sabato 18 ottobre 2014

Arpal, prima dell’alluvione uffici vuoti e tutti a casa

Genova - Sarà anche colpa di un modello matematico. Ma il primo passo della Procura nell’inchiesta sul disastro del Bisagno va alla ricerca di aspetti decisamente umani. La notte dell’alluvione che nessuno è riuscito a prevedere i previsori dell’Arpal, ovvero le “sentinelle” meteo delle istituzioni, smontarono alle 19. Un’ora prima la comunicazione all’assessore regionale alle Infrastrutture Raffaella Paita: «Tutto sotto controllo, vada pure a casa».

Una valutazione che tranquillizza anche il sindaco Marco Doria, che va a teatro. Poche ore dopo, alle 21.30, i meteorologi vengono tutti richiamati d’urgenza: Genova sta per essere investita da una nuova calamità. Alle 21 è esploso lo Scrivia, alle 23,15 è il Bisagno a rompere gli argini. La domanda che si pone chi indaga sorge spontanea: cosa è accaduto in quel lasso di tempo? E ancora: è normale che l’ufficio dei previsori non fosse presidiato fisicamente da nessuno?

Continua qui 

Nessun commento:

Posta un commento