giovedì 15 settembre 2016

Piantagione di droga in val Borbera: reti elettrificate e infrarossi per proteggerla

Un pregiudicato di 34 anni, residente a Bosco Marengo, curava con grande attenzione le sue piante di cannabis indica. Nei boschi di Fontanachiusa, a Carrega Ligure, per tenere lontani curiosi e animali aveva anche installato una recinzione elettrificata e trasmettitori a infrarossi

CARREGA LIGURE (AL) – Una vera e propria piantagione di cannabis è stata scoperta dai carabinieri a Carrega Ligure, in val Borbera. A curarla, un pregiudicato residente a Bosco Marengo, che è stato arrestato per coltivazione, produzione e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

L’uomo, A.G., 34 anni, sin dallo scorso mese di luglio, stava coltivando numerose piante di cannabis, curandone con grande attenzione le varie fasi della crescita. Infatti annotava su un taccuino i giorni in cui doveva annaffiarle e concimarle. Con tale perizia, da piccole germogli di pochi centimetri, ricavava della pianta “adulte” ricchissime di infiorescenze dalla cui essiccazione ricavata la marijuana.

Continua qui

L'erba di Grace

Nessun commento:

Posta un commento