martedì 28 luglio 2015

Omicidio Sarah Scazzi: confermato in appello l'ergastolo a Cosima e Sabrina

La sentenza è stata emessa dopo tre giorni di camera di consiglio. Confermati 8 anni a Michele Misseri per soppressione di cadavere

La Corte di Assise di appello di Taranto ha confermato la condanna all'ergastolo nei confronti di Cosima Serrano e sua figlia Sabrina Misseri per l'omicidio di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana (Taranto) strangolata e gettata in un pozzo il 26 agosto 2010. La sentenza è stata emessa dopo tre giorni di camera di consiglio.

La Corte d'assise d'appello di Taranto ha confermato la condanna a otto anni di reclusione per Michele Misseri, marito di Cosima Serrano e padre di Sabrina, per concorso in soppressione di cadavere. Durante l'inchiesta Michele Misseri si era in un primo momento autoaccusato del delitto.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento