venerdì 26 settembre 2014

Cassazione, attenuanti per stupro all'uomo che violentava la moglie "ma solo quando era ubriaco"

Per i giudici della Cassazione è possibile concedere delle attenuanti agli uomini accusati di violenza carnale "completa". Il caso sta già sollevando nubi nerissime di polemiche e riguarda una sentenza che accoglie il ricorso di un veneto 48enne al quale la Corte d'Appello di Venezia non ha voluto ridurre la pena in quanto forzava periodicamente la moglie a rapporti sessuali non voluti.

Nonostante la strenua difesa dell'uomo, che si giustificava dicendo che le violenze avvenivano soltanto quando era ubriaco, i giudici veneziani non avevano fatto sconti e lo avevano condannato per stupro e maltrattamenti in famiglia con la convinzione che una violenza sessuale non è mai un "fatto di minore gravità".

E invece secondo la Cassazione questo è possibile, anche quando si tratta di rapporti completi poiché la "tipologia" dell'atto "è solo uno degli elementi indicativi dei parametri" in base ai quali stabilire la gravità della violenza e non è un elemento "dirimente".

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento