domenica 22 marzo 2015

“Malato”, faceva l’istruttore di sub: vigile licenziato a Mondovì

Savona - Ispettore di polizia di Mondovì si assenta dal lavoro “per malattia” e viene pizzicato a fare l’istruttore subacqueo in un centro immersioni di Alassio: a scoprirlo sono stati i finanzieri della compagnia di Albenga, che nell’ambito di un’attività di contrasto al lavoro nero si sono concentrati su una società alassina operante nel settore del diving, imbattendosi appunto in questo “indisciplinato” dipendente pubblico.

I finanzieri, a seguito di appostamenti ad hoc, hanno individuato, tra i vari istruttori, un funzionario della polizia Locale che è risultato beneficiare, proprio in quei giorni, di un periodo di assenza dal lavoro per una presunta lombalgia grave che lo “affliggeva”, a più riprese, dall’inizio del 2014, per una durata complessiva di oltre 40 giorni. In realtà l’uomo (A.M., le iniziali), invece di essere a casa bloccato da dolori lancinanti, era piuttosto in forma e si trovava in Riviera a svolgere una vera e propria «seconda attività lavorativa» di istruttore subacqueo e conduttore di natanti adibiti alle escursioni in mare.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento