lunedì 4 maggio 2015

Expo, gli operai del Nepal rimpatriano. Gli altri finiscono (gratis) lo stand

Il padiglione del Nepal all’Expo è uno dei primi, sulla destra, entrando dal Decumano, la strada principale del villaggio che ha aperto i battenti il 1° maggio. Per terminare i lavori c’è voluta una corsa contro il tempo. Ma stavolta non c’entrano ritardi particolari o polemiche.

Gli operai al lavoro sono dovuti rientrare in fretta e furia in patria dopo il devastante terremoto che ha sbriciolato Kathmandu, la capitale, provocando decine di migliaia di morti e distruggendo alcuni dei più belli monumenti patrimonio Unesco come la
Torre Dharahara o lo splendido tempio buddista di Maju Deval, costruito nel 1690. Alcuni perché colpiti direttamente da un lutto, altri per aiutare i sopravvissuti. Il padiglione nepalese è rimasto pressoché deserto ma a terminare i lavori ci hanno pensato altri operai che avevano già completato i padiglioni dei loro Paesi insieme a qualche dipendente di Expo che ha voluto dare una mano. Lo hanno fatto gratis, ovviamente, e nel tempo libero, organizzandosi a turno. Una storia piccola di solidarietà nel contesto grandi numeri dell’Expo.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento