martedì 5 maggio 2015

"Presidi, precari, private: ecco le ragioni dello sciopero"

I segretari delle organizzazioni scolastiche di Cgil, Cisl e Uil - che hanno promosso il blocco insieme a Snals, Gilda e Cobas - sintetizzano il motivi del loro "no" alla riforma del governo

Dai docenti, al personale Ata (di tutti i sindacati) e anche a parte dei dirigenti scolastici. Domani, Flc Cgil, Cisl e Uil scuola, Snals, Gilda e Cobas, dopo sette anni, scenderanno in piazza uniti contro la riforma della "Buona scuola" proposta dal governo. Il premier, come prima risposta, ha fatto notare che è difficile comprendere uno sciopero contro un piano da 100mila assunzioni in un colpo solo, a settembre. Ma la riforma Renzi-Giannini non si riduce soltanto al piano di assunzioni. E' tanto altro. Lo spiega Domenico Pantaleo, segretario della Flc Cgil: la riforma disegnata dall'esecutivo "è inaccettabile e incostituzionale in molte parti: nega il diritto allo studio e allarga le disuguaglianze sociali e territoriali". Inoltre "finanzia ulteriormente le scuole private".

Il governo ha infatti previsto per tutte le scuole, statali e paritarie, nuove forme di finanziamento  -  il 5 per mille dalle dichiarazioni dei redditi a favore delle scuole frequentate dai figli; elargizioni in denaro da parte di privati cittadini e, solo per le paritarie, la detrazione fiscale fino a 400 euro all'anno per le spese sostenute per le rette. Misure che - contestano i sindacati - rischiano di accentuare i divari tra gli istituti frequentati dai figli dei professionisti e quelli delle aree a rischio. "Scioperiamo  -  spiega Francesco Scrima, della Cisl scuola  -  per ottenere una sostanziale riscrittura del disegno di legge su La Buona Scuola che, se approvato come proposto dal governo, ci porterebbe verso una scuola terra di conflittualità interna ed esterna".

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento