mercoledì 28 ottobre 2015

Carne, nelle macellerie è subito psicosi: "Consumi giù del 20%. Stavolta sarà dura"

Parlano i commercianti: "Mucca pazza e l'aviaria furono devastanti, ma passata l'emergenza la gente tornò alle vecchie abitudini. Oggi è diverso: il pericolo è stato segnalato da una fonte autorevole, il mercato potrebbe risentirne a lungo"

MILANO - Manzi, agnelli e maiali hanno poco da stare allegri. La sindrome della fettina-assassina ha messo ko la carne rossa sugli scaffali tricolori dove "le vendite - come racconta preoccupato Gian Paolo Angelotti, presidente di Assomacellai  -  sono crollate del 20%" dopo l'allarme Oms sul rischio-cancro. Il sospiro di sollievo per i diretti interessati a quattro zampe rischia però (almeno così si augurano le aziende di settore) di durare poco. Gli italiani a tavola sono abitudinari. Cancellare prosciutto e cotolette dai menu delle famiglie non sarà facile. E la débacle delle ultime 24 ore "è destinata a rimanere un fuoco di paglia", assicura incrociando le dita il numero uno dell'associazione di Confesercenti: "Tempo 15 giorni e sono convinto che questa storia verrà ridimensionata".

Continua qui

Vi hanno messo paura della carne? A maggio tocca al caffè...

 

Nessun commento:

Posta un commento