venerdì 5 dicembre 2014

Loris, fascette sequestrate sarebbero compatibili con quelle del delitto

I lacci consegnati da Veronica Panarello a una delle insegnanti del figlio. Secondo gli inquirenti potrebbero essere l'arma del delitto

Indagini e incongruenze. Loris sarebbe stato strangolato con una fascetta in plastica, uno di quel lacci plastificati che una volta stretti non si possono più riaprire se non tagliandoli. Questa una delle ultime ipotesi dall'autopsia. E proprio su questo punto emerge un dettaglio inquietante.

LE INCONGRUENZE DELLA MADRE DI LORIS: FOTO

VERONICA, LA MAMMA DI LORIS: FOTO

IL GIALLO DELLE FASCETTE - Un mazzo di fascette era stato consegnato da Veronica alla maestra di Loris che era andata a farle le condoglianze. "Ve le restituisco, sono quelle che servivano per le lezioni di scienze" ha detto Veronica all’insegnante, secondo quanto riporta il Corriere della Sera. Ma a scuola i bambini non hanno mai lavorato con quelle strisce di plastica, né per le ore di scienze né per ricerche o compiti di altro genere. E la maestra, per quanto trovasse strano l’episodio, ha fatto finta di nulla, le ha prese e subito dopo le ha consegnate alla polizia. Secondo le ultime notizie le fascette sequestrate sarebbero compatibili con quelle del delitto.

Continua qui

Ragusa, l’auto della madre non ha mai raggiunto la scuola 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento