domenica 24 luglio 2016

Si chiamerà Volpedo il primo nato da migranti nel paese di Pellizza

Gara di solidarietà per regalargli vestiti, giochi e scarpe


Valentina frezzato
Volpedo(AL)
Milleduecento tra zii, nonni, cugini, fratelli maggiori: il nuovo nato è un bimbo fortunato, perché tutto il paese l’ha adottato e in municipio c’è una stanza piena di regali per lui, manco fosse Natale. Da ieri Volpedo ha 1248 abitanti. E l’ultimo nato si chiama, davvero, Volpedo; iscritto così nel registro del Comune noto per aver dato i natali al pittore Pellizza e prestato lo sfondo a «Il Quarto Stato». 

Esattamente come Pellizza, anche Volpedo (che ha pure un altro nome: Stefano) porterà il posto dove è nato, in giro per il mondo, grazie alla scelta dei suoi genitori, che hanno deciso di chiamarlo così per omaggiare il luogo in cui sono stati accolti, «non come migranti ma come cittadini». Queste le parole della mamma, Antonia Ihekwaba, che in Italia è arrivata con un barcone dei disperati, ormai molti mesi fa; è nigeriana, esattamente come il marito, Samuel, e la bimba che il 2 agosto festeggerà due anni e che ha un nome (pure lei) evocativo: Miracle.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento