martedì 29 settembre 2015

Cooperante italiano ucciso in Bangladesh. Spunta la presunta rivendicazione dell’Isis

Cesare Tavella, 50 anni, è stato colpito a Dacca da numerosi colpi di arma da fuoco sparati da alcuni uomini in moto. Presunto messaggio jihadista: «Spregevole crociato»

Un agguato in piena regola, nel cuore diplomatico di Dacca, su cui si allunga l’ombra dello Stato islamico. Un cooperante italiano, identificato dalla polizia del Bangladesh come Cesare Tavella, di circa 50 anni, è stato ucciso per strada nel quartiere di Gulshan da almeno tre uomini armati che lo hanno raggiunto in moto e «crivellato di colpi».

LA RIVENDICAZIONE
Dopo poche ore l’Isis ha rivendicato l’uccisione dell’uomo, secondo quanto riferito dalla direttrice del Site, Rita Katz, su Twitter. «In un’operazione speciale dei soldati del Califfato in Bangladesh, una pattuglia di sicurezza ha preso di mira lo spregevole crociato Cesare Tavella dopo averlo seguito in una strada di Dacca, dove gli è stato sparato a morte con armi silenziate, sia lode a Dio», si legge nel presunto messaggio dei jihadisti. E ancora: «Ai membri della coalizione crociata diciamo: Non sarete sicuri nelle terre dei musulmani. È solo la prima goccia di pioggia». La autorità italiane stanno verificando la rivendicazione.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento