martedì 24 febbraio 2015

Fb chiude la pagina sui fascisti, che ne aprono subito un'altra

ROMA - Bloccata in modo definitivo. Perché i suoi contenuti sono "violenti e incitano all'odio". Facebook Italia ha oscurato in modo permanente la pagina "I Giovani Fascisti Italiani". Una decisione che arriva dopo l'inchiesta di Repubblica.it sul rapporto tra neo-fascismo e rete e dopo le denunce dell'onorevole del Partito Democratico Laura Garavini, che era stata vittima anche di alcune minacce da parte dei membri della community. Parole pesanti che avevano spinto l'onorevole a annunciare una denuncia all'ispettorato di polizia della Camera dei Deputati.

Quell'ambiente virtuali nel quali viene declinata l'ideologia fascista è quindi messa al bando dal social network più diffuso al mondo. Una decisione che, però, non ha impedito ai gestori della pagina rimossa di farla risorgere: una nuova versione è online e in poche ore ha raccolto circa tremila adesioni. Numeri alti ma molto lontani dalla consistenza della precedente, arrivata a quota 135mila.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento