mercoledì 6 maggio 2015

Renzi apre sui premi ai docenti: un Comitato affiancherà i presidi

Un emendamento ridurrà i poteri dei dirigenti, ma non sulla scelta dei prof


Roma
Che il governo fosse disposto a concedere qualcosa lo si era capito già lunedì sera, quando, ospite di «Otto e mezzo», la ministra delle Riforme Maria Elena Boschi ha chiarito che no, sulla riforma della scuola «non c’è un prendere o lasciare: se ci sono modifiche da fare, le faremo». Ieri, mentre in varie città d’Italia sfilavano cortei di protesta, il premier Renzi ha ricordato ai manifestanti che «siamo il primo governo che mette tre miliardi sulla scuola», ma contemporaneamente ha mandato un messaggio di apertura: la protesta è da ascoltare, «è giusto affrontarla ed entrare nel merito». E ha dato qualche generica informazione sugli ambiti da ridiscutere: «Sulle assunzioni di determinate categorie piuttosto che di altre e sull’organizzazione del sistema scolastico».

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento