giovedì 15 gennaio 2015

A tre mesi dalla bomba d’acqua che investì la provincia di Alessandria, ancora interrotte 15 strade

A Gavi si lavora al contenimento delle due frane maggiori che minacciano il paese

Le frane sul monte Moro ed il Forte che sovrasta l’abitato

ALESSANDRIA A tre mesi esatti dal 13 ottobre, quando una «bomba d’acqua» investì Novese, Ovadese e Tortonese, in tutta la provincia sono ancora una quindicina le strade provinciali chiuse. Le ferite della triplice alluvione che ha colpito il territorio in un mese tra ottobre e novembre in molti casi sono ancora aperte. La Provincia e i Comuni finora hanno utilizzato loro risorse per gli interventi di somma urgenza assegnati con ordinanza per fermare le frane che incombevano sui centri abitati e riaprire, dove possibile, le strade più importanti, ma attendono ancora i soldi da Regione e governo per gli altri interventi.


Le strade interrotte
Risultano ancora vietate al traffico le provinciali 18 e 38, a Rosignano Monferrato e Castelletto Merli; la 70 e la 72 a Lu e Vignale Monferrato; la 104 a Volpedo e la 139 a Sant’Agata Fossili; la 123 e la 137 a Garbagna e la 135 a Borghetto Borbera; la 158 della Lomellina tra Gavi e Novi Ligure; la 160 della Bocchetta a Voltaggio; la 227 a Melazzo e la 220 a Montechiaro d’Acqui; infine, la 176 a Castelletto d’Orba e la 199 a Rocca Grimalda. Rispetto a quest’ultima, dalla Provincia spiegano: «Ripristinare in toto la strada, con le palificazioni, costerebbe 300 mila euro. Stiamo lavorando per riaprire una sola corsia».
Il sindaco di Rocca Grimalda, Giancarlo Subbrero, aggiunge: «Abbiamo contatti con i proprietari dei terreni, speriamo di chiudere l’emergenza quanto prima. Come Comune, abbiamo segnalato tutte le criticità, specie per la strada delle Fontane, all’imbocco del paese». Sulla 227 del Rocchino, i tecnici provinciali fanno sapere: «Sono in corso i rilievi per valutare con precisione l’entità dello smottamento e la migliore soluzione. Servirà ancora del tempo». Dal canto suo, il sindaco di Borghetto Borbera, Enrico Bussalino, sottolinea che «sono in vigore ancora 16-18 ordinanze di sgombero nelle frazioni di Sorli e San Martino» .
Sono state riaperte intorno a Natale la 160 tra Gavi e Francavilla Bisio e l’ex statale 456 del Turchino a Ovada. Risolto definitivamente a Lerma l’isolamento della frazione Cirimilla con la posa del ponte Bailey. A Ovada, invece, resta chiusa la circonvallazione (comunale) di frazione La Guardia. 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento