mercoledì 10 dicembre 2014

Frosinone, uccisa la prof scomparsa. Fermato un muratore: ha confessato

Di Gilberta Palleschi non si avevano più notizie da inizio novembre. Ad ucciderla un muratore che ha portato i carabinieri nel luogo del ritrovamento, in località Carpello, nel Comune di Campoli Appennino. Incastrato dalla testimonianza di una donna. "E' stato un raptus, cercavo un donna", avrebbe detto l'uomo agli inquirenti.

SORA -  E' in stato di fermo il muratore di 43 anni che ha confessato di aver ucciso Gilberta Palleschi, 57 anni, la professoressa il cui corpo è stato trovato oggi in Ciociaria, vicino Sora, a 40 giorni dalla sua scomparsa. E' stato lui, come ha rivelato dopo un interrogatorio di due ore dei carabinieri, a indicare il luogo del ritrovamento del cadavere. L'uomo, Antonio Palleschi, ha lo stesso cognome della vittima, ma non la conosceva.

Scomparsa un mese fa.
Dalle prime notizie emerge che Palleschi era stato arrestato nel 2009 per tentata violenza sessuale. Ad incastrarlo l'analisi delle celle telefoniche e la testimonianza di una donna che l'avrebbe visto caricare il corpo senza vita della professoressa su un'automobile. Gli inquirenti erano sulle sue tracce da tempo. Nella tarda mattinata, su sua indicazione, è stato ritrovato il corpo della professoressa di inglese scomparsa più di un mese fa. Si trovava nel frusinate in fondo a un precipizio alto circa 100 metri tra i boschi del Parco Nazionale d'Abruzzo, nel comune di Campoli Appennino.  


Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento