polillo, arriva l'assicurazione del governo: i fondi saranno raddoppiati. E l'associazione annuncia la sospensione dello sciopero della fame dei malati.

Continua qui

La protesta dei lavoratori della Tre Colli a 30 metri di altezza. Alle 17 il confronto con la proprieta'

 Carrosio (Al)

AGGIORNAMENTO ORE 14.50: L'assessore provinciale al lavoro, Cesare Miraglia, raggiungerà Carrosio a breve per confrontarsi con la proprietà e i sindacati, Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil. "Cercheremo di comprendere se esistono presupposti, che mi pare ci siano, come emerso dalla chiaccherata fatta con la proprietà, per arrivare a una soluzione". 

Continua qui

Fisco, è on line il redditometro fai da te Befera: un milione di famiglie italiane ha reddito zero ma spende

Ecco il redditest: si può verificare la congruità tra reddito dichiarato e spese. A gennaio via al nuovo sistema di controllo

ROMA - Il nuovo redditometro è pronto per entrare in azione e gli italiani già da oggi possono verificare la congruità tra il reddito familiare dichiarato e le spese annuali, scaricando da internet il programma,chiamato redditest, per un controllo fai-da-te, con la garanzia della privacy.

SCARICA IL REDDITEST

Il misuratore del reddito nella nuova versione valuterà la capacità di esborso per risalire ai ricavi. Non ci saranno più i vecchi coefficienti, per esempio la barca non peserà più del camper, ma il sistema si baserà su 100 voci riconducibili a sette diversi gruppi (abitazioni, mezzi di trasporto, assicurazioni e contributi, istruzione, tempo libero e cura della persona, investimenti mobiliari e immobiliari netti e altre spese significative).  


Continua qui

 

Redditometro e Anagrafe tributaria: meno tasse dal 2014, se no è imbroglio

 

martedì 20 novembre 2012

San Vittore, arrestato il cappellano "Violenze sessuali su sei detenuti"

Don Alberto Barin è accusato anche di concussione nei confronti di sei detenuti del carcere milanese "Chiedeva sesso in cambio di shampoo e sigarette". La notizia è stata data dal procuratore Bruti Liberati

 

E' stato arrestato per concussione e violenza sessuale ai danni di sei detenuti il cappellano del carcere milanese di San Vittore, il 51enne don Alberto Barin. Lo comunica in una nota il capo della Procura di Milano, Edmondo Bruti Liberati. L'ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita dagli uomini della polizia penitenziaria di Milano e della squadra mobile. Don Alberto opera a San Vittore dal 1997 ed è accusato di aver ottenuto prestazioni sessuali come compenso per la fornitura di generi di conforto o per interessamento alla loro posizione carceraria. L'arresto è stato disposto dal gip Enrico Manzi su richiesta dei pm Daniela Cento e Lucia Minutella.

 

Continua qui

La riforma del condominio è legge. Da amministratore ad animali ecco le novità

La commissione Giustizia del Senato ha approvato, senza modifiche rispetto a quello passato alla Camera, il testo che diventa definivo. Procedure più snelle e libertà di staccarsi dal riscaldamento centralizzato

 

ROMA - È legge la riforma del condominio. La commissione Giustizia del Senato, infatti, ha approvato in sede deliberante la nuova disciplina. L'approvazione, avvenuta senza modifiche rispetto al testo della Camera, è definitiva. La notizia è stata data, in diretta su Twitter, dal senatore dell'Idv Luigi Li Gotti: "È legge la nuova disciplina sul condominio - ha scritto -.  Sono 31 articoli. Alcune cose potevano cambiarsi, ma il testo sarebbe riandato alla Camera e sarebbe stato a rischio".

Procedure più snelle e valorizzazione della figura dell'amministratore qualificato, ma anche 'liberalizzazione' della presenza dei piccoli animali domestici. Ecco le principali novità del provvedimento che vuole intervenire sugli aspetti più controversi della 'vita in comune' degli italiani, con regole che dovrebbero riportare ordine nei condomini.

Animali. Il regolamento condominiale non potrà "vietare di possedere o detenere animali domestici".

Riscaldamento. Chi si vuole 'staccare' dall'impianto centralizzato può farlo senza dover attendere il benestare dell'assemblea, ma a patto di non creare pregiudizi agli altri e di continuare a pagare la manutenzione straordinaria dell'impianto condominiale.
 

Continua qui

Befera: "Dichiarazioni non coerenti da oltre 4,3 milioni di contribuenti"

I dati comunicati dal direttore dell'Agenzia delle Entrate. Incongruenze sui redditi dichiarati nel 20 per cento dei casi. Irregolarità maggiori per imprese e lavoro autonomo. Presentato il nuovo redditometro, che sarà utilizzabile da gennaio. "Lo adopereremo solo in casi eclatanti e con la massima cautela". Via al Redditest

ROMA - Dichiarazioni dei redditi incoerenti in oltre il 20 per cento dei casi. Lo comunica il direttore delle Entrate Attilio Befera: "da una simulazione sull'intera platea delle famiglie, oltre 4,3 milioni (circa il 20%)" delle dichiarazioni dei redditi "risultano non coerenti", dice. In particolare "tra le diverse categorie di reddito il tasso di irregolarità è maggiore nel reddito di impresa e nel reddito di lavoro autonomo". Di più: quasi un milione di famiglie dichiara redditi pressochè nulli "molti vicini allo zero".  


Continua qui

Monti: «Evitato il disastro»

Dubai - «Siamo riusciti ad evitare un totale disastro», lo ha detto il premier Mario Monti a Dubai spiegando - in un incontro alla Camera di commercio - che negli «ultimi dodici mesi dovevamo spegnere l’incendio della casa che era la priorità: non potevamo accendere un altro focolaio in Europa».
Monti ha anche detto: «L’Ocse ha recentemente stimato che le riforme» avranno un impatto di «4 punti in percentuale sul Pil italiano in 10 anni». «Negli ultimi 12 mesi - ha ricordato - il mio governo ha compiuto una serie di passi»: «Il pacchetto di riforme ha significativamente modernizzato la Pa rafforzato la cornice legale, incrementato la competizione e reso il lavoro e l’economia più flessibile e dinamica».
«L’area euro sta superando la sua crisi», ha ribadito il premier ricordando che «oltre ad essere una moneta, l’euro è un simbolo dell’integrazione europea che i governi europei sono determinati a preservare e rafforzare».

Continua qui

La Regione Sicilia licenzia l’ufficio stampa milionario

Il presidente Crocetta vuol dare il benservito ai 21 caporedattori assunti
 
Laura Anello
Palermo 
 
La squadra dei record. Oggetto di invidie, contestazioni, denunce alla Corte dei Conti. Perché assunti senza concorso in un’amministrazione pubblica. Perché inquadrati con la qualifica di caporedattore dal primo minuto di gioco. Perché molto numerosi: quattro volte di più della squadra in servizio a Palazzo Chigi in epoca Berlusconi.

Continua qui

Il tesoriere di Berlusconi sequestrato per una notte

Spinelli segregato in casa: “I rapitori hanno documenti che inguaiano De Benedetti, vogliono 35 milioni”
Paolo Colonnello
Milano 
Ci mancava solo il sequestro-lampo dell’ufficiale pagatore delle «Olgettine», Giuseppe Spinelli, per chiudere il cerchio intorno ai misteri di Arcore. Una vicenda conclusasi ieri mattina all’alba, quando sei persone sono state arrestate dalla polizia, coordinata dai pm Ilda Boccassini e Gianpaolo Storari, con l’accusa di associazione per delinquere e sequestro di persona a scopo di estorsione. Traditi, e non poteva andare diversamente in questa storia sconclusionata, dalle scarpe del capo, tale Francesco Leone, 51enne barese, considerato nientemeno che «il re dei sequestri-lampo» della Penisola. Un ex pentito e, soprattutto, milanista sfegatato, tanto da aver compiuto il sequestro di Spinelli indossando un paio di scarpe da ginnastica da ultrà della curva: rosse con le stringhe nere. Un particolare che lo ha incastrato.

Continua qui

Sequestro lampo, parla Spinelli. E ora spuntano i nuovi indagati

lunedì 19 novembre 2012

Ruba cibo per 1,5 euro, 11 mesi in carcere

Bottino wurstel e pomodori, ventenne romeno condannato a Bolzano 

BOLZANO - Aveva rubato un wuerstel e due pomodori al supermercato: e' stato condannato a undici mesi di reclusione per rapina un ventenne di origine romena residente a Bolzano. Sabato mattina l'uomo era stato fermato alle casse di un supermercato da un addetto alla sicurezza.

Continua qui

Autista Amsa «gratta» e vince 5 milioni

Un tagliando da 20 euro e cambia vita

La ricevuta della grazia è una fotocopia a colori su carta da fax. È il biglietto vincente. Numero fortunato, il 47: preso! L'autista dell'Amsa è entrato nel bar all'Olgettina, ha comprato un Maxi miliardario , è uscito sulla strada ed ha svoltato. Nuova, agiatissima vita: «Ora non mi devo più preoccupare della pensione...». Gli basterà incassare il premio del «gratta e sosta». Cinque milioni di euro.
L'operatore ecologico più ricco d'Italia è un sessantenne impiegato nella società comunale dei rifiuti, turni massacranti, la strada, il traffico, i depositi e l'inceneritore. Ieri, raccontano i colleghi, il Maxi miliardario dell'Amsa non s'è presentato al lavoro. È probabile che non ci torni più.

Continua qui

Tassista ruba cellulare a una cliente ma viene incastrato da una app

La vittima ha trovato sul pc le foto scattate dal tassista, inviatele attraverso un'applicazione automatica

MILANO - Incastrato da una «app». Un tassista di Milano, che aveva rubato lo smartphone a una cliente, è stato rintracciato dalla polizia grazie a un'applicazione per la condivisione delle foto che ha inviato gli scatti del ladro sul computer della derubata. La singolare storia è iniziata a Milano il 7 settembre, quando Stefano L., di 43 anni, ha caricato sul suo taxi una professoressa di medicina dell'Università di Alessandria d'Egitto.

LA STORIA - La donna, di nazionalità egiziana, era a Milano in compagnia del marito per un convegno. Al momento di scaricare le valigie, però, il tassista ha «dimenticato» a bordo una borsa contenente un Samsung Galaxy S3, che ha spento appena il taxi è ripartito. Inutili i tentativi di recupero della professoressa, costretta a ripartire pochi giorni dopo per l'Egitto senza cellulare.

Continua qui

 

Confesercenti: cresce peso fisco su famiglie

Pressione al 44,7%, balzo 2,2 punti su 2011 (+35 mld)

Nel 2012 la pressione fiscale toccherà, come previsto nel Def, il 44,7% con un balzo di 2,2 punti rispetto al 2011. Così, da un anno all'altro, gli italiani avranno pagato 35 miliardi in più, per effetto delle tre manovre che si sono succedute da metà 2011, con 1.450 euro di aggravio a famiglia. E' quanto calcola la Confesercenti evidenziando che l'Italia è al terzo posto (dopo Danimarca e Svezia) fra i 27 paesi dell'Ue, con un distacco di 5 punti rispetto alla pressione fiscale media. Guardando al lungo periodo, la Confesercenti calcola aumenti netti d'imposta fra il 2001 e il 2012 di oltre 103 miliardi. In media, quasi 9 miliardi in più per ciascuno dei dodici anni trascorsi dall'inizio del terzo millennio.

Continua qui

«Danzava, è morta tra le mie braccia»

San Fruttuoso (Ge), un quartiere in lutto

Martina stava ballando in un piccolo teatro di zona quando è caduta a terra all’improvviso. I soccorsi purtroppo si sono rivelati inutili

Continua qui

sabato 17 novembre 2012

No Tav, mille in marcia

Genova - Un migliaio di persone partecipano in Valpolcevera, nel capoluogo ligure, a una manifestazione di protesta contro la costruzione del Terzo Valico, la nuova linea ferroviaria per collegare Piemonte e Liguria.
I manifestanti, dopo essersi radunati nei pressi della stazione ferroviaria di Bolzaneto, si sono mossi in corteo intorno alle 15 verso la vicina Certosa.

Continua qui

Gaza, distrutto il quartier generale di Hamas

Gaza, distrutto il quartier generale di Hamas

Sono andati avanti per tutta la notte, ancora stamani, i raid israeliani nella Striscia di Gaza: in sei ore sono stati colpiti 85 nuovi siti terroristici, ha riferito l'esercito. Colpita con quattro attacchi anche la sede del governo di Hamas a Gaza, che è andata distrutta, ma dove non ci sono state vittime. "I sionisti credono che il loro attacco ci indebolirà, ma è vero il contrario. Rafforza la nostra determinazione a liberare la Palestina finché non vinceremo", ha replicato su Twitter il premier di Hamas Ismail Haniyeh. Sono almeno 8 invece i palestinesi morti, secondo fonti mediche, in altre azioni israeliane di stamani: quattro sono morte nel quartiere di Zuhur a Rafah, nel sud della Striscia; altre tre - membri delle Brigate Ezzedin el Qassam - sono morte nel campo profughi di Maghazi, mentre un quarto combattente del braccio armato di Hamas è stato ucciso nel quartiere di Tel al Sultan, sempre a Rafah.

 

Continua qui

Lacrimogeni dal ministero di Via Arenula, Severino non sapeva. Com'è possibile? Quattro domande per il ministro (FOTO)

Aggiornamento delle ore 14,35 Al ministero della Giustizia sono in corso esami testimoniali di tutti gli impiegati presenti al quarto piano del dicastero, oltre che del personale in servizio presso gli ingressi del palazzo, per fare luce su quanto accaduto mercoledì scorso, dopo il video in cui si vedono lacrimogeni lanciati durante le manifestazioni degli studenti. Si stanno inoltre esaminando tutti i filmati degli ingressi per vedere se qualcuno e entrato e chi. Con l'avvicinarsi del corteo alla sede del ministero, infatti, tutte le porte erano state chiuse.

Il Guardasigilli, Paola Severino, esprime "inquietudine e preoccupazione" per le immagini diffuse oggi da Repubblica.it nelle quali si vede chiaramente che, durante gli scontri di mercoledì scorso tra forze dell'ordine e studenti, qualcuno ha lanciato lacrimogeni dalle finestre del ministero della Giustizia. Severino annuncia anche un'indagine interna per capire cosa sia veramente successo nel dicastero di via Arenula il 14 novembre scorso. Perché il ministro, pur essendo in sede due giorni fa, fa sapere, tramite il suo staff, che non sapeva che qualcuno, evidentemente forze dell'ordine, stava usando il ministero come 'trincea d'altura' per sedare la guerriglia. Severino inoltre sottolinea che lacrimogeni a strappo, come quelli che sembrerebbero essere stati lanciati dal Ministero, non sono in dotazione al reparto di polizia penitenziaria di via Arenula.


Continua qui

  I fumogeni dal balcone di via Arenula

Napolitano apre all'Election Day "Regionali appropriate il 10 marzo"

Dopo un incontro con il premier Monti e i presidenti delle Camere, una nota del capo dello Stato rende molto probabile il voto contemporaneo in Lombardia, Lazio e Molise. Per il Quirinale, è "ineludibile" l'approvazione della legge di stabilità e della legge di bilancio prima di procedere alle elezioni politiche. E "l'esigenza di regole più soddisfacenti" rendono "altamente auspicabile" la nuova legge elettorale

 

Continua qui

 

Napolitano ai partiti: "Regionali a marzo, ma per ottenere l'election day dovete fare la legge elettorale". Il Pd intenda...

 

Alfano euforico sull'election day: grazie a Napolitano incassa la seconda vittoria su Berlusconi (dopo le primarie)

venerdì 16 novembre 2012

Pensioni, gli italiani vedono nero. Per 741 mila assegno sotto i 500 euro

Domina il pessimismo per il timore di avere troppo pochi soldi, regole che cambiano continuamente,
paura di perdere il lavoro e di non poter più versare i contributi.

Timore per pensioni pubbliche troppo basse, regole che cambiano continuamente, paura di perdere il lavoro e di non poter versare i contributi: si tinge di nero l’orizzonte della vecchiaia degli italiani.
Già oggi la previdenza pubblica è fatta di pensioni basse. Degli 11,6 milioni di pensionati con pensione di vecchiaia, più di 4 milioni (oltre il 35%) beneficia di un assegno pensionistico inferiore a 1.000 euro. Di questi, 741mila (il 6,4%) ricevono meno di 500 euro al mese. E il futuro non sarà più roseo. I lavoratori italiani pensano che quando andranno in pensione riceveranno un assegno pari in media al 55% del proprio reddito attuale. Un quarto dei lavoratori crede che avrà una pensione inferiore al 50% del reddito da lavoro e il 43% che al massimo sarà compresa tra il 50% e il 60% del reddito. È quanto emerge da una ricerca realizzata dal Censis per la Covip.

Continua qui



La figlia di Beppe Grillo “A volte si sbaglia”

Luna ha pubblicamente chiesto scusa sulla sua pagina Facebook dicendo che è «giusto affrontare le responsabilità»
 
Franco Giubilei
Rimini
Due dosi di coca, mezzo grammo per l’esattezza, trovate in possesso della figlia di Beppe Grillo, Luna, le sono valse una segnalazione alla prefettura di Rimini, dove la ragazza vive.

Nessun reato ma illecito amministrativo sì, con la conseguente possibile sospensione della patente e della validità dei documenti per espatriare. 

Continua qui

“Asl e ospedali al collasso In coda fino a otto mesi per operarsi alla tiroide”

Il Tribunale dei diritti del malato: liste chilometriche

Paolo Russo
Roma
Liste d’attesa sempre chilometriche; superticket che mettono in fuga gli assistiti da farmacie, ambulatori specialistici e centri diagnostici; tagli ai posti letto che iniziano a far sentire il loro peso rendendo più complicato ottenere un ricovero. E poi le solite lamentele su errori medici, poca chiarezza nelle informazioni, lungaggini nelle pratiche per ottenere gli assegni di invalidità. Il tutto moltiplicato per due nelle Regioni in piano di rientro dai deficit sanitari, dove i tagli si fanno più con l’accetta che con il bisturi. 

Continua qui

Corteo studenti, lacrimogeni lanciati dal ministero della Giustizia

Mercoledì 14 novembre, via Arenula, Roma. Nel filmato, realizzato con un videofonino da un piano alto da un lettore di Repubblica.it, si vedono i ragazzi in corteo correre lungo la strada, dopo aver forzato il blocco della polizia all'altezza del Lungotevere dei Vallati. All'improvviso, dalle finestre del palazzo del ministero della Giustizia piovono lacrimogeni sulla folla in fuga. A giudicare dalla traiettoria, si tratterebbe di lacrimogeni a strappo: due sembrerebbero partire dal secondo piano sopra le stanze occupate dal ministro Paola Severino, il terzo dal tetto dell'edificio.

Il video 

Lacrimogeni dal ministero della Giustizia. Severino avvia indagine interna, giallo sui gas


Lo speciale: Proteste studenti

giovedì 15 novembre 2012

Francia, trovati i corpi di due sorelline in frigo

Accanto a loro c'era il cadavere insanguinato della madre. Le bimbe avevano 3 mesi e 5 anni

I corpi di due sorelline, una neonata di tre mesi e una bambina di cinque anni, sono stati ritrovati in un frigorifero, accanto al quale c'era anche il cadavere insanguinato della madre. La macabra scoperta, dopo l'allarme dato mercoledì sera dalla nonna, è avvenuta in un appartamento di Vienne, nel dipartimento dell'Isère, nella Francia meridionale. Il padre di una delle due piccole vittime è ricercato dalla polizia.Il corpo di una delle bimbe in un sacchetto dell'immondizia
Il procuratore Matthieu Bourrette ha confermato che la donna e le due figlie sono state uccise e che il corpo di una delle due piccole era nascosto in un sacchetto nell'immondizia. Le autopsie per stabilire la causa esatta del decesso che, per le bimbe non è ancora chiara, verranno eseguite venerdì. Secondo gli inquirenti gli omicidi risalirebbero ad alcuni giorni fa.

La madre morta di morte violenta
La scena del delitto ha rivelato invece maggiori dettagli sulla madre. Le numerose tracce di sangue e le escoriazioni sul corpo mostrano che la donna ha lottato prima di morire di una morte violenta.  

Continua qui

Il mondo in un minuto - 15 novembre 2012

Le dieci foto top della giornata

di Valeria D'Angelo, ricerca fotografica di Marzia Papagna

Ancora sangue nella capitale uomo ucciso in strada, caccia ai killer

E' accaduto in via Val D'Ala nel quartiere Prati Fiscali. Si tratta di un romeno di giovane età freddato a colpi di pistola. Istituiti posti di blocco in tutta la zona

Ancora un omicidio in strada a Roma. La vittima, un giovane romeno che abita in un campo nomadi,  è stato ucciso con diversi colpi di pistola in via Val d'Ala, nel quartiere Prati Fiscali intorno alle 15:30 di oggi. Gli aggressori sono scappati a bordo di un'auto. Le indagini sono affidate ai carabinieri che stanno infatti ascoltando sul posto alcune persone, conoscenti della vittima.

 

Continua qui

mercoledì 14 novembre 2012

Cortei e proteste in tutta Italia scontri tra studenti e polizia

Decine di migliaia in 87 città per scuola e lavoro. Durissime cariche nella capitale, oltre 50 fermati. Atti di vandalismo contro banche. Proteste e scioperi in tutta Europa di CORRADO ZUNINO

 

Nella recente storia dei grandi e violenti cortei italiani c'è sempre stata una giornata di sole intorno. Fu così a Genova nell'estate 2001, così il 14 dicembre 2010, l'insurrezione di piazza del Popolo. Così il 15 ottobre 2011, la devastazione di Roma. C'era il sole anche questa mattina sopra tutta la città di Roma e c'era la piena del Tevere per una  scenografia naturale a servizio di una grande marcia.

 

Continua qui  

Il bambino spagnolo manganellato dai poliziotti

Sciopero generale in Europa, le manifestazioni raccontate dalle immagini su twitter e facebook

Colpiti alle spalle dagli agenti

Studenti in piazza, scontri in tutta Italia 

Agenti e studenti, è guerra sulle immagini Cancellieri: "Allora mostriamo tutte le foto"