martedì 14 giugno 2016

Parigi, un poliziotto e la compagna assassinati da presunto terrorista islamico

Il killer, ucciso dalle forze speciali, ha detto di appartenere all'Is. Era già stato condannato per affiliazione a una rete jihadista. L'agenzia vicina a Daesh ha rivendicato la responsabilità del duplice omicidio. Sano e salvo il figlio delle vittime, un bambino di tre anni

PARIGI - Un poliziotto è stato ucciso a coltellate davanti alla sua casa a Magnanville, una cinquantina di chilometri a nord-ovest di Parigi, da un sedicente militante dello Stato islamico che poi si è asserragliato nell'abitazione della sua vittima. L'omicida è stato a sua volta ucciso dalle forze speciali, che all'interno della casa hanno trovato il cadavere della compagna dell'agente e il figlio della coppia, un bambino di tre anni, sano e salvo. L'agenzia Amaq, legata all'Is, ha rivendicato la responsabilità dell'azione. "Un combattente dello Stato islamico ha assassinato all'arma bianca un uomo del commissariato di polizia di Mureaux e sua moglie vicino a Parigi", ha scritto Amaq secondo Site, il centro di monitoraggio dei siti jihadisti. L'inchiesta è stata affidata all'antiterrorismo. Secondo la France presse, l'uomo era già stato condannato per l'affiliazione a una rete jihadista.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento