lunedì 23 novembre 2015

Bruxelles blindata e sotto assedio, neutralizzata una cellula jihadista. 16 arresti, ma Salah è ancora in fuga

L'attentatore di Parigi sarebbe stato intercettato nei dintorni di Liegi, ma sarebbe riuscito a fuggire in auto sulla autostrada E40 in direzione della Germania.

A Bruxelles l'allerta terrorismo resta al massimo livello, e la polizia belga lancia la sua offensiva per stringere il cerchio attorno a Salah Abdeslam, che però riesce a sfuggire. Dopo una retata scattata con una maxi-operazione coordinata in sette quartieri della città, le forze dell'ordine arrestano 16 persone, tutte in qualche modo collegate all'inchiesta sui fatti di Parigi, che ha portato il terrore anche in Belgio. La minaccia rimane "seria e imminente", e spinge il Paese a restare blindato. I 16 arresti - che dovranno essere convalidati dal giudice - non bastano a rassicurare le autorità, che chiedono il massimo riserbo e non accettano domande sull'inchiesta. Salah è ancora in fuga, e non si può abbassare la guardia. La polizia lo avrebbe visto a Liegi ma poi avrebbe perso le sue tracce mentre scappava su una BMW in direzione della Germania.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento