giovedì 5 febbraio 2015

L'Onu denuncia: "Bimbi iracheni crocifissi e sepolti vivi dall'Isis"

"Minori rapiti e venduti come schiavi sessuali. Altri, anche con problemi mentali, usati come kamikaze o scudi umani", si legge nel rapporto del Comitato delle Nazioni Unite sui Diritti dell'Infanzia

Bambini iracheni rapiti dai militanti dell'Isis vengono poi rivenduti come schiavi del sesso. E' la denuncia contenuta in un rapporto del Comitato delle Nazioni Unite sui Diritti dell'Infanzia. Non solo, le barbarie dei terroristi non si fermano qui. I minori vengono anche brutalmente uccisi tramite crocifissione o sepolti vivi.

Minori addestrati a combattere e usati come scudi umani - Ragazzi iracheni di età inferiore ai 18 anni vengono addestrati a combattere e sono sempre più utilizzati dagli jihadisti come kamikaze o scudi umani per proteggere le strutture dei terroristi contro gli attacchi aerei americani. Ci sarebbero video che documentano persino l'uso come kamikaze di bambini con problemi mentali.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento