sabato 14 febbraio 2015

Caso Pantani. "Letali coca e antidepressivi"

Pantani moriva 11 anni fa : per la superperizia, sarebbe stato ucciso da un mix di droga e farmaci. Campiglio 1999: l'ipotesi dell'alterazione del controllo troverebbe riscontri

Il monumento dedicato a Marco Pantani a Cesenatico. Bettini

Rimini e Forlì. La morte fisica e la morte morale: le due inchieste aperte a distanza di un mese (luglio e agosto 2014) si basano su fatti molto lontani (14 febbraio 2004 e 5 giugno 1999), ma in realtà uniti dallo stesso filo piombato che ha prima spezzato le ali all'idolo Pantani e poi ha cancellato dalla faccia della terra l'uomo Marco, a soli 34 anni. Rimini e Forlì (per la vicenda Campiglio): due Procure, due indagini diverse. Anche nelle possibili conclusioni.

La morte fisica 

Lo scorso dicembre il procuratore capo Paolo Giovagnoli disse ai giornalisti: "Al momento non ci sono elementi concreti che possono far pensare a un omicidio". La dichiarazione arrivò subito dopo la prima relazione presentata dal professor Tagliaro, nominato dal pm proprio per dirimere la questione tra la perizia del 2004 (professor Fortuni, autore dell'autopsia) e l'ipotesi prospettata nell'esposto (dal professor Avato, droga fatta bere a forza per mascherare l'omicidio) depositato dall'avvocato De Rensis per conto della famiglia Pantani. L'interpretazione fu: Tagliaro dà ragione a Fortuni. Le cose starebbero all'opposto: nella perizia, che dovrebbe essere consegnata entro febbraio, si sosterrebbe una tesi molto diversa. Questa: Pantani è stato ucciso dagli antidepressivi, presi all'epoca sotto la prescrizione di un dottore che conosceva bene le abitudini del paziente. Letale sarebbe stata l'interazione con la cocaina per un componente presente nelle medicine: diventa veleno in presenza di una contemporanea assunzione massiccia di droga. Tagliaro farebbe notare come questo aspetto sia stato incredibilmente sottovalutato nel 2004, nonostante fosse evidente dagli esami tossicologici questa correlazione tra morte e antidepressivi.

Continua qui



Nessun commento:

Posta un commento