venerdì 30 ottobre 2015

Bimbo perseguitato dal fisco: per Equitalia comprò un cellulare a 2 anni senza pagare le imposte

Ora ha 10 anni, frequenta la quinta elementare ma da quando andava all’asilo è perseguitato da Equitalia. Non sa ancora cosa sono le tasse, non capisce perché a casa sua una mattina, mentre giocava con mamma Amalia, è entrato un ufficiale giudiziario che ha chiesto di vederlo. Ha soltanto capito che da 8 anni qualcuno crede che lui abbia acquistato un telefonino: «Ogni tanto mi chiede: “Mamma, ma davvero io ho comprato un cellulare?”» dice Amalia Iudicone, 41 anni, sventolando le cartelle di Equitalia e dell’Agenzia delle Entrate.

Quei fogli ormai consumati non li ha mai potuti archiviare, li deve tenere sempre a portata di mano sulla credenza del suo appartamento al piano terra di una palazzina alla periferia di Alessandria perché da 8 anni ancora non ha messo la parola «fine» a questa vicenda assurda.

Sembrava un disguido facilmente risolvibile...

Continua qui 

Nessun commento:

Posta un commento