domenica 24 aprile 2016

I profughi puliscono Torino: per tre mesi 27 rifugiati spazzini volontari

"Grazie Torino", c'è scritto così sulla casacchina giallo-fluo che da stamattina, e per dodici settimane, i torinesi vedranno addosso a 27 rifugiati, perlopiù pachistani e nigeriani, che si sono prestati alla città come "netturbini volontari". È il loro modo di ringraziare per l'accoglienza che hanno ricevuto: pulire parchi e giardini, spazzare i marciapiedi, raccogliere le foglie o i rifiuti sparsi per strada. 

Oggi per loro è stato il primo giorno di lavoro. Un turno di sei ore, che ripeteranno il prossimo sabato, per dodici sabati consecutivi. Finché non toccherà ad altri, con cui si daranno il cambio di 12 settimane in 12 settimane, fino a fine anno. Questo, infatti, prevede il progetto nato da un accordo tra Comune e Amiat.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento