martedì 26 agosto 2014

Medico, rapper, spacciatore. La nuova jihad nasce nelle file degli “integrati”

I killer di Foley coprivano i ruoli più “occidentali” della società

Un rapper; o un medico; o uno spacciatore: nei tre possibili assassini britannici di James Foley, nel loro contegno di belva, c’è per noi, europei, occidentali, come un sociologico soffio di ghiaccio. In quei minuscoli fili delle trame che la vita continuamente ordisce, sperde e ricompone intorno a ogni persona umana c’è, forse, la complessità e il pericolo della nascita di una infezione nascosta, il jihadismo europeo, composta cioè da ragazzi che hanno vissuto tra noi e come noi.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento