sabato 7 maggio 2016

Saviano: "Salvini si ferma ignorandolo, non distruggendolo"


Dopo le polemiche sul blitz a Bologna, lo scrittore rilancia una foto tratta da Twitter, dove il volume del leghista è accanto al Mein Kampf

BOLOGNA- "E' inutile distruggere" un libro se ne si vuole fermare il pensiero. Lo dice su Facebook Roberto Saviano, che commenta il blitz di ieri pomeriggio a Bologna del collettivo Hobo all'interno della libreria Feltrinelli: come testimoniato dagli stessi antagonisti con un video, un paio di loro hanno strappato pagine del nuovo volume di Matteo Salvini, leader della Lega, "Secondo Matteo". Lo stesso collettivo, insieme ad altri due, era stato protagonista degli scontri all'esterno della facoltà di Ingegneria, dove Salvini aveva incontrato il rettore dell'ateneo bolognese, Francesco Ubertini.

IL VIDEO Il blitz degli antagonisti

"Su Twitter oggi ho letto messaggi di solidarietà non a Salvini, ma al libro di Salvini- segnala Saviano- che è cosa diversa. Risultato ottenuto ad aver strappato le pagine del libro? Persone che sono andate in libreria e quel libro lo hanno comprato", commenta lo scrittore.


Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento