martedì 27 ottobre 2015

Carne rossa e tumore, Coldiretti: "A rischio 180mila posti di lavoro"

Continua il dibattito sui dati presentati ieri dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro che ischio tumori: domande e risposte


 
L'ALLARME lanciato ieri dall'Organizzazione mondiale della sanità sulle carni rosse trattate che possono provocare il cancro (quelle non lavorate "forse") continua ad alimentare il dibattito e la corsa a ridimensionare i risultati della ricerca, presentati dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, l'organismo specializzato dell'Oms. Lo stesso ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ieri si era già espressa consigliando di mangiare carne fresca italiana, oggi, a margine dell'intervento con cui ha aperto all'Expo di Milano i lavori della conferenza internazionale Nutrire il Pianeta, nutrirlo in salute, ha ribadito: "Nessun allarme sul consumo di carne rossa. La mangio anche io. Sto ancora allattando i miei gemelli e loro hanno l'alimentazione della mamma" e torna sul valore della dieta mediterranea.
"Io mi nutro in modo equilibrato, mangiando tutto, anche la carne rossa che tra l'altro mi serve per tenermi su e per il contenuto di ferro. Seguo i principi della dieta mediterranea e del mio medico che mi ha consigliato un'alimentazione corretta con tutte le componenti bilanciate in modo appropriato". Quanto alla carne rossa e processata e a eventuali correlazioni con un rischio aumentato di cancro, "i titoli che sono stati dati sono eccessivamente allarmistici. Noi dobbiamo proporre un'educazione all'alimentazione corretta che tra l'altro è nella nostra cultura, non creare allarmismo fra i nostri cittadini".


Cecchini, il macellaio poeta: "Gli allarmismi sono di moda e noi non siamo figli di Savonarola..."

Carlo Petrini: "Mangiamo meno carne per stare meglio, ma niente allarmi un tanto al chilo"

Carni e rischio tumori: domande e risposte

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento