venerdì 16 gennaio 2015

La ghostwriter di Renzi se ne va e racconta: "Mai stata pagata"

La giovane Andrea Marcolongo ha lasciato il premier con una email: dal 2013 ha ricevuto una sola mensilità 

Andrea Marcolongo, la giovane ghostwriter di Renzi fin dal 2013, quella che gli ha scritto - tra l'altro - il discorso d'apertura del Semestre di presidenza italiana in Ue con la citazione della generazione Telemaco, ha lasciato il suo incarico, delusa e non pagata, con una email scritta al premier.

Nata a Milano nel 1987, grecista e allieva della Scuola Holden di Alessandro Baricco, dopo avergli regalato titoli di libri, citazioni, immagini, metafore da usare nei suoi discorsi, Andrea ha mollato il colpo, come riporta Panorama: "Non sono mai stata pagata, a parte una mensilità", ha detto la donna, anche se precisa che non è per i soldi che se n'è andata. "Eravamo tutti così. Viaggi a Roma e lavori mai pagati, so di persone che si sono indebitate e sono andate dallo psicologo perché distrutti dalle promesse".

Le promesse, racconta Marcolongo a Panorama, erano: "La prossima settimana si risolve tutto, dai che è fatta, manca solo un foglio". Ma quei soldi non sono mai arrivati. Di certo c'è il grande impegno che le veniva chiesto e che lei metteva in quel che faceva. Alla fine però ha lasciato tutto. "Mi era impossibile continuare. Non è facile per una donna, e non aggiungo altro, ma sono fiera di quello che ho fatto, perché il ghostwriter è una professione riconosciuta e molto stimata in tutto il mondo".

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento