sabato 24 dicembre 2016

Addio alla mobilità dal 1° gennaio. Cosa cambia nel 2017

Scompare dopo 25 anni l'indennità di mobilità per i lavoratori colpiti da licenziamento collettivo. Ai disoccupati resta solo l’assegno Naspi

Scatta il 1° gennaio una nuova disposizione della legge Fornero: sparisce la mobilità per i lavoratori colpiti da licenziamento collettivo. Per la precisione, dopo ben 25 anni viene eliminata l’indennità spettante ai lavoratori licenziati da imprese industriali con più di 15 dipendenti o commerciali con oltre 50. L’unico assegno di disoccupazione resta la Naspi, uguale per tutti. La durata della Naspi sarà quasi sempre più breve rispetto alla mobilità, inoltre l’assegno potrà essere pari fino al 75% dello stipendio medio degli ultimi 4 anni, assegno che andrà diminuendo ogni mese.
Solo chi è stato messo in mobilità quest’anno continuerà a percepire il vecchio assegno, mentre non sarà possibile erogarne di nuovi.

COSA CAMBIA – Dal prossimo anno – spiega la Uil – verranno meno anche gli incentivi alle assunzioni per coloro che, licenziati quest’anno, continueranno a percepire l’indennità di mobilità anche nel 2017. Gli sgravi riguardavano le assunzioni di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità indennizzata.
La contribuzione previdenziale a carico dell’azienda era pari a quella degli apprendisti, per la durata di 18 mesi in caso di assunzione a tempo indeterminato e 12 mesi in caso di tempo determinato. A ciò si aggiungeva un contributo mensile, pari al 50% dell’ indennità non ancora percepita per un periodo di 12 mesi per persone under 50 anni; 24 mesi per gli over 50; 36 mesi over 50 anni residenti nel Mezzogiorno e nelle aree ad alto tasso di disoccupazione.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento