giovedì 29 dicembre 2016

Giulio Regeni, il capo del sindacato egiziano confessa: “L’ho consegnato io all’Interno”

In un'intervista all'edizione araba dell'Huffington Post, Mohamed Abdallah, sospettato da marzo di essere l'umo che aveva tradito il ricercatore friuliano, ha dichiarato: "Ogni buon egiziano, al mio posto, avrebbe fatto lo stesso"


Già il 4 agosto scorso l’agenzia di stampa Reuters aveva puntato l’attenzione su Mohamed Abdallah, il capo del sindacato egiziano degli ambulanti. Due fonti della sicurezza interna egiziana avevano raccontato come l’uomo fosse un informatore dei servizi segreti. In un’intervista all’edizione araba dell’Huffington Post, Abdallah ha confessato di aver consegnato il ricercatore italiano Giulio Regeni al ministero dell’Interno, cioè agli uomini che fanno capo direttamente al presidente Al Sisi.

Regeni, incaricato dall’università di Cambridge di fare una ricerca sul campo proprio nell’ambito del mondo sindacale, secondo Abdallah faceva troppe domande“.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento