sabato 6 dicembre 2014

Tutti i soldi ai politici del faccendiere e quelle 174 gare vinte in dieci anni

Solo nel 2013, l’anno delle comunali, 120mila euro. Il Ros dei carabinieri ricostruisce i contributi versati ufficialmente a fondazioni e comitati elettorali dalle coop di Buzzi Destinatari bipartisan, da Alemano a Marino E molti consiglieri coinvolti nell’inchiesta

ROMA. L'uomo che oggi è accusato di mafia ha ottenuto da Roma, negli ultimi dieci anni, 174 appalti. Nelle casse della rete di cooperative riconducibili a Salvatore Buzzi, il braccio imprenditoriale di Carminati, sono finiti qualcosa come 34 milioni di euro direttamente dalle casse del Campidoglio. Senza considerare, dunque, quelli sotto inchiesta della municipalizzata Ama.

Un tesoretto che poi il "compagno B." non ha spartito solo con Carminati, il capo di Mafia Capitale. Perché tutta questa fortuna, in un modo o nell'altro, ha avuto un prezzo. Nella lunga informativa dei carabinieri del Ros, allegata agli atti dell'inchiesta dei pm Cascini, Ielo e Tescaroli, vengono ricostruiti i denari che Buzzi ha consegnato alla politica. Tutti.  


Continua qui

Cinquanta milioni di appalti nelle mani dei soliti noti, ecco l’oro della monnezza

De Rossi, telefonate a De Carlo in piena notte. In un'intercettazione di Buzzi citato Veltroni

Si fanno più soldi con gli immigrati che con il traffico di droga

Nessun commento:

Posta un commento