giovedì 30 ottobre 2014

Birra, crollano le vendite tra luglio e settembre. Pesa l'aumento delle accise

Filiera riunita oggi a Roma per dire no al nuovo incremento previsto per gennaio. Le imprese: "Lo Stato non ci guadagna quel che spera. E le conseguenze sull'occupazione sono devastanti"

ROMA - "Birra, e sai cosa bevi! Meditate gente, meditate", recitava trent'anni fa Renzo Arbore in un celebre spot. E il noto showman è sceso di nuovo in campo a fianco dei produttori, questa volta però per sostenere AssoBirra nella sua campagna (#salvalatuabirra) contro l’aumento delle accise previsto a gennaio, provvedimento che rischia di mettere in ginocchio l'intera filiera. Della questione si è discusso oggi a Roma in un convegno dal titolo "La filiera italiana della birra. Ridurre la pressione fiscale per continuare a creare valore e occupazione", alla presenza di Assobirra, Confagricoltura, Confimprese e Fipe-Confcommercio.

Già la scorsa estate - la stagione 'privilegiata' per il consumo di questa bevanda alcolica - le vendite di birra sono crollate del 26%. Un calo, secondo quanto riportato da uno studio di Ref Ricerche per Assobirra, dovuto al peso delle accise, aumentate in base a una decisione del governo Letta. E che subiranno un ulteriore incremento dal 1° gennaio 2015. Un mercato, quello della birra, che da 10 anni non vede crescere i suoi consumi e che ora, con questi valori in picchiata, subisce un peggioramento della situazione. Il settore vale 3,2 miliardi, garantisce 136mila posti di lavoro e conta oltre 200mila imprese.


Continua qui 

Nessun commento:

Posta un commento