venerdì 11 settembre 2015

Prelievi non giustificati: ecco chi rischia




Se all'inizio dell'estate sembrava inevitabile l'approdo ad una pur contestatissima 'tassa sui prelievi Bancomat', il Consiglio dei ministri dello scorso 4 aprile dedicato al Fisco ha sostanzialmente cambiato le carte in tavola: lavoratori autonomi e titolari di reddito di impresa potrannono sempre essere sottoposti ad indagini finanziarie, e saranno valutati come maggiori compensi o ricavi i prelevamenti di cui non viene indicato il beneficiario, così come i prelevamenti non contabilizzati (In assenza di giustificazione, si ritiene che la somma prelevata sia stata utilizzata per acquisti in nero, che hanno consentito di produrre beni o servizi venduti a loro volta in nero). La versione dello schema di decreto di riforma delle sanzioni amministrative tributarie - ora in attesa di un secondo parere delle commissioni parlamentari - conferma la presunzione legale che attribuisce ai prelevamenti non giustificati dei titolari di reddito di impresa il valore di ricavi non dichiarati. Viene invece cancellata la sanzione dal 10% al 50% dell'importo del prelevamento prevista in caso di omessa o inesatta indicazione del beneficiario dei prelevamenti non transitati nelle scritture contabili, che era invece prevista nella prima versione del decreto attuativo della delega fiscale.

Continua qui 

Via alle banche salvate dai correntisti

 

 

Nessun commento:

Posta un commento