martedì 20 gennaio 2015

Influenza, impennata di casi: 60 gravi, 2 morti. Il picco atteso a febbraio

Qualche timore per la nuova variante proveniente dagli Usa, nessun pericolo dalla suina

Impennata di casi di influenza
L'epidemia stagionale di influenza s
i sta intensificando e negli ultimi giorni si registra un'impennata di casi. La fase acuta sta cominciando, sottolinea Stefania Salmaso, direttore del Centro nazionale di epidemiologia dell'Istituto Superiore di Sanità: "Nelle ultime settimane - ha spiegato- sono stati segnalati una sessantina di casi più gravi, e in una cinquantina di questi è stato necessario ricorrere alla ventilazione assistita".

Il ceppo del virus
Ci sono state due segnalazioni di decessi per complicanze (ad Aosta e nel caso di un bambino a Lecce), ma il picco è atteso a metà febbraio. La maggioranza dei casi, ha spiegato l'esperta, "è dovuta al virus della cosiddetta influenza suina, A-H1N1, ma questo dato non preoccupa particolarmente". Infatti "ci si attendeva l'arrivo di un ceppo virale nuovo ed eventualmente più virulento, ma al momento il ceppo che continua a circolare maggiormente è appunto l'H1N1, già noto e già ricompreso nella composizione del vaccino".

In arrivo nuovo virus dagli Usa
E' in arrivo il nuovo virus A-H3N2, non coperto dal vaccino, ma al momento si sta diffondendo solo in Usa e nord Europa, ma non in Italia. Certo il ceppo potrebbe arrivare anche nel nostro paese, "ma non è detto che a ciò corrisponderà poi un reale pericolo". 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento