lunedì 6 luglio 2015

Referendum Grecia: netta vittoria del no, 61,3%. Tsipras esulta. Ue in stato d'allerta. Governo: 'Non emetteremo moneta parallela'

Syryza festeggia in piazza l'esito del voto. Vertice Varoufakis-Banca di Grecia

La Grecia dice 'no', e "rifiuta i ricatti" ma il governo assicura che non emetterà moneta parallela. Ai referendum in Grecia il No trionfa col 61,3%. E i mercati tremano.
"Abbiamo dimostrato che la democrazia non può essere ricattata": lo ha detto Alexis Tsipras parlando in tv, in un messaggio alla nazione. "Il No - ha sottolineato - non è una rottura con l'Unione Europea. I greci hanno fatto una scelta coraggiosa, che cambierà il dibattito in Europa". Per il primo ministro "la Grecia da domani vuole sedersi di nuovo al tavolo delle trattative: vogliamo continuarle con un programma reale di riforme ma con giustizia sociale" e dobbiamo "riarticolare" la questione del debito, non solo per la Grecia ma anche per l'Europa. Domani - ha proseguito - la Grecia andrà al tavolo negoziale con l'obiettivo di riportare alla normalità il sistema delle banche".

Continua qui

Tsipras, ora accordo, trattare su debito

 

 

Nessun commento:

Posta un commento