mercoledì 18 febbraio 2015

Suicidio in carcere, atroci commenti di alcuni agenti su Fb: "Uno di meno"

Sulla pagina di un sindacato di polizia penitenziaria. Il Dap avvia un'inchiesta interna

MILANO - Un uomo si suicida nel carcere di Opera. E gli agenti di Polizia penitenziaria si esibiscono in un diluvio di commenti di questo genere: "Meno uno". "Un rumeno in meno", "mi chiedo cosa aspettino gli altri a seguirne l'esempio". L'ultima vergogna italiana è qui, in un gruppo Facebook di un sindacato di agenti, dove nelle ultime ore si è scatenata una caccia all'uomo che rischia di avere gravi conseguenze. La cosa nasce due giorni fa quando qualcuno pubblica la storia di un detenuto rumeno di  39 anni, Ioan Gabriel Barbuta, suicida nel carcere di Opera dopo essere stato condannato all'ergastolo nel giugno del 2013 per l'omicidio di un vicino di casa. Una storiaccia emblematica anche perché documenta per l'ennesima volta la barbarie delle condizioni delle carceri in Italia, sia per i detenuti sia per chi ci lavora. "Noi poliziotti penitenziari - diceva non a caso nell'articolo un sindacalista del Sappe - siamo attenti alle difficoltà di tutti i detenuti, indipendentemente dalle condizioni sociali o dalla gravità del reato commesso". Il problema è però evidentemente come si declinano questa "attenzione e sensibilità".

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento