giovedì 16 luglio 2015

«La Borsellino va fatta fuori come suo padre», bufera sulla frase che Crocetta «non ha sentito»

Palermo - Lucia Borsellino, «va fermata, fatta fuori. Come suo padre»: questa frase detta al telefono dal chirurgo Matteo Tutino, primario dell’ospedale palermitano di Villa Sofia poi arrestato per truffa al sistema sanitario, mentre parla al telefono con il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, che non reagisce, non s’indigna e non replica, scatena una bufera politica in Sicilia.

L’intercettazione di Tutino, anticipata dal settimanale «L’Espresso» documenta il silenzio del governatore davanti alle parole contro la figlia del giudice Paolo, ucciso nella strage di via D’Amelio e nominata da Crocetta assessore alla Salute, come simbolo di legalità nella sua giunta. Lucia Borsellino, che si è dimessa pochi giorni dopo l’arresto di Tutino, peraltro medico personale di Crocetta, ha commentato gelida: «Provo vergogna per loro».

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento