mercoledì 1 aprile 2015

Manca un mese all’avvio dell’Expo, in ritardo tre cantieri su quattro

Il commissario Sala: “Sono fiducioso”. Ma nessuno sa che cosa sarà pronto il 30 aprile Pronti percorsi guidati per nascondere ai turisti le parti non finite. Ma sarà sufficiente?


Manca un mese. E l’orologio di Expo 2015 corre veloce. Pure troppo stando al cruscotto dei lavori sul sito grande come 170 campi da calcio. Dei 34 lotti di competenza italiana - non vanno contati i 53 padiglioni esteri selfbuilding - il 74% è ancora in lavorazione, il 9% in fase di collaudo, altrettanti sono già finiti, il 6% sono sottoposti a verifica amministrativa e l’1% sono sospesi. Nel cantiere che non dorme mai dove quasi 6 mila operai fanno turni di 24 ore e dove si lavora contemporaneamente per completare gli edifici e finire gli allestimenti interni, più di uno dorme sonni poco tranquilli. Il commissario unico Giuseppe Sala spande ottimismo a piene mani: «Sono fiducioso su quello che saremo in grado di completare e che il visitatore vedrà all’apertura di Expo 2015 il primo maggio». 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento