venerdì 19 dicembre 2014

Paura e scosse di terremoto a Firenze, scuole evacuate, gente in strada

Magnitudo 4,1. Chiuse numerose scuole nel Chianti, epicentro del sisma. Non si segnalano al momento danni. Ma lo sciame sismico è cominciato nella notte: 30 scosse dalla notte. Palazzo Vecchio riunisce l'unità di crisi e "consiglia" il personale di lasciare le sedi

Una scossa dopo l'altra, fino a contarne trenta dalla notte a mezzogiorno. Così Firenze scopre all'improvviso la paura del terremoto. Gente in strada, edifici pubblici e scuole evacuate, centralini presi d'assalto. A Palazzo Vecchio il sindaco Dario Nardella riunisce alle 13 l'unità di crisi e dispone per sicurezza la chiusura dei musei civici. Nel Chianti prima e poi anche a Firenze, Fiesole e Prato molte scuole vengono chiuse e gli studenti mandati a casa per lo sciame sismico che continua. "I bambini sono nei cortili delle scuole come da procedura. Si valuta il rientro caso per caso", scrive su Twitter la vicesindaca di Firenze Cristina Giachi. Molti genitori vengono chiamati dalle scuole per andare a riprendere i bambini a scuola. Per il personale di Palazzo Vecchio arriva l'invito a lasciare le sedi in via precauzionale, visto che non c'è la possibilità di controllare la staticità immediatamente e ovunque: "Nessun ordine ma consiglio", spiegano dal Comune mentre le scosse si susseguono. Quella che mette più paura arriva a 4,1 di magnitudo, alle 11.36 della mattina. Prima c'era stata un'altra scossa di 3,9 alle ore 10.39 e ancora a breve distanza un'altra di magnitudo 3. Alle 13.0'9 un'altra botta: stavolta di magnitudo 3,2.

Continua qui
 

Nessun commento:

Posta un commento