martedì 31 marzo 2015

Nonna serve ai nipoti la cioccolata scaduta 25 anni fa: cinque intossicati

Vicenza, i due ragazzini, il loro padre, un amichetto e la stessa signora hanno accusato crampi e nausea. Scatta la denuncia per lesioni colpose

Come ogni nonna che si rispetti ha offerto ai suoi due nipotini, al loro papà e a un amichetto cioccolata calda e biscotti. Peccato solo che il preparato in polvere risalisse a 25 anni fa, al 1990, e fosse quindi scaduto. Risultato: i quattro e la stessa nonna, residente a Vicenza, sono rimasti intossicati. Crampi allo stomaco, nausea, diarrea e prognosi tra i 5 e i 21 giorni. Per nonna Rosetta è scattata la denuncia d'ufficio per lesioni colpose.

Continua qui

Scambia la macchina fotografica per un'arma, bimba siriana si "arrende"

A pubblicare la foto è stata una fotogiornalista via Twitter. Lo scatto, che ha commosso il web, è di Osman Sagırlı che alla Bbc ha raccontato la storia di Hudea

L'orrore della guerra può essere esemplificato in un questo toccante scatto del 2014 del fotografo Osman Sagırlı, in cui una bimba siriana di 4 anni alza le mani in segno di resa dopo aver scambiato l'obiettivo della macchina fotografica per un'arma. Lo scatto è stato da poco pubblicato via Twitter dalla fotogiornalista Nadia O. AbuShaban e ça va sans dire ha commosso il web diventando virale in Rete.

Continua qui

Firenze, pm: "Il cadavere trovato è quasi certamente di Irene Focardi"

Manca ancora la certezza scientifica ma troppi indizi riconducono a lei. Per la vicenda è indagato l'ex fidanzato

Con ogni probabilità il cadavere trovato in un sacco lungo un fosso a Firenze appartiene a Irene Focardi, 43 anni, scomparsa dal quartiere fiorentino delle Piagge il 3 febbraio scorso. Il procuratore di Firenze, Giuseppe Creazzo, riferendo i primi esiti dell'autopsia ha detto che "al 95% si tratta di lei". Il procuratore ha spiegato che "manca ancora la prova scientifica" ma che ci sono coincidenze "sia nei vestiti sia in particolari anatomici".

Continua qui 

Ex modella morta, arrestato il compagno

 

 

 

Meteo ponte di Pasqua: ecco le zone dove farà freddo e dove pioverà!

Le zone fredde e quelle dove le temperature saranno più miti, ecco le mappe aggiornate.

 

 
Si fa presto a dire freddo.
Si fa presto a dire pioggia.
Alla fine molti si chiederanno: ma tutta qui la pioggia, tutto qui il freddo?

Perchè almeno sul 60% del territorio i fenomeni risulteranno veloci e passeggeri, in qualche caso del tutto assenti e il freddo quasi nullo.

In realtà l'abbassamento delle temperature si avvertirà e risulterà anche molto netto a livello di valori minimi e più in generale su Alpi ed Appennini, ma al suolo le zone che risentiranno anche nei valori massimi di un deciso calo dei valori saranno quasi esclusivamente le zone del medio e del basso versante adriatico e in parte il basso Tirreno, oltre naturalmente alle zone di montagna.

Per il resto, dopo un primo mattino freddino, facilmente altrove si risalirà almeno sino a 14-15°C, valori ampiamente accettabili e accompagnati da un discreto soleggiamento.

Dove pioverà allora? Sabato nelle prime ore breve passaggio temporalesco al nord e rovesci in Toscana, nel pomeriggio ancora instabilità al centro, sulla Campania e sul nord-est con rovesci e qualche temporale, seguito dall'inserimento di aria più fredda al settentrione e sul medio Adriatico.

Nella notte sulla domenica di Pasqua ecco la neve fare la sua comparsa sull'Appennino marchigiano ed abruzzese oltre gli 800m con ulteriori rovesci di pioggia alle quote inferiori, mentre al nord e sul medio alto Tirreno il tempo sarà già migliorato.

Domenica di Pasqua rovesci e qualche temporale colpiranno il sud, specie Molise, Puglia, Calabria tirrenica e nord Sicilia ma con tendenza a schiarite, bel tempo altrove.

Nel giorno di Pasquetta il sole dovrebbe imporsi ovunque, salvo annuvolamenti in Adriatico e al sud con isolati rovesci in Appennino, anche nevosi oltre i 500-700m.

Continua qui 

Week-end di Pasqua: la tempistica del break temporalesco

 

 

Istat, disoccupazione giovanile sale al 42,6%. E tasso generale torna al 12,7%

Nonostante l'entrata in vigore degli sgravi contributivi previsti dalla legge di Stabilità, nell'ultimo mese sono aumentati anche gli inattivi. Al contrario a livello Ue la disoccupazione continua a scendere: secondo Eurostat a febbraio la percentuale dei senza lavoro è scesa all’11,3%. In Germania è al 4,8 per cento

Continua qui 

I volti della disoccupazione nelle foto di Simona Hassan.  

"Parlo di noi, gli affamati del nostro tempo a cui tutto viene negato"

 

Occupazione in Liguria, record negativo: persi in quattro anni 37mila posti

 

Europa, tasso di disoccupazione all'11,3% a febbraio 2015 ...

 

 

Ntv, mobilità per 248 lavoratori. Sindacati in rivolta: verso lo sciopero

La richiesta verrà fatta dall’azienda nel cda di domani. Interrotta la trattativa sugli esuberi

Domani si arriverà a una svolta drammatica per Ntv, la compagnia ferroviaria privata che fa concorrenza alle ferrovie dello Stato nell’alta velocità: il consiglio di amministrazione richiederà domani la mobilità per 248 persone. Lo riferiscono fonti sindacali, dopo il fallimento di una trattativa per evitare il peggio. Gli stessi sindacati attiveranno le procedure di legge per un’azione di sciopero. 

Continua qui

"Per diventare foreign fighter contro l'Is bastano Facebook e mille euro"

l volo, l’addestramento, il fronte. Abbiamo chiesto come si fa a entrare nelle Ypg, i combattenti curdi che in Siria contrastano l’avanzata dello Stato islamico. Ed è bastato un semplice colloquio su Facebook


ROMA - “Sei benvenuto tra noi”, mi scrivono le forze curde in Siria prima di spiegarmi la procedura per diventare un foreign fighter in quello che sarà un breve dialogo preliminare colorato dalla propaganda. Mettersi in contatto con le Ypg - le Unità di protezione del popolo - non è stato difficile, è bastata qualche ricerca e un po’ di Facebook, perché è anche dai social network che si combatte la guerra, oggi.

Le Ypg sono nate in Siria per contrastare Assad, e combattono – con risultati importanti – la guerra contro lo Stato Islamico accanto ai curdi del Pkk, mentre ai peshmerga è affidata principalmente la resistenza in Iraq. Entrare nelle unità di protezione del popolo non costituisce reato, il decreto antiterrorismo approvato il 10 febbraio prevede che sia vietato combattere all’estero (da tre a sei anni di carcere) ma c’è una deroga per chi lo fa contro l’Is o, comunque, senza avere “finalità terroristiche”. È con le Ypg che si sono arruolati, da quel che si sa, cinque italiani.

Continua qui

Tangenti, arrestato sindaco Ischia e dirigenti coop Concordia. Nelle carte spunta il nome di D'Alema

Fermato Giuseppe 'Giosi' Ferrandino, del Pd, e altre nove persone. Per gli investigatori il primo cittadino (presidente regionale Anci) avrebbe intascato una mazzetta da 330mila euro per la metanizzazione dell'isola. L'ex premier, tirato in ballo in una intercettazione, si difende: "Nessun illecito o beneficio"

ISCHIA - Tangenti per 330 mila euro, l'assunzione come consulente del fratello e almeno un viaggio in Tunisia: sarebbe stato questo, secondo l'accusa, il 'prezzo' pagato dal colosso delle coop Cpl Concordia, per la corruzione del sindaco di Ischia, Giosi Ferrandino del Pd, arrestato nell'ambito dell'inchiesta della procura di Napoli su tangenti pagate per portare metano nei comuni dell'isola campana. Alla Coop modenese contestati anche legami con la criminalità organizzata casertana e con amministratori legati a tali ambienti criminali. Il sindaco è stato già sospeso dal partito con un provvedimento cautelare adottato dal presidente della commissione di garanzia provinciale di Napoli Massimo Carrano.

Continua qui

lunedì 30 marzo 2015

Crollo termico: quanti gradi perderemo entro Pasqua? Anche oltre 10 rispetto a martedì 31 marzo!

Dalla grande mitezza di martedi 31 marzo al ritorno del freddo tra Pasqua e Pasquetta.

 

 
Il momento più "caldo" della settimana sarà mediamente il pomeriggio di martedì 31 marzo, anche se una Pasqua molto mite si potrà vivere anche sulla Sicilia, la Calabria jonica e il Salento, ma solo lì!

Altrove invece la zampata dell'aria fredda pare confermata e proprio per la giornata di Pasqua non sono attese massime superiori ai 10-11°C in Valpadana, ai 7-11°C sul medio Adriatico, il Molise, la Toscana e su parte dell'Umbria, mentre farà anche più freddo sulle Alpi, sul nord Appennino e sui monti di Marche ed Abruzzo con valori anche al di sotto dello zero in pieno giorno oltre i 1500m.

Freddino anche in Sardegna, mentre l'aria fredda sul Lazio arriverà un po' smorzata e potranno ancora registrarsi valori di 14-15°C. Procedendo verso sud ritroveremo ancora la massa d'aria mite dei giorni precedenti, che avrà però le ore contate.

Entro sera l'aria fredda infatti raggiungerà anche l'estremo sud e nella notte su Pasquetta i valori termici in Valpadana sfioreranno anche gli 0°C, specie in aperta campagna naturalmente, così come sul medio Adriatico con gelate già dalle quote collinari, freddo intenso nelle Alpi sin nei fondovalle, ma più crudo oltre confine, dove potranno toccarsi anche i -8°C a 1500m.

Il freddo caratterizzerà anche la giornata di Pasquetta con massime che difficilmente sull'insieme del Paese supereranno i 13-14°C.

Continua qui

Rincari per la benzina, al distributore sta già salendo la marea di Pasqua

Le compagnie petrolifere si ribellano quando lo sentono dire, dicono che loro si limitano a seguire il mercato, ma invece noi automobilisti abbiamo conferma, anno dopo anno, che il rincaro al distributore sotto Pasqua è un appuntamento fisso, a prescindere da ogni considerazione di mercato. Questo 2015 si presenta da manuale: prezzi del greggio in calo, prezzi internazionali Platts dei carburanti giù (la benzina) o statici (il gasolio auto) mentre i prezzi al distributore in Italia crescono. L’impressione è che le compagnie pregustino il maggiore uso della macchina nel prossimo weekend e aumentino i listini per approfittarne.

Continua qui

Sciopero dei lavoratori di Mercatone Uno: svendono la merce

Si complica la vicenda del Mercatone Uno, la catena di negozi di mobili in profonda crisi, che lo scorso 19 gennaio ha chiesto il concordato preventivo.
I sindacati hanno deciso di proclamare lo sciopero nazionale per il prossimo 1° aprile per protestare contro la gestione aziendale, colpevole del collasso, ma soprattutto perchè, senza alcun confronto, la proprietà “ha avviato le vendite promozionali in una trentina di negozi, un vero e proprio smantellamento fino ad esaurimento merci”.
“L’atteggiamento posto in essere - affermano le organizzazioni sindacali - da chi dovrebbe gestire la società con equilibrio e lungimiranza per ora miete vittime fra le lavoratrici e i lavoratori impiegati presso i negozi spogliati di merce e fa temere anche per il futuro dei negozi per il momento scampati.” La catena commerciale conta su 79 punti vendita in tutta Italia con circa 3.500 dipendenti.
Lo sciopero nazionale di mercoledì 1° aprile sarà una giornata di mobilitazione articolata a livello territoriale e saranno organizzati presidi presso le prefetture, le sedi comunali e il ministero dello Sviluppo economico.

Continua qui

Nube nera dal polo chimico di Spinetta Marengo. "Nessun ferito e situazione sotto controllo"

Situazione sotto controllo a Spinetta Marengo (AL) dopo l’esplosione nel reparto lavorazione perossidi della ditta Arkema. L’incendio di questa mattina  è stato domato in pochi minuti e non ha fortunatamente provocato feriti. All’interno del polo chimico, dove opera l’azienda, sono ancora al lavoro due squadre dei Vigili del fuoco che, con la collaborazione dell'azienda, stanno provvedendo al raffreddamento dell'impianto.

Continua qui

Ferroviere licenziato perché non voleva guidare da solo. Il giudice gli dà ragione

Non si era presentato a lavoro dopo che Trenitalia aveva eliminato la figura del secondo macchinista: se avesse avuto un malore nessuno poteva guidare il convoglio incontro ai soccorsi. Il Tribunale di Genova ha annullato il licenziamento e 'bocciato' la strategia dell'azienda

Continua qui

MotoGp 2015, Qatar: trionfa Valentino Rossi e due Ducati salgono sul podio


Dopo la strepitosa vittoria targata Ferrari a Sepang, si replica in Qatar: Rossi, Dovizioso e Iannone. Tre Italiani e due moto made in Italy salgono sul podio. Lorenzo resta dietro, Marquez non recupera. Gara storica per lo sport nazionale, grande esordio per il campionato. Il prodigio di Tavullia: "L'ho detto spesso, ma questa è la gara più bella della mia vita"

Continua qui

Sepang, magia di Vettel! Trionfo Ferrari, battuti Hamilton e Rosberg

 

 

Meredith Kercher, la madre: “Delusa, è sconfitta del sistema giudiziario italiano”

La signora non ritiene che sia stata fatta giustizia sulla morte di sua figlia: "Non c'è una soluzione del delitto. Finisce tutto così, con un punto interrogativo". Diverso il pensiero di Giulia Bongiorno, legate di Sollecito, che soddisfatta afferma: "Chi sbaglia paga. Però, non chiunque paga"

La madre di Meredith non ci sta. Dopo l’assoluzione di Raffaele Sollecito e Amanda Knox dall’accusa di concorso nell’omicidio della figlia – uccisa a Perugia la notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre del 2007 con una coltellata alla gola – punta il dito contro la sentenza della Cassazione: “Sono rimasta molto sorpresa. Sono tuttora sotto choc. Quei due giovani erano stati condannati già due volte da tribunali differenti per l’omicidio di Meredith. Non mi aspettavo che ora sarebbero stati definitivamente assolti. Non riesco a capire la motivazione“.

Continua qui

domenica 29 marzo 2015

Boldrini al Bardo: «Non cancellate i segni delle pallottole, la memoria insegna»

La presidente della Camera, Laura Boldrini, è stata ricevuta sabato al Parlamento della Tunisia, dove ha incontrato alcuni rappresentanti delle autorità tunisine, fra cui il presidente del Parlamento Mohamed Ennaceur e il deputato Mohamed Ben Souf. All’incontro era presente anche l’ambasciatore italiano a Tunisi Raimondo de Cardona

Continua qui

Tunisi, il giorno della marcia contro il terrorismo: sale a 22 il numero delle vittime del Bardo

 

Nigeria, elezioni: Boko Haram attacca i seggi. Decapitate oltre 30 persone in un villaggio del Borno

Venerdì, vigilia del voto, uomini armati hanno attaccato il villaggio di Buratai, nel Borno. Per l'esecuzione hanno utilizzato una motosega. Violenze proseguite sabato, con spari sulla gente in fila ai seggi in diversi villaggi del Gombe. Voto in difficoltà anche per il cattivo funzionamento dello sperimentale riconoscimento biometrico: il presidente Goodluck Jonathan e consorte hanno atteso mezz'ora per essere identificati

Continua qui

Infrastrutture, per completare le grandi opere mancano 134,6 miliardi

E' la stima della Cgia di Mestre che ha analizzato 27 progetti che per essere completati necessitano ancora del 60% del budget complessivo. Dalla Legge obiettivo del 2001, infatti, i costi hanno subito una vera impennata

MILANO - Nonostante siano state ben poche le principali opere completate tra quelle incluse nel Programma delle infrastrutture strategiche definite dalla Legge Obiettivo nel 2001 i costi, invece, hanno subito una vera e propria impennata. A indicarlo è la Cgia di Mestre, che ha analizzato 27 grandi opere italiane per completare le quali, a fronte di un costo per l'ultimazione dei lavori stimato al 31 dicembre 2014 in 223,6 miliardi di euro, mancano 134,6 miliardi, pari al 60% del totale.

Continua qui

Il sistema Incalza e la Metro C: ricatti, sprechi e ritardi costano un miliardo in più

È l'incompiuta di Roma: un ministero e due amministrazioni coinvolte 12 stazioni e 17 chilometri in meno. Nessuna certezza sulla fine dei lavori

ROMA - Chi è responsabile di una delle più macroscopiche dissipazioni di denaro pubblico del dopoguerra? Come è stato possibile che, nell'inerzia del ministero delle Infrastrutture, del Cipe, di due diverse amministrazioni comunali, la linea C della metropolitana di Roma sia oggi, a 14 anni dal suo inserimento nell'elenco delle opere strategiche della "Legge Obiettivo", un'Incompiuta per la quale si è passati da 2,7 a 3,7 miliardi di saldo? Quale gioco di prestigio ha reso possibile pagare tra il 30 e il 60 per cento in più la realizzazione di un progetto che ha visto restringersi le dimensioni iniziali (da 42 stazioni per 42 chilometri di tracciato alle attuali 30 per 25,6 chilometri)? Due inchieste della magistratura penale (Roma e Firenze), una contabile (Corte dei Conti) e una amministrativa (l'istruttoria dell'Autorità nazionale anti-corruzione per la quale è attesa una delibera prima dell'estate) promettono un imminente redde rationem giudiziario. Ma le risposte a quelle domande sono già in chiaro. Rintracciabili in una spaventosa mole di carte che è andata silenziosamente impilandosi per tre lustri nei gabinetti di ministeri, Comune e società partecipate, e ora finalmente intelligibile alla luce di quel format che abbiamo imparato a conoscere come "Sistema Incalza".

Continua qui

sabato 28 marzo 2015

L’auto decolla, muore un tifoso. Terrore al Nurburgring.

Un incidente spaventoso al Nurburgring ha causato la morte di uno spettatore accorso al circuito Nordschleife per assistere alla gara di endurance VLN.

Né lui né i suoi vicini di posto rimasti feriti si sarebbero mai aspettati di vedersi piombare addosso la Nissan numero 23 del pilota 23enne Jann Mardenborough: il britannico ha perso il controllo della vettura, che si è impennata atterrando oltre le barriere di protezione e investendo i tifosi appostati all'altezza della curva Flugplatz.


Continua qui

Il tempo in sintesi sino a Pasqua!

La settimana comincerà con una bella performance primaverile: tanto sole e temperature in progressivo rialzo grazie all'inserimento di aria mite e al concomitante effetto favonico indotto dalle correnti nord-occidentali: sono attesi localmente anche picchi di 25-26°C.

Il bel tempo insisterà anche mercoledì 1 e giovedì 2 aprile, con temperature sempre miti ma con qualche grado in meno. Annuvolamenti si limiteranno a lambire il settentrione e soprattutto l'arco alpino, dove sui crinali di confine la nuvolosità risulterà più insistente ma con basso rischio di fenomeni.

Venerdì 3 un fronte freddo si avvicinerà al settentrione e, nella notte su sabato, porterà rovesci sul Triveneto e sull'Emilia-Romagna ed anche qualche nevicata nelle Alpi oltre i 1000m circa.

Sabato 4 l'instabilità si porterà lungo le regioni adriatiche, favorendo qualche spunto temporalesco e un rinforzo dei venti da nord, che piloteranno aria fredda lungo tutta la Penisola, specie in quota. Dunque le temperature caleranno di diversi gradi, in particolare lungo le regioni adriatiche.

La Domenica di Pasqua e il Lunedì di Pasquetta ancora addensamenti lungo l'Adriatico e al sud con qualche locale spunto temporalesco possibile e neve in Appennino oltre i 500-600m. Bel tempo invece lungo i versanti tirrenici e sulla Sardegna.

Continua qui
 

Fiammata CALDA primaverile tra lunedì e martedì!


Aggiornamento del sabato sera: qualche giorno di anticiclone, poi...

 

 

 

Schianto Airbus, tutte le bugie di Lubitz: era malato, ma lo tenne nascosto

Schianto Airbus, tutte le bugie di Lubitz: era malato, ma lo tenne nascosto
(lapresse)

Nascose alla compagnia aerea certificati medici. Spiegel online: "Nella sua abitazione indizi della malattia". Bild: "Parzialmente inadatto al volo". Era stato sottoposto a cure psichiatriche nel 2009 e secondo la stampa tedesca Lufthansa era a conoscenza della situazione.





BERLINO - Si fa sempre più fitta la rete di misteri che circonda la figura di Andreas Lubitz, il copilota della Germanwings, che ha deciso di far schiantare l'Airbus A320 sulle Alpi francesi, suicidandosi e provocando la morte di altre 149 persone. Con il passare delle ore aumentano i dubbi sull'idoneità al volo del 27enne e sulla veridicità delle certificazioni conseguite, mentre gli investigatori hanno trovato, nel corso delle perquisizioni nelle due abitazioni in cui viveva, certificati di malattia che il giovane pare abbia tenuto nascosti alla compagnia aerea e ai colleghi. La sua abitazione di Montabaur è stata di nuovo perquisita dalla Procura di Duesseldorf. Nel pomeriggio gli inquirenti sono entrati nella casa per uscirne con un sacco di plastica blu pieno di reperti e una borsa.

Continua qui

Omicidio Meredith, assoluzione definitiva per Amanda Knox e Raffaele Sollecito

La sentenza della Cassazione. Dopo le arringhe dei difensori, lunga camera di consiglio dei giudici. Il giovane ha atteso il verdetto a casa sua. L'americana è stata condannata per calunnia nei confronti di Lumumba, è in Usa. L'esultanza in casa del ragazzo, il disappunto dei familiari della giovane uccisa

ROMA - La Quinta sezione penale della corte di Cassazione presieduta da Gennaro Marasca ha assolto Amanda Knox e Raffaele Sollecito, imputati nel processo per l'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Solo la Knox è stata condannata a tre anni per il reato di calunnia, pena già scontata.

Continua qui

venerdì 27 marzo 2015

A Novi Ligure la Pernigotti chiude il magazzino logistico?

In questi giorni si susseguono voci più o meno fondate di una imminente chiusura del magazzino logistico del sito di Novi Ligure dove si svolge l’attività di confezionamento e spedizioni dei prodotti finiti. Il magazzino è gestito dall’operatore logistico DHL ed occupa stabilmente 25 addetti, numero che però arriva a 50 addetti con le stagionali nel periodo pasquale e per le festività natalizie. Sembrerebbe che queste attività saranno destinate a sparire dal magazzino di Novi Ligure e di fatto, dislocate a Parma dove verrebbero affidate ad un nuovo operatore logistico.

Continua qui

Casale, muore di mesotelioma a 42 anni. È la seconda vittima dell’eternit in una settimana

Massimo Brollo abitava a Treville. Lunedì lo stesso male ha ucciso Stefano Gasparetto di 45 anni


CASALE MONFERRATO (AL)
«Questa città non ci dà tregua. Un’altra persona d’oro se ne va. Ma rimarrai sempre vivo negli occhi di tutti». È uno dei moltissimi messaggi postati oggi pomeriggio su Facebook nel profilo di Massimo Brollo, morto, a soli 42 anni, di mesotelioma. Attualmente abitava a Treville con la moglie e lavorava a Casale con uno dei fratelli, ma aveva vissuto a Ibiza per qualche tempo. Un paio di anni fa, dopo aver corso la maratona di Barcellona, erano comparse le prime avvisaglie del male. 

Non c’è tregua, appunto, a Casale. Nessuna tregua all’angoscia, al dolore di una collettività che vive appesa al filo della paura ed è continuamente lacerata dal distacco da tanti innocenti che il mal d’amianto continua a inghiottire senza scampo. 

Continua qui

L’ultima vittima dell’Eternit: “Un eroe che è stato d’esempio”. Così lo ricordano gli amici

 

Il mesotelioma “frena” stabile il numero di casi. Forse già raggiunto il picco atteso nel 2020

 

Mal d’amianto, muoiono i “bambini degli Anni 80”: già quindici vittime in questo primo trimestre

 

 

Airbus, Lubitz lasciato dalla fidanzata e malato: non doveva volare. Il 10 marzo l’ultima visita medica

Nella casa della famiglia del copilota trovato un certificato medico stracciato. I giornali tedeschi: era depresso e seguiva cure psichiatriche, ma lo teneva nascosto. L’ospedale di Dusseldorf: «In cura da noi ma non per la depressione»

Dietro alla tragedia dell’Airbus c’è un mix di bugie, depressione e misteri. Andreas Lubitz, il copilota 27enne, martedì non avrebbe dovuto essere sul volo 9525 perché era in malattia. Quel malessere era stato messo nero su bianco da un medico, ma il certificato non è mai stato presentato alla Germanwings. Lo hanno trovato oggi, strappato, gli inquirenti che stanno indagando nel suo passato. E non è tutto. I documenti rivelano che Lubitz stava seguendo delle terapie psicologiche. E anche questo all’insaputa della compagnia. Depressione, appunto. Un male che lo aveva già colpito in passato e ora spiegherebbe almeno in parte la decisione di uccidersi.

Continua qui

Cabine blindate anti-terroristi, se la sicurezza è una trappola

 

 

Delitto Meredith, oggi sentenza in Cassazione

Per l'avvocato Bongiorno, Raffaele Sollecito è come Forrest Gump: non si rende conto

E' terminata l'udienza in Cassazione per il processo a Raffaele Sollecito e Amanda Knox per l'omicidio di Meredith Kercher. A breve il collegio della quinta sezione penale della cassazione si riunirà in camera di consiglio Il presidente, Gennaro Marasca, non fornito indicazioni sui tempi, ha solo specificato che un'ora prima della lettura del verdetto i difensori dei due imputati saranno avvertiti.

Continua qui

giovedì 26 marzo 2015

Florida, 13enne uccide il fratellino di 6 anni e si suicida

A colpi di arma da fuoco, dopo una lite per cosa mangiare a cena. Ha ferito anche l'altro fratello sedicenne

NEW YORK - Orrore negli Usa dove una lite famigliare tra fratelli, tutti minorenni, innescata da un assurdo dissidio su cosa mangiare a cena, ha portato un 13enne a sparare ed uccidere il fratellino di 6 per poi rivolgere l'arma contro se stesso e suicidarsi. Non prima di aver colpito e ferito il secondo fratello, di 16 anni, che ha poi chiamato la polizia. Teatro di questa ennesima tragedia legata all'eccessiva diffusione delle armi negli Usa è Hudson, una cittadina della Florida. A dare la notizia la rete locale Wfts, affiliata della Cnn. 


Continua qui

Lega: Sei parlamentari vicini a Tosi via dai gruppi di Camera e Senato. Salvini: 'Mi salutino Alfano'

"Decisione lunga e sofferta. Incomprensibile espulsione sindaco Verona"

Diaspora nel Carroccio dopo la frattura tra Matteo Salvini e Flavio Tosi. Sei parlamentari veneti escono dalla Lega Nord per entrare nel gruppo misto. "Auguri. Mi salutino Fini e Alfano", è il commento caustico del segretario della Lega Matteo Salvini.
I 'fuoriusciti' sono al Senato: Emanuela Munerato (Rovigo), Patrizia Bisinella (Treviso), la compagna del sindaco di Verona, e Raffaela Bellot (Belluno); alla Camera: Roberto Caon (Padova), Emanuele Prataviera (Venezia) e Matteo Bragantini (Verona).

Continua qui

Lupi, Ballarò chiama società a New York: “Figlio del ministro non lo conosciamo”

Il ministro Maurizio Lupi, riguardo al figlio Luca e a certe accuse mosse nei suoi confronti per aiutarlo nella carriera, aveva dichiarato: “Non ho mai chiesto all’ingegner Perotti né a chicchessia di far lavorare mio figlio. Mio figlio Luca si è laureato al Politecnico di Milano nel dicembre 2013 con 110 e lode dopo un periodo di sei mesi presso lo studio americano SOM (Skidmore Owings and Merrill LLP) di San Francisco. Da febbraio 2014 a febbraio 2015 – spiega – ha lavorato presso lo Studio Mor (di architettura ed ingegneria di Genova, via Assotti) per un corrispettivo di 1300 euro netti al mese. Nel gennaio 2015 gli è stata ritirata l’offerta dallo studio SOM e dai primi di marzo lavora a New York”. Ma ieri sera Ballarò (Rai3) ha chiamato l’ azienda negli Usa (SOM) dove il figlio del ministro lavorerebbe e, chiedendo di Luca Lupi, è stato risposto alla cronista Francesca Biagiotti: “Mi spiace il signore non lavora qui, non abbiamo nessun con questo nome nella nostra lista”.

Continua qui

Nyt: "Un pilota dell'A320 è rimasto chiuso fuori dalla cabina di pilotaggio"

Nyt: "Un pilota dell'A320 è rimasto chiuso fuori dalla cabina di pilotaggio"

 

UNO DEI DUE piloti dell'Airbus A320 Germanwings ha lasciato la cabina prima della discesa dell'aereo, senza poi riuscire a rientrare nonostante i tentativi di aprire la porta, anche con la forza. Questa la ricostruzione degli eventi secondo una registrazione vocale recuperata dal CVR, il cockpit voice recorder nella scatola nera recuperata dopo il disastro aereo in cui sono rimaste uccise 150 persone. A ricostruire gli eventi è il New York Times attraverso una fonte, un alto funzionario militare che lavora sul caso. Intanto si procede all'estrazione di informazioni dalla scatola nera.

 

Un altro mistero. Al momento dello scontro dunque da quanto riferirebbe l'audio, c'era solo un pilota nella cabina dell'A320. Il mistero del disastro si infittisce e aggiunge punti da chiarire a un quadro già complesso, ma l'audio potrebbe imprimere una svolta all'inchiesta. Secondo la Cnn emergono due opzioni fra tutte: che il pilota rimasto all'interno sia stato colto da un malore e non sia stato più in grado di sbloccare (con l'interruttore posto sul quadro comandi) la porta (blindata su tutti i jet commerciali dopo l'11 settembre). O che - ipotesi definita "atroce" da Cnn - si sia trattato di un atto deliberato di terrorismo, una missione suicida. Ipotesi, quest'ultima, finora non esclusa dalle autorità ma ritenuta altamente improbabile.

 

Continua qui 

Disastro aereo GermanWings, copilota chiuso in cabina dell'airbus: 'Voleva distruggere l'aereo'. Comandante ha tentato invano di entrare

Aereo Germanwings, copilota Andreas Guenter Lubitz è il colpevole del disastro: 'Si è schiantato di proposito'

Andreas Lubitz, amico del copilota tedesco: ‘Non riesco a crederci. Era felice’

 

Quella lotteria della morte per il viaggio a Barcellona: “Gli studenti estratti a sorte” 

 

Daniela Santanché: "Che origini hanno i piloti dell'autobus caduto?". La doppia gaffe su Twitter

 

Napoli, sparatoria e inseguimento dopo una rapina, fermati due carabinieri. Un morto e nove feriti

Panico in un supermercato a Ottaviano. I militari, fuori servizio, tentano un colpo a mano armata. Deceduto il figlio del titolare del punto "Etè", che ha dato la caccia ai banditi in auto, accompagnato dal fratello e da un dipendente

Una rapina finita male. Una sparatoria e un inseguimento. Scia di paura e di sangue nel napoletano. E una svolta inquietante: i malviventi sono due carabinieri.  Ci sono almeno nove feriti - di cui quattro in prognosi riservata - in un conflitto a fuoco e un incidente, durante la fuga, dopo l'irruzione a mano armata in un supermercato in via delle Querce a Ottaviano, in provincia di Napoli. E' morto il figlio del titolare del supermercato, Pasquale Prisco di 28 anni.  Il titolare  con il fratello e un dipendente, dopo la tentata rapina ha inseguito e speronato i malviventi. In serata svolta nelle indagini: i rapinatori sono due carabinieri fuori servizio.

Secondo quanto si è appreso, intorno alle 13.30 è scattato l'allarme in un supermercato della catena "Etè" e i banditi per guadagnarsi la fuga hanno sparato dei colpi di pistola


Continua qui

mercoledì 25 marzo 2015

METEO A 7 GIORNI: la STABILITA' incalzerà da ovest...

Fino a venerdì ancora un po' di maltempo sull'Italia, specie sui settori orientali e al meridione. A partire dal prossimo fine settimana alta pressione in rimonta e condizioni progressivamente più stabili e miti sulla nostra Penisola. 


Il meridione si lecca le ferite dopo il passaggio di un'intensa perturbazione che risalendo dal nord Africa ha dato luogo a piogge torrenziali, venti forti e mareggiate.
Da tempo non si ricordava un periodo così piovoso per il nostro Mezzogiorno...e purtroppo non sembra essere finita.
La depressione presente sul Mediterraneo tenderà lentamente a muoversi verso levante, sotto la spinta di un solido anticiclone atlantico che avrà grande importanza sui nostri lidi a partire dal prossimo week-end.
La giornata di venerdì si annuncia nuovamente molto instabile al meridione e su parte del versante adriatico, proprio a causa del transito depressionario ben visibile nella prima cartina. Torneranno piogge e rovesci che tra la Sicilia e la Calabria potrebbero essere anche di forte intensità. 

Si tratterà probabilmente dell'ultimo atto di questa lunga sequenza perturbata, scaturita dal contrasto tra aria fredda in arrivo dalle alte latitudini e correnti caldo-umide di matrice afro-mediterranea.

A partire dal prossimo fine settimana, l'alta pressione delle Azzorre dovrebbe mettere le cose a posto nel Nostro Mare; la spallata del pachiderma stabile sposterà l'asse del maltempo in sede ellenica e consentirà sull'Italia un miglioramento ad iniziare dai settori occidentali.

Continua qui

Brasile: autobus inghiottito da un enorme cratere in strada

Una scena apocalittica quella a cui hanno assistito i fortunati passeggeri dell'autobus inghiottito da una voragine al centro della strada che porta da Itaituba a Ruropolis, nello stato brasiliano di Parà. Tutti sani e salvi, hanno fatto giusto in tempo a scendere dal bus prima che fosse risucchiato e trascinato dalle acque del fiume che scorre sotto la strada

Il video

Arrestato il leader del commando della strage al museo Bardo

Tunisi - Le autorità tunisine hanno arrestato il leader della cellula terroristica responsabile dell’attentato della settimana scorsa al museo del Bardo. Lo afferma al quotidiano “Al Maghreb” Rafik Chelli, segretario di stato presso il ministero degli Interni.

 
Secondo il segretario di Stato il gruppo ideatore e realizzatore del piano sarebbe composto di 16 persone, di cui almeno due tunisini tornati in patria dai territori di combattimento in Siria a fianco dei jihadisti.

È ancora in fuga il terzo autore dell’attacco, evocato dal Presidente della Repubblica Beji Caid Essebsi nel corso di un’intervista.

Continua qui

Annuncio del governo: il gruppo composto da 16 persone. Almeno due tunisini tornati dai territori di combattimento in Siria. Domenica la marcia "Le monde est Bardo"

Tunisi, la visita al museo poi gli spari: il video dei turisti al Bardo

 

Airbus, i soccorritori: "Corpi ovunque". Roghi per allontanare i lupi.

Sono riprese le operazioni sul massiccio dei Trois-Eveches dove si è schiantato l'Airbus A32

Sono riprese alle prime luci del giorno le operazioni sul massiccio dei Trois-Eveches, in Alta Provenza, sulle Alpi francesi al confine con l'Italia, dove si è schiantato l'Airbus A320 della Germanwings con a bordo 150 persone, tutte morte. Soccorritori e forze dell'ordine sono impegnate ora nel difficile recupero di indizi che possano far luce sulle cause della tragedia. Attesi per oggi sul luogo della tragedia Hollande, la Merkel e Rajoy.

Continua qui

Aereo caduto, danneggiata la scatola nera ritrovata. Riprese all’alba le ricerche

Airbus precipitato, le ipotesi: esplosione o avvelenamento da litio

 

Scuola: Troppi 3 mesi vacanza, Poletti scatena polemica

Ma Giannini chiarisce, in ddl Governo ha previsto attività estive - IL SONDAGGIO 

La scuola pare essere un cantiere di idee sempre aperto. Mentre ancora si consumano analisi e speculazioni sul testo del ddl "Buona scuola", una considerazione del ministro Poletti sulla durata delle vacanze scolastiche ha aperto un nuovo fronte di dibattito, nella stessa giornata in cui Matteo Renzi, parlando alla Luiss School of government, ha assicurato che sulla scuola l'Italia si gioca "una delle chance di essere superpotenza mondiale". "Un mese di vacanza va bene. Ma non c'è un obbligo di farne tre. Magari uno potrebbe essere passato - ha ipotizzato il ministro del Lavoro - a fare formazione. Una discussione che va affrontata".

Continua qui

Isis, arrestato autore documento propaganda italiano

Smantellata cellula in Italia: 3 arresti tra Torino e Albania. Reclutava aspiranti jihadisti. Perquisizioni in Lombardia, Piemonte e Toscana

Il ventenne italiano di origine marocchina arrestato oggi nell'ambito dell'operazione antiterrorismo della Polizia, sarebbe l'autore del documento di propaganda dell'Isis, un testo di 64 pagine interamente in italiano, apparso di recente sul web. Il documento si intitola 'Lo stato islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare".

Sono tre le persone arrestate nell'operazione della Polizia contro una cellula di estremisti islamici, che reclutava jihadisti, attiva in Italia e nei Balcani.

Continua qui

martedì 24 marzo 2015

Serravalle, Mercatone verso il crac

Serravalle Scrivia (AL). La svendita iniziata sabato al Mercatone Uno sarà, salvo improbabili salvataggi dell’ultima ora, l’ultimo atto del gruppo romagnolo a Serravalle. La “Mercatone Uno” (236 negozi a marchio Mercatone e 68 dei negozi a insegna Tre Stelle) è in crisi profonda e 34 punti vendita dove i conti registrano i peggiori passivi sembrano arrivati al capolinea. Tra questi ci sono Serravalle e Albenga, nella black list non è invece inserito il punto vendita di Rivarolo.

«L’azienda ha 450 milioni di debiti e in questo momento è in corso quello che si chiama “concordato in bianco”- dice Vincenzo dell’ Orefice, segretario nazionale Fisascat Cisl - e per sperare in un esito positivo dovrebbero arrivare nuovi operatori disposti a rilevare più del 50% dei punti vendita». E gli acquirenti interessati a negozi in crisi non si trovano. «Di fatto, dal 21 marzo 34 negozi hanno iniziato svendite autorizzate dal tribunale che sono l’anticamera della chiusura».

Continua qui

Boko Haram rapisce 400 donne e bambini

Più di 400 tra donne e bambini sarebbero stati rapiti dai terroristi di Boko Haram a Damasak, città della Nigeria nordoccidentale, liberata dalle truppe del Niger e Chad. Lo riferisce il sito della Reuters che cita persone del luogo. Se confermato, si tratta dell'ennesimo sequestro di massa da parte dei jihadisti.

Fonte

Un Airbus della Germanwings si è schiantato nel Sud della Francia

A bordo c'erano 148 persone. Hollande in tv: 'Non ci sarebbero sopravvissuti. Molte vittime tedesche' L'aereo collegava Dusseldorf a Barcellona

Un Airbus A320 della Germanwings, compagnia low cost della Lufthansa, si è schiantato nei pressi di Barcelonette, nel sud della Francia. L'aereo collegava Dusseldorf e Barcellona. A bordo secondo Le Monde ci sarebbero state 148 persone, 142 passeggeri e sei membri dell'equipaggio. Non ci sarebbero superstiti. Il relitto, individuato da elicotteri della gendarmeria, è quasi intatto.

Continua qui

Afghanistan: bomba fra bimbi che giocano a cricket, 6 morti

Polizia attribuisce attentato ai talebani, contrari allo sport tra i giovani

Almeno 6 bambini sono morti ieri nella provincia meridionale afghana di Khost, quando un ordigno è esploso sul terreno su cui avevano appena cominciato una partita di cricket. Altri 10 i bimbi rimasti feriti. Secondo la polizia, la responsabilità dell'attentato va attribuita ai talebani, per i quali il cricket non è compatibile con l'Islam e quindi i giovani non dovrebbero giocarlo.

Continua qui

lunedì 23 marzo 2015

Yara: la Procura chiede il giudizio per Massimo Bossetti

Ora si attende la fissazione dell'udienza preliminare

La Procura di Bergamo ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio di Massimo Bossetti per l'omicidio di Yara Gambirasio. Il muratore dovrà rispondere anche di calunnia ai danni di un collega. Ora si attende la fissazione dell'udienza preliminare.

Ora sarà il presidente dei gip di Bergamo a fissare l'udienza durante la quale si discuterà la richiesta di rinvio a giudizio. Il pubblico ministero Letizia Ruggeri contesta a Bossetti, in carcere dal 16 giugno scorso, l'omicidio volontario aggravato e la calunnia. Per l'omicidio, due le aggravanti contestate: l'aver "adoperato sevizie e aver agito con crudeltà" e l'aver "approfittato di circostanze di tempo (in ore serali/notturne), di luogo (in un campo isolato) e di persona (un uomo adulto contro un'adolescente di 13 anni) tali da ostacolare la pubblica e privata difesa".

Continua qui

“Sparatoria” e inseguimento ad Alessandria. Colpito al volto, ma la pistola è al peperoncino

Armi urticanti: spunta anche una Jpx Jet Protector ricaricabile, da 300 euro. Sono legali, ma comunque sequestrate: ora si accerterà se il porto in luogo pubblico è consentito

«Un uomo mi ha sparato, in strada, lo sto inseguendo, aiutatemi»: la concitata telefonata al 112 di un automobilista ha fatto pensare al Far West in via Milite Ignoto, ad Alessandria. Spari, fughe, inseguimenti, sirene, in pieno giorno. I carabinieri hanno dispiegato tutte le gazzelle e i militari necessari per braccare l’uomo armato: il Radiomobile in strada, la centrale operativa a coordinare l’operazione dal comando. Ci sono riusciti in pochi minuti. Solo che alla fine non c’è stato nessun arresto, né alcuna denuncia, nemmeno un ferito. Perchè dalla pistola in realtà non era uscito un proiettile, ma peperoncino: quello che sembrava sangue era infatti «solo» liquido urticante. 

Continua qui

La Lega: “Quelli che sono morti a Tunisi ci criticavano, chiamandoci razzisti”

Frase choc di Gianna Gancia, capogruppo Lega Nord in Regione, durante la conferenza stampa di presentazione della manifestazione di sabato. Poi corregge il tiro: “Parlavo di Fassino e Chiamparino”

Torino
«Quelli che sono morti a Tunisi ci criticavano, dicevano che eravamo razzisti: mi rendo conto che si tratta di un’affermazione forte». Così Gianna Gancia, capogruppo Lega Nord in Regione, durante la presentazione della manifestazione organizzata dalla Lega sabato, ore 16, in piazza Solferino: presenti Matteo Salvini e Roberto Cota.
È la stessa Gancia che subito dopo si è corretta di fronte ai giornalisti - «Pardon, mi sono espressa male: Chiamparino e Fassino dicevano che eravamo razzisti, basta retorica» - rivendicando le battaglie anti-Islam portate avanti dalla Lega in tempi non sospetti: compresa la famosa maglietta indossata anni fa da Calderoli, oggetto di un caso nazionale e internazionale.

Continua qui

Miracolo a Milano, al mendicante spunta il braccio amputato

In via Melchiorre Gioia, il teleobiettivo smaschera la truffa

Il video

Francia e Spagna al voto. Vince Sarkozy, non c'è ciclone Le Pen

UMP 31%, FN 24,70%, PS 19.90% 

UMP-UDI (Centrodestra) vincitore indiscusso del primo turno delle amministrative in Francia con il 31% dei voti, Front National al 24,70%, Partito socialista 19,90%. Questo l'ultimo sondaggio CSA per BFM-TV. Un calcolo teorico delle alleanze politiche a livello nazionale, dà centrodestra e sinistra al 37% ciascuno. Fermo al 24,70% il FN, senza alleati.

Marine Le Pen in Francia e Podemos in Andalusia: il Front National non sfonda ma si afferma come antagonista di primo piano dei socialisti al governo e della destra di Nicolas Sarkozy, protagonista del grande ritorno delle amministrative.

Continua qui

domenica 22 marzo 2015

Perotti, il megadirettore di Incalza tra ville e attici da sogno. La moglie: “Non ha prezzo”

Un attico a Roma con vista su Piazza Navona, una casa a Milano dietro via Montenapoleone “vista Madonnina”, un’abitazione fiorentina dal valore di 1,3 milioni di euro, una tenuta a Montepulciano (Siena) e una villa, sempre a Firenze, dal valore “incalcolabile”. E’ questo l’”impero immobiliare” messo su da Stefano Perotti, recentemente arrestato per l’inchiesta fiorentina sulle Grandi Opere, che ha poi portato alle dimissioni il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi. Anche se molti di questi beni sono intestati alla moglie di Perotti, Christine Mor, gli inquirenti scrivono: “Non emerge in alcun modo che Mor svolga attività idonea a produrre redditi significativi. E’ l’attività di Perotti l’unica in grado di consentire l’accumulo di capitali”. E poi specificano: “Attività intrisa di reati contro la Pubblica amministrazione”. Philippe Perotti, che risulta tra gli indagati, raggiunto nella sua abitazione fiorentina, non commenta l’accaduto. I vicini, svegliati pochi giorni fa dai Carabinieri che lo cercavano, ne parlano come un qualsiasi condomino.

Continua qui

Meteo: la primavera non decolla, da mercoledì nuova fase maltempo

Attese piogge in tutta Italia, più intense e diffuse al Nord, sul medio e basso Tirreno e sul basso Adriatico

Meteo: spettacolare arcobaleno sul porto di Ancona © ANSA
Nelle ultime ore il tempo è peggiorato per l'arrivo di una perturbazione dalla Spagna, dopo una breve tregua di inizio settimana a partire da mercoledì il nostro Paese sarà alla prese con una nuova fase di maltempo dovuta a due perturbazioni, una in risalita dalla penisola iberica e l'altra in discesa dall'Europa settentrionale. Sono queste, in sostanza, le previsioni meteo per i prossimi giorni.
Domani, spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo, ci sarà "nuvolosità variabile e irregolare su gran parte dell'Italia con schiarite più ampie al Centronord e nubi più insistenti nelle regioni meridionali. Sarà ancora possibile qualche debole precipitazione isolata al Sud e nelle zone interne del Lazio. I venti saranno in attenuazione ovunque e le temperature in aumento".

Continua qui

Pirati strada: morto a 15 anni a Monza

Guidatore ricercato. Ragazzo stava andando a giocare a calcio

Un quindicenne, Elio Bonavita, è morto, e sua madre è in gravi condizioni, dopo un incidente stradale, accaduto stamani nei pressi della Villa Reale di Monza, causato da una manovra di un'auto che ha determinato lo scontro di una vettura contro la macchina dove si trovavano il ragazzo e la mamma. Il pirata ha poi proseguito la sua corsa investendo altre vetture prima di allontanarsi. E' ora ricercato dalla Polizia locale. L'adolescente stava andando a una partita di calcio.

Continua qui 

 

Monza, 15enne morto nello schianto: si è costituito il pirata. E' un 40enne brianzolo

 

 

 

“Malato”, faceva l’istruttore di sub: vigile licenziato a Mondovì

Savona - Ispettore di polizia di Mondovì si assenta dal lavoro “per malattia” e viene pizzicato a fare l’istruttore subacqueo in un centro immersioni di Alassio: a scoprirlo sono stati i finanzieri della compagnia di Albenga, che nell’ambito di un’attività di contrasto al lavoro nero si sono concentrati su una società alassina operante nel settore del diving, imbattendosi appunto in questo “indisciplinato” dipendente pubblico.

I finanzieri, a seguito di appostamenti ad hoc, hanno individuato, tra i vari istruttori, un funzionario della polizia Locale che è risultato beneficiare, proprio in quei giorni, di un periodo di assenza dal lavoro per una presunta lombalgia grave che lo “affliggeva”, a più riprese, dall’inizio del 2014, per una durata complessiva di oltre 40 giorni. In realtà l’uomo (A.M., le iniziali), invece di essere a casa bloccato da dolori lancinanti, era piuttosto in forma e si trovava in Riviera a svolgere una vera e propria «seconda attività lavorativa» di istruttore subacqueo e conduttore di natanti adibiti alle escursioni in mare.

Continua qui

Attacco a Tunisi: il video che mostra i terroristi nel museo Bardo


Spunta video che mostra i due terroristi che entrano al museo del Bardo armati di kalashnikov pochi minuti prima di compiere la strage che ha causato la morte di 21 persone, tra cui quattro italiani. Le immagini sono contenute in un video delle telecamere di sicurezza pubblicato in esclusiva dal ministero dell'Interno tunisino sulla sua pagina Facebook.

Il video


La Francia aspetta il ciclone Le Pen

Oggi primo turno delle amministrative. Il Front National potrebbe diventare il primo partito
 
Parigi
L’ennesimo exploit del Front National, la vittoria finale dei neogollisti, e la débâcle della maggioranza socialista: la Francia è chiamata oggi alle urne per il primo turno delle elezioni provinciali in programma su tutto il territorio della République, fatta eccezione per Parigi, la metropoli di Lione e alcuni territori d’oltremare. Secondo l’ ultimo sondaggio realizzato dall’istituto Ifop, il partito anti-euro di Marine Le Pen raccoglie per le preferenze del primo turno oltre il 30% delle intenzioni di voto, confermando lo statuto di primo partito di Francia ottenuto nel voto europeo dello scorso anno.
Subito dietro, al 29%, ci sono, stando alle ultime rilevazioni, i neogollisti dell’Ump alleati con i centristi dell’Udi.

Continua qui

sabato 21 marzo 2015

Attesa a Mont Saint-Michel stasera la marea del secolo


Fonte


Mont Saint-Michel, marea ed eclissi: in migliaia per il fenomeno del secolo

 

Mont Saint-Michel: l'arrivo della "marea del secolo" (il video)



 

Cantine, ditte e consorzi. In sessanta dalla provincia di Alessandria al 49ª Vinitaly di Verona

Quest’anno si spera di battere tutti i record, consolidando così la collaborazione fra Regione, Unioncamere e Consorzio Piemonte Land of Perfection

Alessandria
Vini bianchi o rossi, con o senza bollicine; grappe. Sono i prodotti di 60 aziende vinicole della provincia (ditte, cantine e consorzi) al Vinitaly, a Verona da domenica a mercoledì. A questa 49ª edizione gli espositori piemontesi saranno seicento, su un totale di oltre 4 mila. Quest’anno si spera di battere tutti i record, consolidando così la collaborazione fra Regione, Unioncamere e Consorzio Piemonte Land of Perfection.

La «spedizione»
Dalla provincia di Alessandria, partecipano: La Caplana (Bosio), La Chiara (Gavi), Accornero Giulio & Figli (Vignale Monferrato), Fratelli Facchino (Rocca Grimalda), Alemat (Ponzano Monferrato), Angelini Paolo (Ozzano Monferrato), Antica Distilleria di Altavilla di Laura Raimondo Mazzetti (Altavilla Monferrato), Bergaglio Nicola (Rovereto di Gavi), Bollina Srl (Serravalle Scrivia), Botto Pier Luigi (Ricaldone), Boveri Luigi Michele (Costa Vescovato), Bricco dei Guazzi (Olivola Monferrato), Broglia Gian Piero (Gavi), Cantina Alice Bel Colle, Cantina del Monferrato (Rosignano), Cantina Iuli (Montaldo di Cerrina), Carlo Grosso & Figli (Montaldeo), Casa Wallace – Covibio (Cremolino), Cascina I Carpini (Pozzol Groppo), Cascina Montagnola (Viguzzolo), Castellari Bergaglio (Rovereto di Gavi).

Continua qui 


Vinitaly
 

Crisi: Coldiretti, triplicati gli orti urbani, a 3,3 mln mq

57 capoluoghi provincia li hanno messi a disposizione cittadini

(ANSA) - ROMA, 21 MAR - Gli orti urbani in Italia sono triplicati in due anni e hanno raggiunto il record di 3,3 milioni di metri quadri. E' quanto emerge da un' analisi della Coldiretti in occasione della presentazione della prima rete di "tutor dell'orto" promossa dalla Fondazione Campagna Amica. "Le coltivazioni degli orti urbani - sottolinea Coldiretti - non hanno scopo di lucro, sono assegnati in comodato ai cittadini richiedenti e forniscono prodotti destinati al consumo familiare. Oltre a rappresentare un aiuto per le famiglie in difficoltà, concorrono a preservare aree verdi residue tra le aree edificate destinate altrimenti all'abbandono e al degrado". A livello nazionale sono 57 le amministrazioni comunali capoluoghi di provincia che hanno messo a disposizione orti urbani per la cittadinanza.

Continua qui

Latina: aste truccate, arrestati un giudice e la moglie, indagata anche la suocera

In manette in tutto 8 persone: fra loro commercialisti, una cancelliera del tribunale e un imprenditore

LATINA - Un sistema di corruzione consolidato all’interno del tribunale fallimentare di Latina: è quanto scoperto dalle procure della Repubblica di Perugia e Latina, dopo mesi di indagini, anche di carattere patrimoniale, che hanno portato all’arresto - tra carcere e domiciliari - di otto persone: tra loro un giudice del tribunale e a moglie. Le ordinanze sono state eseguite dalla squadra mobile pontina guidata da Tommaso Niglio. 

Continua qui

Pensione sempre più lontana, l'età cambia ancora: sale a 66 anni e 7 mesi

ROMA - Si alza ancora l'età pensionabile: tra il 2016 e il 2018 gli uomini andranno in pensione a 66 anni e sette mesi. È quanto si legge in una circolare dell'Inps che chiarisce quanto disposto da un decreto del ministero dell'Economia che fissava in quattro mesi l'aumento dei requisiti per l'accesso alla pensione in relazione all'incremento della speranza di vita. Per il 2019 si fisserà un nuovo adeguamento alla speranza di vita.

DONNE Le donne del settore privato andranno in pensione di vecchiaia a 65 anni e sette mesi (66 anni e sette mesi nel 2018) mentre le lavoratrici autonome andranno in pensione di vecchiaia a 66 anni e un mese (66 anni e sette mesi nel 2018).

Continua qui

Fallimento Delphis, al Retail chiude il ristorante. In 40 senza lavoro

All'inizio doveva essere uno stop di quattro settimane "per ferie". Poi però è intervenuto il tribunale di Genova che ha certificato il crac della società di ristorazione che gestisce, tra gli altri, anche l'insegna di Giò Mangia alla cittadella del commercio di Serravalle Scrivia

SERRAVALLE SCRIVIA – Un cartello dice “Siamo in ferie”. Sull’altro c’è scritto “Chiuso per inventario”. Ma le notizie che arrivano dal tribunale di Genova parlano di fallimento per la Delphis srl, la società che gestisce, tra gli altri, il ristorante Giò Mangia al Retail Park di Serravalle Scrivia. Sono 40 le persone rimaste senza lavoro, suddivise nei tre esercizi commerciali della Delphis: il ristorante del Retail, la birreria Bicu del Porto Antico a Genova, e un locale a Casalecchio di Reno in provincia di Bologna.

I locali sono stati chiusi il 2 febbraio scorso, ufficialmente per un mese di ferie. La riapertura doveva avvenire il 2 marzo. Ma appena tre giorni dopo il tribunale del capoluogo ligure ha formalmente dichiarato il crac, nominando un curatore fallimentare. Da allora, quindi, serrande abbassate da Giò Mangia.

Continua qui

venerdì 20 marzo 2015

Boko Haram fa strage di 'spose schiave'

Militari scoprono cadaveri in pozzi villaggio riconquistato

Decine di donne massacrate da Boko Haram sono state scoperte dall'esercito nigeriano gettate nei pozzi insieme ad altri cadaveri, al momento della liberazione del villaggio di Bama: lo affermano diversi media nigeriani e internazionali, che ipotizzano si tratti di donne rapite e rese spose-schiave dai terroristi islamici.

Continua qui

Non riesce a salvare 19enne. La foto simbolo del medico


Fonte

Kamikaze nelle moschee, massacro di sciiti: adesso l’Isis apre il fronte di guerra in Yemen

Doppio attentato a Sanaa: almeno 137 morti, decine di feriti. Rivendica il Califfato
 
Oltre 135 morti e decine di feriti è il bilancio ancora parziale di un attacco a colpi di kamikaze contro due moschee houthi di Sanaa con cui lo Stato Islamico (Isis) apre il fronte di guerra in Yemen.

L’OFFENSIVA DEL CALIFFO
Le esplosioni sono avvenute oggi all’ora di massima affluenza nelle moschee di Badr e al-Hashoosh quando almeno tre kamikaze si sono fatti esplodere fra centinaia di fedeli houthi, il movimento ribelle che controlla la capitale dopo aver rovesciato il governo sunnita. Lo Stato Islamico di Abu Bakr al Baghdadi ha annunciato lo scorso novembre di aver creato proprie cellule in Yemen e con un’esplicita rivendicazione ha affermato di essere il mandante della strage odierna.

I KAMIKAZE TRA I FEDELI
Testimoni locali affermano che uno dei kamikaze è entrato dentro la moschea, mischiandosi ai fedeli houthi, prima di farsi saltare in aria e quando i sopravvissuti correvano in cerca di fuga verso l’uscita è stato il secondo a farsi esplodere, proprio davanti all’entrata. Fra le vittime c’è l’imam della moschea Badr, Al-Murtada bin Zayd al-Mahatwari. L’attacco alla seconda moschea è avvenuto quasi contemporaneamente.
Continua qui

MAPPANO - Addio al «Mercatone Uno»: 70 lavoratori a casa

Fine delle speranze: il supermercato «Mercatone Uno» di Mappano di Caselle chiude per sempre. In provincia di Torino chiuderà anche il supermercato gemello di Brandizzo. Settanta persone perdono il posto di lavoro. Un vero e proprio dramma occupazionale per una zona, quella del basso Canavese, già ampiamente provata dalla crisi economica. La proprietà del Mercatone Uno (che, in passato, è stato anche lo sponsor ufficiale del "pirata" Marco Pantani) con sede a Imola ha deciso di chiudere 39 dei 79 punti vendita sparsi in tutta Italia: compresi quelli di Mappano e Brandizzo.

Continua qui


Mercatone Uno verso la chiusura. Assemblea e sciopero, posti a rischio


Mercatone Uno, nubi nere sul punto vendita di Serravalle

 

MALTEMPO estremo tra mercoledi 25 e giovedi 26 sull'Italia? Previste piogge preoccupanti!

La depressione che si scaverà tra mercoledi 25 e giovedì 26 sul nostro Paese e che tenderà poi ad isolarsi sul meridione entro venerdì 27 potrebbe determinare accumuli di pioggia particolarmente abbondanti sull'alto Piemonte. 

 

Quando entra in gioco l'Africa in una situazione di maltempo, la situazione può farsi delicata. Quando scende aria fredda sulla Francia e sul nostro Paese si scava una depressione con richiamo di aria umida e mite in risalita dal nord del continente africano e a stretto contatto con quella fredda, i meteorologi si preoccupano, anche se siamo a marzo, anche se il mare generalmente non risponde in maniera cattiva come potrebbe fare tra fine estate ed inizio inverno.

C'è però da tener conto dei numerosi imbuti geografici del nostro Paese, dell'accumulo di umidità sulle Alpi Lepontine e Pennine, così come sulle Prealpi Orobie, poi tra Adamello e Presanella e le Dolomiti del Brenta, e infine le Prealpi Venete e Carniche.

C'è da sperare che gli accumuli precipitativi risultino almeno in parte di tipo nevoso, ma questo dipenderà essenzialmente dalla quota dello zero termico, che ancora ad oggi risulta ballerina, ma che comunque dovrebbe attestarsi fortunatamente al di sotto dei 1500m, impedendo alla massa d'acqua di precipitare a valle nei fiumi, colmandoli sino all'esondazione. Su questo poi ritorneremo poi con precisione nei prossimi giorni, quando capiremo quale sarà l'impatto esatto dell'aria fredda nel sud Europa.

Le zone in cui il modello prevede le precipitazioni più abbondanti risultano quelle del Biellese-Verbano-Cusio-Ossola, con accumuli sino a 204mm ma pioverà tantissimo anche a Milano, con rischio di esondazione per il Seveso e per il Lambro.

 

Continua qui

 

CONFERMATO il guasto del tempo tra martedì 24 e venerdì 27 marzo: ecco i dettagli.

METEO A 15 GIORNI: il bel tempo stabile non si vede ancora...

 

Tunisia, governo: Attentatori addestrati in Libia. Corteo nel cuore della città: "No al terrore"

TUNISI - Li hanno sottovalutati, i sospetti erano nel mirino della polizia ed erano indagati, ma non si pensava potessero portare a termine un attacco di questa portata. Oggi il segretario di Stato per gli affari della sicurezza tunisino, Rafik Chelly, ha spiegato che gli autori della strage di Tunisi avvenuta mercoledì si erano addestrati nelle fila dello Stato islamico in Libia per rientrare in Tunisia proprio attraverso il Paese vicino. Secondo Chelly gli attentatori si trovavano nel Paese già a dicembre. "Sappiamo - ha dichiarato citato dai media locali - che si sono addestrati in alcuni campi per tunisini takfiri (ramo ultra radicale dell'islam, ndr), in Libia, a Sabrata, Bengasi o Derna".

E oggi Tunisi torna di nuovo in piazza contro il terrore proprio nel giorno del 59esimo anniversario dell'indipendenza del Paese. Un centinaio di manifestanti ha dato vita stamane a un corteo contro il terrorismo nella centrale Avenue Bourghiba, nel cuore della città. Sullo striscione che apre la manifestazione si legge: "Il terrorismo non è musulmano né tunisino".


Continua qui

"So che Renzi vuole far fuori Delrio"

LE TELEFONATE

Gli indagati interessati agli equilibri di governo. Chiamata in causa pure la Lorenzin 

 

Conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri

Dall’intervento di un prelato per procacciare voti al ministro Lorenzin e all’europarlamentare Alfredo Antoniozzi fino ai presunti scontri di palazzo tra Matteo Renzi e il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio passando per gli incontri tra un imprenditore arrestato e il marito di Alessandra Mussolini e per i tentativi dell’ex parlamentare Angelo Sanza di «procurare una collaborazione lavorativa» al figlio Manuele. Negli atti della maxi inchiesta fiorentina sui grandi appalti continuano a spuntare i nomi dei più importanti politici italiani. In molti casi sono solo citati dagli indagati durante alcune conversazioni intercettate ma in altre occasioni sono loro stessi a parlare al telefono.

LUCA LUPI Da questa inchiesta emerge che non è inusuale chiedere lavori e consulenze per i figli. Da lunedì scorso si parla dell’assunzione del figlio del ministro Maurizio Lupi su richiesta esplicita del capo del Dicastero. Circostanza sempre negata dall’esponente Ncd. Nelle carte degli inquirenti toscani c’è però un’intercettazione tra Lupi e Incalza nella quale parlano proprio di Luca Lupi. L’8 gennaio 2014 i Ros ascoltano: Incalza «Si?». Lupi: «Ma sei sempre a mangiare ca..o?». I: «No! Quale mangiare? Dimmi tutto». L: «Dove stai?». I: «Al Ministero sono». L: «Ma stai lavorando?». I: «Certo! ... adesso alle 4 abbiamo la riunione». L: «Ascolta ... se fra un quarto d’ora ti mando questo che è venuto da Milano a Roma a far due chiacchiere?». I: «Chi? ... dimmi tutto ... dimmi». L: «Nel senso di avere consulenze e suggerimenti eccetera». I: «Dimmi chi viene... dimmi!». L: «Viene mio figlio Luca». I: «Quando vuoi... ma figurati! Nessun problema!». L :«Quando vuoi... Dimmi a che ora te lo faccio venire in modo che». I: «O adesso o alle cinque quando finisce il Tesoro». L: «No allora conviene che venga adesso così». I: «Io sto qua». L: «Okay ... ciao». I: «Ciao». La situazione però crea diversi malumori tanto che l’ex dg della metropolitana di Milano, Giuseppe Cozza, si sfoga al telefono con Burchi: «Poveretto... ha poi diritto di lavorare anche questo ragazzo adesso... però è lo schifo di vedere questo... questo veramente monopolio di tutti i lavori di Perotti che poi se li ruba alla MM». Cozza risponde spiegando le presunte «pressioni» subite dal ministro per fare lavorare gli imprenditori adesso indagati. Sempre a proposito di Lupi junior ci sarebbero alcune telefonate tra il ministro Lupi e l’imprenditore Claudio De Eccher – sotto interdittiva antimafia della Prefettura di Udine – per far lavorare il figlio Luca. Dopo una telefonata tra il Ministro e De Eccher, il 9 gennaio Cavallo richiama l’imprenditore «e gli prospetta l’esigenza di fissare quanto prima un incontro in quanto gli deve presentare "il figlio", alludendo a Luca Lupi, riservandosi le ragioni». L’accordo, però, salta.

REGALO ALLA MOGLIE DI LUPI I contatti del Ministro con gli imprenditori erano frequenti tanto che nel gennaio 2014, in occasione del compleanno della moglie di Lupi, Cavallo e Perotti si recano a cena a casa del capo del Dicastero portando un «bel regalo». Quella sera parlano dell’esigenza di incontrare il figlio Luca «per definire le sue cose». Anche l’imprenditore De Eccher pensa al Ministro. Il 19 febbraio, prima che si celebrasse l’«evento Infrastrutture e Trasporti» Cavallo avvisa De Eccher che bisogna versare un contributo di partecipazione di 5.000 euro.

DELRIO Anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio viene più volte citato nelle intercettazioni. Non per favori da elargire ma viene preso di mira da chi è poi finito sul registro degli indagati. Il 26 marzo Giulio Burchi, indagato, parla con Cinzia Gelati, responsabile dei rapporti con la stampa della società Metropolitana Milanese Spa che chiede all’imprenditore chi sia Raffaele Tiscar: «Era uno che era in Compagnia delle Opere... fiorentino... assessore a Firenze... - risponde l’indagato - Adesso è vicesegretario generale a Palazzo Chigi... l’hanno messo a fare il vice di Bonaretti perché Renzi vuol far fuori Delrio e Bonaretti». Gelati: «È quello lì di Reggio Emilia... Bonaretti». B: «Sì...un cretino». G: «Va bè». B: «Un cretino assoluto».

PAURA INTERCETTAZIONI È dalla stessa telefonata che si evincono i sospetti di alcuni interlocutori sulla possibilità di essere ascoltati dagli inquirenti al cellulare. Lo stesso Burchi infatti raccomanda a Cinzia Gelati «di non chiamare telefonicamente Franco Cavallo – scrivono i militari del Ros - facendole capire di aver saputo che questi potrebbe essere interessato ad attività d’intercettazione».

LORENZIN E ANTONIOZZI Anche il ministro Beatrice Lorenzin e l’europarlamentare Alfredo Antoniozzi vengono chiamati in causa in alcune intercettazioni. Proprio come nel caso di Maurizio Lupi, altri indagati si sarebbe mobilitati per raccogliere voti in favore dei due politici. Nel maggio 2014, a ridosso delle elezioni europee «Franco Cavallo chiede a tale Nicolò di procurargli del materiale elettorale che deve consegnare a un po’ di preti che gliel’hanno richiesto» scrivono gli inquirenti. «Nicolò – afferma Cavallo al telefono - solo per dirti io avrei bisogno di un po’ di materiale... perché mi han chiesto un po’ di preti... Scusami a me interessava solo il santino... Noi chi portiamo qui? Lui e la Lorenzin?». Nicolò risponde: «Sì .. diciamo lui, Lorenzin e Antoniozzi».

CHAMPAGNE E METRO Dopo vestiti, gioielli, biglietti aerei, borse e dolci mancava solo lo champagne. Tutti regali che avrebbero pagato gli indagati per «avere il favore» di personaggi in posti chiave della politica e dell’imprenditoria. Durante una telefonata tra Perotti e Pelucchi, i due parlano di alcuni funzionari pubblici cui dovrà essere fatta pervenire in regalo un bottiglia di champagne «sulla base di valutazioni utilitaristiche ben esplicitate nelle parole del Perotti: Adesso ho visto il nome di uno che non mi viene in mente proprio chi sia... io ho dei dubbi su quello di Metro C... perché sicuramente quello dopo... io non lo leverei... sinceramente non lo leverei... no... non è solo per quello... è che... è chiaro che non è una cosa di domani... si farà poi la seconda tratta... quindi... secondo me conviene tenerseli buoni... poi... che ca..o... una bottiglia di champagne mi sembra una cosa... no?»

COOP ROSSE E IMMIGRATI Gli affari dei 51 indagati passano dalla Russia al Medioriente fino all’Africa, dove, ormai da anni, partono migliaia di immigrati che arrivano sulle nostre coste. Nel 2014, si legge nelle carte della procura di Firenze, si parla di un appalto in Libia da 350 milioni di euro sul quale la cricca vorrebbe mettere le mani. La gara è per controllare i flussi di immigrati. Il 7 maggio dello scorso anno infatti Davide Vaggi, indicato dai carabinieri del Ros come consulente di Impregilo e delle cosiddette Coop Rosse, accenna a Perotti l’esistenza di un «grosso appalto in Libia dell’importo di 350 milioni di euro per la predisposizione da parte della Selex (gruppo Finmeccanica) di una rete di controllo per l’immigrazione». I due parlano al telefono: «Dovrebbe essere un sistema di controlli – spiega Vaggi - nel sud della Libia... tra il Niger la Libia ed il Ciad eccetera... che si chiama Southern Border Controlling Illegal Immigration System... dove metà di questi 350 milioni... dovrebbe essere opere civili... piste e tutto perché non c’è niente lì... Tu li conosci questi qua della Selenia? ... Ci sarà anche da fare una direzione lavori su questi lavori... Selex... soprattutto adesso che sta venendo fuori tutto questo casino... gli immigrati che arrivano... Lo so perché il mio amico, quello che ci fa da sponda in Libia... lui ha già presentato l’offerta pochi giorni fa... solo per imprese italiane». Stefano Perotti risponde: «Prendo un po’ di informazioni e ti faccio sapere».

ALLUVIONATI Il rapporto tra Incalza e Maurizio Lupi ha portato i due a discutere della questione degli alluvionati in Liguria. All’epoca del disastro un gruppo di parlamentari chiedeva che fossero stanziati soldi ulteriori per l’emergenza. In un’intercettazione, l’arrestato e il Ministro avrebbero affermato di opporsi alla proposta.

FLORIANI Anche il marito di Alessandra Mussolini, Mauro Floriani, sarebbe entrato in contatto con il principale indagato della maxi inchiesta, Ercole Incalza. I militari del Ros infatti hanno intercettato diverse telefonate appurando che i due si sarebbero incontrati più volte a Roma. Ettore Incalza, intercettato, «viene chiamato – scrivono i militari - da Floriani, risultato coinvolto recentemente, in un procedimento penale della Procura della Repubblica di Roma riferito ad un contesto di prostituzione minorile».