venerdì 11 settembre 2015

Varese, anche un bambino di otto anni a lavoro nelle fabbriche della moda

Il rappresentante legale dell'impresa che prende subappalti per il confezionamento di capi destinati alle grandi griffe stato denunciato con l'accusa di sfruttamento del lavoro minorile


A otto anni costretto in fabbrica a lavorare per confezionare capi firmati. Lui, come due ragazze di 14 e 17 anni. Sono stati scoperti tra i lavoratori in nero trovati dalla guardia di finanza di Varese durante una serie di controlli in aziende e negozi nei mesi estivi. In particolare il bambino, figlio di due dipendenti cinesi nell'azienda, veniva impiegato in un laboratorio nel Varesotto per assemblare parti di pelletteria di "di note griffe del lusso", spiegano i finanzieri. Cinesi anche le due minorenni. La società di capitali terzista dove lavorava prende subappalti per il confezionamento di capi destinati alle grandi griffe.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento