sabato 16 maggio 2015

Boston: attentatore della maratona condannato a morte

Dzokhar Tsarnaev in aula al momento della lettura della sentenza

Una iniezione letale: così sarà giustiziato Dzhokhar Tsarnaev, il giovane attentatore della maratona di Boston che quel tragico 15 aprile del 2013 aveva solo 19 anni. E si rese complice del peggior attacco terroristico in terra americana dall'11 settembre 2001. Il folle gesto fu portato a termine col fratello maggiore Tamerlan Tsarnaev, poi morto in uno scontro a fuoco con la polizia. Costò la vita a tre persone, dilaniate dalle schegge di due 'pentole bomba' imbottite di chiodi, due ordigni artigianali costruiti in casa. Tra le vittime Martin Richard, un bimbo di 8 anni che assisteva alla gara nei pressi del traguardo, appoggiato alla transenna a pochissimi passi dallo zainetto che conteneva uno dei micidiali ordigni. I genitori di Martin avevano chiesto di salvare la vita del carnefice del loro amato figlio. Ma l'appello, come i tantissimi appelli alla vita delle ultime settimane, non ha sortito alcun effetto. 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento