mercoledì 15 giugno 2016

L’ESTATE NON DECOLLA

Una vasta saccatura atlantica che si estende dalla Gran Bretagna fino al Portogallo, imprime un regime di correnti meridionali umide sulle nostre zone.

La stagione estiva rimane compromessa sul comparto europeo a causa di una vasta saccatura atlantica che sta condizionando il tempo un po' su tutto il continente. L'erigersi dell'alta pressione delle Azzorre lungo i meridiani atlantici, permette ad aria di estrazione polare di alimentare la vasta saccatura che si estende dalla Gran Bretagna fino al Portogallo apportando un tempo molto instabile un po' ovunque. L'unica zona a salvarsi è il meridione della penisola italiana che è investito da correnti più calde e anche meno instabili.

Continua qui 

GROSSO: "l'anticiclone delle Azzorre? Mah, giugno potrebbe terminare instabile su mezza Italia!" 

La previsione a lungo termine ci aiuta a vivere meglio!

Ultime ore, aggiornamenti:  

- MODELLO EUROPEO: per avere un po' di stabilità si dovrà attendere la metà della settimana prossima. Prima di quella data piogge e temporali sono altamente probabili: Link

- CINQUE TERRE: la grandine di lunedì ha colpito i vigneti che producono il celebre Sciacchetrà. I danni si sono verificati soprattutto nei vigneti tra Riomaggiore e Manarola. La grandinata è arrivata in un momento particolarmente delicato per la coltivazione, perché l'uva è a fine fioritura, quindi molto vulnerabile.

- L'estate più calda di sempre rimarrà ancora quella del 2003. Anche la stagione che stiamo vivendo non la batterà. Nell'estate del 2003 tutta la stagione fu rovente, anzi fece caldo anche a maggio. Maggio 2016 è risultato anzi relativamente fresco, giugno ne sta seguendo le orme, ad eccezione del meridione. 

- BERGAMO: nel pomeriggio di domani, giovedì 16 giugno, sono attesi forti temporali in città che potrebbero aggravare i problemi di dissesto idrogeologico presente nelle vallate retrostanti: Link

 

Previsioni a 15 giorni: TENDENZA METEO: dal 23 Giugno l'alta pressione delle Azzorre prova a conquistare l'Italia

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento