martedì 18 ottobre 2016

Germania: esplosioni in stabilimenti Basf nel porto di Ludwigshafen e a Lampertheim, due morti

Lo scoppio durante lavori a tubature nell'area degli impianti chimici. Altro incidente legato all'esplosione di un filtro

Due morti, due dispersi e sei feriti è il bilancio ufficiale dell'esplosione nella zona portuale di Ludwigshafen utilizzata dal colosso chimico Basf, nel sudovest della Germania. Lo hanno reso noto le autorità in una conferenza stampa a Ludwigshafen.

Secondo quanto scrive la Bild online, tra i sei dispersi ci sarebbero anche due vigili del fuoco. La notizia non è stata confermata ufficialmente dalle autorità, ma è stata ripresa dalla tv all-news N24.
In seguito all'esplosione, Basf ha reso noto di aver sospeso le attività industriali dell'area per motivi di sicurezza. Restano in vigore le misure di sicurezza per l'allarme dei fumi per i cittadini che sono stati invitati a restare in casa, a chiudere porte e finestre e a spegnere gli eventuali impianti di aria condizionata e ventilazione. L'allarme si è esteso anche alla città di Mannheim, che si trova sull'altra sponda del fiume Reno.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento