lunedì 22 settembre 2014

13enne s'impicca, nel tablet la chiave. Spunta l'ombra dell'orco

La tredicenne suicida a Roma potrebbe essere stata vittima delle attenzioni di qualcuno più grande di lei

La soluzione del mistero legato al suicidio di una tredicenne capoverdiana adottata da una famiglia romana potrebbe trovarsi nei file di un tablet o nella memoria di un telefono cellulare posseduti dalla ragazzina e dei quali i genitori ignoravano l’esistenza. Segreti che potrebbero essere all’origine della tragica decisione della 13enne di impiccarsi, la sera di giovedì scorso, nella sua cameretta, a Trastevere, nel centro di Roma, dopo un acceso diverbio con la madre adottiva.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento