lunedì 2 febbraio 2015

Se l’assalto ai bancomat diventa un’azione di guerra

Da Nord a Sud crescono i colpi utilizzando bombole violentissime. L’azione è rapida ed efficace ma l’esplosione può far crollare gli edifici

Torino
Ieri ad Arcola, provincia di Spezia. Sabato a Bogliasco, nel Genovese, e a Peschiera Borromeo, vicino a Milano. Tre casi in 48 ore. Gli ultimi di una lunga serie. In meno di tre mesi sono stati fatti esplodere con bombole di gas altri bancomat a La Spezia, Treviso, Verona, Silanus in Sardegna, Rovigo, Peschiera, Capannoli, Fano, poi Basilicata, Villa Literno, Lugo di Romagna, Carpi, Bari, Padova, Varese, Bologna, Lucca. Difficile tenere il conto esatto. Alcuni colpi sono falliti, in altri il bottino è stato elevato, anche superiore ai 100 mila euro.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento