lunedì 2 maggio 2016

Il pugile arrestato si difende: «Io con l’Isis? Volevo aiutare i bimbi in Siria»

Milano - «Vedendo le immagini dei bambini martoriati volevo andare in Siria ad aiutare la popolazione e non arruolarmi nell’esercito dell’Isis». È quello che ha detto Abderrahim Moutaharrik uno degli arrestati la scorsa settimana per sospetti legami con l’Isis , davanti al gip Manuela Cannavale. L’uomo come ha riferito il suo difensore l’avvocato Francesco Pesce, si è difeso, così come la moglie, spiegando che non avrebbe organizzato un attentato in Italia dove vive da 16 anni.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento