giovedì 21 gennaio 2016

Lavoro: nel 2020 i robot sostituiranno 5 milioni di lavoratori. Ecco quali

A dirlo è uno studio del Forum economico mondiale

Stando ad uno studio del Forum Economico Mondiale, il lavoro di non meno di cinque milioni di persone nei paesi industrializzati (Europa e Usa in primis) è fortemente a rischio nei prossimi quattro anni. Ed è a rischio non per questioni congiunturali di carattere economico, ma perchè tranquillamente sostituibile dall’opera dei robot, oggi sempre più tecnologicamente avanzati ed efficienti in diversi ambiti. I più esposti al rischio, contrariamente a quanto si potrebbe supporre, sono i lavori di ufficio.

IMPIEGATI A RISCHIO – Lo studio, anticipato dai tedeschi di Frankfurter Allgemeine Zeitung, rivela come siano proprio i ‘colletti bianchi’ a doversi maggiormente preoccupare, giacchè l’utilizzo dei robot al posto degli operai in fabbrica è un paradigma già avanzato, mentre la prossima ‘rivoluzione’ riguarderà soprattutto i cosiddetti ‘colletti bianchi’. Le vendite di robot industriali, del resto, si prevede aumenteranno di oltre il 40 per cento a livello globale entro due anni. Oggi, infatti, nei settori altamente automatizzati come quello automobilistico svolgono quasi il 90 per cento delle mansioni. Da qui al 2020 saranno invece colpite soprattutto le categorie impiegatizie, in particolare amministrazione, contabilità e finanza.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento