lunedì 23 marzo 2015

La Lega: “Quelli che sono morti a Tunisi ci criticavano, chiamandoci razzisti”

Frase choc di Gianna Gancia, capogruppo Lega Nord in Regione, durante la conferenza stampa di presentazione della manifestazione di sabato. Poi corregge il tiro: “Parlavo di Fassino e Chiamparino”

Torino
«Quelli che sono morti a Tunisi ci criticavano, dicevano che eravamo razzisti: mi rendo conto che si tratta di un’affermazione forte». Così Gianna Gancia, capogruppo Lega Nord in Regione, durante la presentazione della manifestazione organizzata dalla Lega sabato, ore 16, in piazza Solferino: presenti Matteo Salvini e Roberto Cota.
È la stessa Gancia che subito dopo si è corretta di fronte ai giornalisti - «Pardon, mi sono espressa male: Chiamparino e Fassino dicevano che eravamo razzisti, basta retorica» - rivendicando le battaglie anti-Islam portate avanti dalla Lega in tempi non sospetti: compresa la famosa maglietta indossata anni fa da Calderoli, oggetto di un caso nazionale e internazionale.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento